Autore Topic: Abilitazione all'estero. Malta? Albania?  (Letto 56663 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

papamoonx

  • Nume Tutelare

  • Offline
  • *****
  • 2376
Abilitazione all'estero. Malta? Albania?
« Risposta #25 il: 29 Nov 2005, 11:47 »
Puoi dire qc di più Latin? Io ho cercato di contattare Malta come un disperato ma non mi hanno dato risposte.

Taormina

  • Praticantissimo

  • Offline
  • *****
  • 139
Abilitazione all'estero. Malta? Albania?
« Risposta #26 il: 29 Nov 2005, 11:54 »
Chi??Qualche assistito?? :D

kzc

  • Habitué

  • Offline
  • ***
  • 35
Abilitazione all'estero. Malta? Albania?
« Risposta #27 il: 29 Nov 2005, 15:05 »
comunità, al momento mi sento molto piu ottimista per Malta piu che Albania, sono di Barletta (BA) e ho il Consolato in Città appena ho un po di tempo vado a sentire, in ogni caso di qua siamo già un bel pò di praticanti disponibili alla cosa vi terrò informati, ovviamente però datevi alla ricerca anche voi

kzc

  • Habitué

  • Offline
  • ***
  • 35
Abilitazione all'estero. Malta? Albania?
« Risposta #28 il: 29 Nov 2005, 15:23 »
ehi comunità guardate un po!!!!!!! vorei nn sbagliarmi ma in questo testo dovrebbeo essere delineati i requisiti per poter essere abilitati in Malta, il resto lo sapete no:
 4. Advocates
For an individual to practice the profession of an advocate in Malta, such individual must, be in possession of a warrant issued by the President of the Republic and under the Public Seal of Malta. Upon obtaining such a warrant, he/she must, in a public sitting, before the Court of Appeal take an oath of allegiance and an oath of office.

The same Code stipulates the qualifications necessary for obtaining this warrant, i.e.:

he is of good conduct and good morals;
he is a citizen of Malta or of a Member State or is otherwise permitted to work in Malta under any law;
he has obtained the academica degree of Doctor of Law (LL.D.) in accordance with the provisions of the Statute of the University of Malta (http://www.um.edu.mt), or a comparable degree from such other competent authority in accordance with the principles of mutual recognition of qualifications, after having studied law in Malta or in a Member State;
he has, after satisfying the requirement of paragraph iii or, in the case of persons regularly following the academica course of law in the University of Malta, at any time after the commencement of the last academic year of the said course, for a period of not less than one year regularly attended at the office of a practicing advocate of the Bar of Malta and at the sittings of the superior courts;
he possesses a full knowledge of the Maltese language as being the language of the courts;
he has been duly examined and approved by two judges who shall issue, under their signature and seal, a certificate attesting that they have found him to possess the above qualifications, and that he is competent to exercise the profession of advocate in the courts of Malta.
Amongst the duties of the Constitutionally created Commission for the Administration of Justice, is that at all times, this Commission must have a Committee for Advocates and Legal Procurators which shall have such composition, functions, powers and duties as may be assigned to it by law. The Commission shall in the exercise of any of its functions in relation to the professions of Advocates and Legal Procurators act through this committee including any matter concerning the misconduct of an advocate or legal procurator in the exercise of their profession. Advocates are to abide by a Code of Ethics and Conduct, specifically drawn up for Advocates by this Commission.

Where the Committee finds that there has been misconduct by an advocate or legal procurator in the exercise of his profession or where the Committee finds that the advocate or legal procurator suffers from an infirmity of mind that may seriously affect the exercise of his profession, it may -

request the Commission to recommend to the Prime Minister to advise the President of Malta that the advocate or legal procurator be suspended perpetually or for a specified period from the exercise of his profession;
impose a pecuniary penalty;
admonish the advocate or legal procurator; or
make such recommendations to the advocate or legal procurator as it may deem appropriate in the circumstances.
Subsidiary Legislation 12.17, entitled “Mutual Recognition of qualifications of Legal Profession Regulations”, (brought into force on the 1 st May, 2004) deals with the possibilities for non Maltese citizens to practice the profession of an advocate in Malta. An individual wishing to establish him/herself in Malta and practice the profession of an advocate in Malta needs to first register such interest with the President of Malta. Such interest needs to be supported by a certificate (that cannot be more than 3 months old) attesting his/her registration with the competent authority in the home Member State. The President of Malta may require him/her to indicate the professional body of which he/she is a member in his home Member State or the judicial authority before which he/she is entitled to practice pursuant to the laws of his home Member State. He may at any time apply to have his/her degree recognised in accordance with the provisions of the Mutual Recognition of Professional Education and Training Regulations (Legal Notice 271 of 2002), with a view to gain admission to the legal profession in Malta.



5. Legal Procurators
For an individual to practice the profession of legal procurator in Malta, such individual must, be in possession of a warrant issued by the President of the Republic and under the Public Seal of Malta. Upon obtaining such a warrant, he/she must, in a public sitting, before the Court of Appeal take an oath of allegiance and an oath of office.

The qualifications necessary for obtaining this warrant are the following:-

he/she is of good conduct and good morals;
he/she is a citizen of Malta or of a Member State or is otherwise permitted to work in Malta under any law;
he/she has been approved by the examining board of the Faculty of Law, at a regular examination in the subjects of the course of studies to be followed by candidates for the profession of legal procurator, in accordance with the regulations of the University of Malta, or a comparable degree from such other competent authority in accordance with the principles of mutual recognition of qualifications, after having studied law in Malta or in a Member State;
he/she has, after passing the examination referred to in paragraph iii or at any time after the commencement of the last academic year of the said course, for a period of not less than one year, attended at the office of a practising advocate of the Bar of Malta and trained himself in the practice of the profession;
he/she has been duly examined and approved by two judges, who shall issue under their signature and seal a certificate attesting that they have found him to possess the qualifications above mentioned and that he is competent to practise as legal procurator in the courts of Malta.
The principal duties of the Legal Procurator are to assist the Advocates with whom they are retained, in the proceedings of the cases; to file written pleadings in the Registry of the Courts on behalf of the clients, and to perform generally other services in connection with the preparation of lawsuits by the Advocates.

Legal Procurators are entitled to give advice in the Courts of Magistrates and in special Tribunals and Boards.

Legal Procurators are entitled to the same privileges, and are subject to the same disqualifications, as Advocates. They are also subject to the supervision by the Commission for the Adminstration of Justice.

The Commission for Administration of Justice has enacted in 1998 a Code of Ethics and Conduct for Legal Procurators.

§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§

E QUESTA è LA TRADUZIONE: CONSIDERATE CHE NN è ATTENDIBILE AL 100% IN QUANTO ESEGUITA CON IL TRANSLATOR!!:
4. Fautori  
Per un individuo tale individuo deve praticare la professione di un fautore in Malta, sia in possesso di una garanzia pubblicato dal Presidente della Repubblica e sotto il Sigillo Pubblico del Malta. All'ottengono tale garanzia, he/she devono, in una seduta pubblica, di fronte alla Corte di Appello giuri.  
 
Lo stesso Codice stipula le qualifiche necessario per ottenere questa garanzia, i.e.:  
 
lui è di buona condotta ed il buon morals;  
lui è un cittadino del Malta o di un Membro Stato o è permesso altrimenti di lavorare in Malta sotto alcuna legge;  
lui ha ottenuto il grado di academica di Dottore di Legge (LL.D.) in concordanza coi provvedimenti dello Statuto dell'Università di Malta (http://www.um.edu.mt), o un grado comparabile da competente autorità così altra in concordanza coi principi di riconoscimento reciproco di qualifiche, dopo avere studiato legge in Malta o in un Membro Stato;  
lui ha, dopo avere soddisfatto il requisito di iii del paragrafo o, nel caso di persone che seguono il corso di academica di legge nell'Università di Malta regolarmente, ad alcuna durata dopo il principio dell'ultimo anno accademico del corso detto, per un periodo di non meno che un anno presenziò all'ufficio di un fautore praticante della Sbarra del Malta regolarmente ed alle sedute delle corti superiori;  
lui possiede una piena conoscenza della lingua maltese come essendo la lingua delle corti;  
gli è stato esaminato debitamente e è stato approvato da due giudici che pubblicheranno, sotto la loro firma e sigilla, un certificato che attesta che loro l'hanno trovato per possedere le qualifiche su, e che lui è competente per esercitare la professione di fautore nelle corti del Malta.  
Fra i doveri della Commissione Costituzionalmente creata per l'Amministrazione della Giustizia, è quello sempre, questa Commissione deve avere un Comitato per Fautori e Procuratori Legali come i quali avranno tale composizione, funzioni, i poteri ed i doveri può essere assegnato a lui da legge. La Commissione può nell'esercizio di alcune delle sue funzioni in relazione alle professioni di Fautori e Procuratori Legali agisca attraverso questo comitato incluso alcuna questione riguardo al conduca di un fautore o procuratore legale nell'esercizio della loro professione. Fautori sono attenersi ad un Codice di Morali e Condurre, specificamente disegnati su per Fautori da questa Commissione.  
 
Dove le scoperte di Comitato che ci sono state conducono da un fautore o procuratore legale nell'esercizio della sua professione o dove le scoperte di Comitato che il fautore o procuratore legale patisce una debolezza di mente che può colpire l'esercizio della sua professione seriamente, può -  
 
richieda la Commissione per raccomandare al Primo Ministro per mettere al corrente il Presidente del Malta che il fautore o procuratore legale perpetuamente sia sospeso o per un periodo specificato dall'esercizio della sua professione;  
imponga una sanzione penale pecuniaria;  
ammonisca il fautore o procuratore legale; o  
faccia tali raccomandazioni al fautore o procuratore legale come può ritenere adatto nelle circostanze.  
Legislazione 12.17 sussidiaria, intitolò “Riconoscimento Reciproco di qualifiche di Professione Regolamentazioni Legali”, (apportò forza sullo st del 1 maggio, 2004) quantità con le possibilità per non cittadini maltesi per praticare la professione di un fautore in Malta. Un desiderando individuale per stabilire him/herself in Malta e praticare la professione di un fautore in Malta ha bisogno di registrare tale interesse col Presidente del Malta prima. Tale interesse ha bisogno di essere sostenuto da un certificato (quello non può essere più che 3 mesi vecchio) attestando registrazione di his/her con l'autorità competente nello Stato del Membro della casa. Il Presidente del Malta può costringere him/her ad indicare il corpo professionale del quale he/she è un membro nel suo Stato del Membro della casa o l'autorità giudiziale di fronte alle quali he/she è intitolato per praticare conseguente alle leggi del suo Stato del Membro della casa. Lui può ad alcuna durata applichi avere grado di his/her riconosciuto in concordanza coi provvedimenti del Riconoscimento Reciproco di Istruzione Professionale e Regolamentazioni che Addestrano (Avviso 271 Legale di 2002), con una vista per guadagnare ammissione alla professione legale in Malta.  
 
 
 
5. Procuratori legali  
Per un individuo tale individuo deve praticare la professione di procuratore legale in Malta, sia in possesso di una garanzia pubblicato dal Presidente della Repubblica e sotto il Sigillo Pubblico del Malta. All'ottengono tale garanzia, he/she devono, in una seduta pubblica, di fronte alla Corte di Appello giuri.  
 
Le qualifiche necessario per ottenere questa garanzia è il seguente: -  
 
he/she è di buona condotta ed il buon morals;  
he/she è un cittadino del Malta o di un Membro Stato o è permesso altrimenti di lavorare in Malta sotto alcuna legge;  
he/she è stato approvato dall'asse esaminatore della Facoltà di Legge, ad un esame regolare nei soggetti del corso di studi per essere seguito da candidati per la professione di procuratore legale, in concordanza con le regolamentazioni dell'Università di Malta o un grado comparabile da competente autorità così altra in concordanza coi principi di riconoscimento reciproco di qualifiche, dopo avere studiato legge in Malta o in un Membro Stato;  
he/she ha, dopo essere passato l'esame assegnato ad in iii del paragrafo o ad alcuna durata dopo il principio dell'ultimo anno accademico del corso detto, per un periodo di non meno che un anno, presenziò all'ufficio di un fautore che pratica della Sbarra del Malta e si addestrò nella pratica della professione;  
he/she è stato esaminato debitamente e è stato approvato da due giudici che pubblicheranno la loro firma sotto e sigilleranno un certificato che attesta che loro l'hanno trovato per possedere le qualifiche sopra di menzionò e che lui è competente per praticare come procuratore legale nelle corti del Malta.  
I doveri principali del Procuratore Legale sono assistere i Fautori con chi loro sono trattenuti, nei procedimenti dei casi; archiviare pleadings scritto nella Registrazione delle Corti in favore dei clienti, e compiere servizi generalmente altri in collegamento con la preparazione di denunce dai Fautori.  
 
Procuratori legali sono intitolati per dare consiglio nelle Corti di Magistrati ed in Tribunali speciali ed Assi.  
 
Procuratori legali sono intitolati agli stessi diritti, e è soggetto alle stesse squalifiche, come Fautori. Loro sono anche soggetti alla soprintendenza dalla Commissione per l'Adminstration della Giustizia.  
 
La Commissione per Amministrazione della Giustizia ha decretato nel 1998 un Codice di Morali e ha Condotto per Procuratori Legali.  
 
§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§
ora via alle interpretazioni!!!!!!!!!

kzc

  • Habitué

  • Offline
  • ***
  • 35
Abilitazione all'estero. Malta? Albania?
« Risposta #29 il: 29 Nov 2005, 15:57 »
questo invece è ciò che serve negli alti pesi della UE:
NOTIZIE DALL’EUROPA

La realtà europea permea sempre più estesamente la nostra vita sociale e professionale. Nel prossimo millennio l’avvocatura italiana sarà totalmente immersa nella nuova dimensione europea. Occorre, quindi, prepararsi alle nuove esigenze. Questo spazio è dedicato all’Europa.

Qui di seguito la dott.ssa Irene Colangelo riferisce, con efficace sintesi, i sistemi di formazione e di accesso alla professione legale nei vari paesi europei.


--------------------------------------------------------------------------------

Irene Colangelo

FORMAZIONE E ACCESO ALLA PROFESSIONE DI AVVOCATO IN EUROPA

Austria (rechsanwalt), Belgio (avocat), Danimarca (advokat), Finlandia (aslanajaja), Francia (avocat), Germania (rechtsanwalt), Inghilterra (Solicitor, Barrister), Irlanda del Nord (solicitor, barrister), Scozia (solicitor), Irlanda (solicitor), Grecia (dikigoros), Lussemburgo (avocat), Norvegia, Olanda (advocat), Portogallo (advogado), Spagna (abogado y procurador), Svezia

Austria

Si accede alla professione forense previo:

1.      diploma di laurea; 2) tirocinio legale; 3) superamento di un esame di abilitazione.

Il tirocinio legale si svolge:

a.      presso il Tribunale: il tirocinante, inserito nella gerarchia amministrativa della giustizia, partecipa a un corso formativo della durata di nove mesi.

b.      presso l’avvocato: una volta iscritto come praticante procuratore presso la Camera degli Avvocati, il praticante, che deve altresì frequentare corsi di formazione tenuti dalla stessa, può sostituire il titolare, tenuto a remuneralo, presso qualsiasi tribunale, salvo eccezioni.

Titolo: "rechsanwalt".

Belgio

Requisiti per l’accesso alla professione forense:

1.      diploma di licenza in diritto, che rende possibile l’iscrizione alla lista dei praticanti avvocati.

2.      Formazione:- pratica forense della durata di tre anni presso lo studio di un collega esperto;

- partecipazione a corsi pratici organizzati dai Consigli dell’Ordine.

Il praticante, avocat stagiaire, ha tre obblighi:

a.      frequenza dello studio;

b.      partecipazione ad attività di udienze;

c.      soluzioni di questioni giuridiche a lui assegnate.

1.      superamento, al termine del secondo anno di formazione, di una prova attitudinale.

Titolo: avocat.

Danimarca

Formazione: durata tre anni.

Il praticante è tenuto a: a) farsi guidare da un collega esperto;

                                    b) partecipare alle udienze.

In via facoltativa può seguire dei corsi di formazione.

Al termine dei tre anni, non è previsto alcun esame.

Titolo: "advokat".

Finlandia

Preparazione: universitaria; le università sono gratuite, ma è limitato l’accesso perché è previsto il numero chiuso.

Formazione: quattro anni di pratica nell’ambito delle attività legali, di cui due presso un studio legale. Non vi sono scuole di formazione.

Esame: ha ad oggetto la sola materia della deontologia forense e va sostenuto presso il Consiglio dell’Ordine.

Titolo: "aslanajaja".

Francia

Formazione: si articola in tre fasi:

1.      ammissione a un centro di formazione previo esame scritto e orale.

L’esame scritto consta di due prove: la prima in diritto civile; l’altra in una materia a scelta del candidato tra diritto amministrativo, commerciale, penale, europeo e sociale.

L’esame orale verte su materie concernenti la tutela delle libertà e dei diritti fondamentali.

2.      Superato l’esame di cui sopra, l’allievo segue:

a.      formazione di base: di circa 500 ore, comprensive dello studio della deontologia professionale (80 ore), delle tecniche processuali (60 ore), comunicazione orale (40 ore), di redazione di atti (40 ore), di una lingua straniera (40 ore), per un minimo di 360 ore.

b.      praticantato: svolto presso un avvocato o altro professionista del diritto, agente contabile o organismo giudiziario in Francia o all’estero. In tale fase, l’allievo avvocato non può sostituirsi al dominus.

c.      formazione complementare: di un minimo di 300 ore per allievi avvocati non in possesso di un diploma di studi superiori specializzati o approfonditi.

1.      Successivamente a tale fase, l’allievo avvocato diviene avvocato praticante, ma la sua formazione continua in quanto deve sia frequentare, per almeno un anno, uno studio legale e sia deve svolgere non meno di 200 ore di formazione presso università o grandi scuole.

Titolo: "avocat".

Germania

1.      Corso di studi conclusi da un primo esame di stato articolato in otto prove scritte e una orale su materie giuridiche fondamentali.

2.      Formazione comune per tutti coloro che intendono accedere alla magistratura, all’avvocatura e al notariato. L’aspirante professionista è assunto nella P.A. con status impiegatizio (referendario) e relativa retribuzione.

In Baviera, la durata di detta formazione è di 24 mesi suddivisi in 5 periodi detti stazioni e distinti in:

a) 6 mesi in uffici giudiziari civili

b) successivi 3 mesi in uffici giudiziari penali;

c) altri 7 mesi presso uffici amministrativi.

In tali uffici, il referendario è tenuto ad un minimo di presenza e di lavoro concreto.

a.      4 mesi presso avvocati autorizzati che introducano il referendario all’attività di avvocato, sulla base dei criteri del Ministro della Giustizia e degli Ordini bavaresi.

Contemporaneo è l’obbligo per il referendario di frequentare Corsi e partecipare a gruppi di lavoro.

1.      Secondo esame di stato: si sostiene trascorsi 20 mesi dal primo periodo di pratica, superato il quale, il referendario alle varie attività giuridiche.

Tale esame consiste in:

a.      una prova scritta che consta di 11 scritti;

b.      superata tale prova, è necessario un ulteriore periodo di pratica della durata di 4 mesi, a contenuto libero presso autorità e enti nazionali ed internazionali;

c.      Terminato quest’ultimo periodo di pratica, il candidato è ammesso all’esame orale su tutte le materie obbligatorie e su un tema a sua scelta.

In caso di esito negativo, l’esame può essere ripetuto una sola volta. Chi lo supera ha le seguenti possibilità:

·         accesso alla magistratura per i migliori classificati;

·         gli altri si distribuiscono tra l’avvocatura e la P.A.

·         per i notai, criterio di nomina simile a quello italiano.

1.      Accesso alla professione: due i meccanismi:

a.      Ammissione all’avvocatura, a carattere generale e permanente.

b.      Iscritto all’Ordine, l’avvocato è poi ammesso a esercitare presso un dato organo giurisdizionale di prima istanza a carattere locale.

Trascorsi 5 anni di attività, l’avvocato può richiedere l’ammissione ad esercitare le funzioni presso la Corte d’Appello, rinunciando al patrocinio presso i gradi giurisdizionali inferiori.

Gli avvocati patrocinanti presso la Corte di Cassazione sono di numero molto limitato a causa del selettivo meccanismo di ammissione.

Titolo: "rechtsanwalt".

Inghilterra

Due le figure principali: A) solicitor(60.000) e B) barrister (6.000), le cui funzioni sono diverse come altresì la formazione professionale.

A.     Solicitor

Funzioni: svolge varie funzioni giuridiche e giudiziarie, come quella del notaio (responsabile delle formalità di trasferimento di immobili e delle successioni), pur se non svolge le funzioni di pubblico ufficiale, quella di avvocato (di norma esercita il suo patrocinio presso le Corti inferiori, le c.d. County Courts, tribunali regionali di prima istanza, e le Magistrates Courts, Corti in cui si giudicano le controversie minori in materie penali, ma dal 1990 se in possesso di apposita autorizzazione possono patrocinare anche innanzi a Corti superiori) e quella di consulente giuridico.

Formazione: divisa in più fasi: a) teorica, b) professionale, c) pratica.

Supervisori di tale formazione, la Law Society, il Lord Chancellor’s Department, il Ministero della Giustizia.

a.      teorica:(Academic Stage of Training) formazione di tipo universitario che prevede la laurea in giurisprudenza o altra di livello equivalente per la quale, ai fini della equiparazione, è fondamentale lo studio di materie giuridiche. In tal caso l’aspirante solicitor può ottenere l’equivalente della laurea in giurisprudenza seguendo un corso annuale (full- time) o biennale (part- time), e a conclusione dello stesso sostenere il Common Professional Examination (CPE), che permette di accedere sia alla professione del solicitor che di barrister, essendo comune ad entrambe, o iscriversi a un corso di legge post-laurea. Tali corsi perseguono il fine di fornire agli studenti un insegnamento relativo a materie, quali trasferimenti immobiliari, successioni, contabilità, diritto societario, diritto del lavoro, diritto dei consumatori, procedura civile e procedura penale, considerate fondamentali dalla Law Society al fine del superamento dello stadio accademico.

Vocational Stage of Training: fase teorica ulteriore a cui si accede solo dopo aver ottenuto dalla Law Society, un certificato che attesti la conclusione e il buon esito dello stadio accademico.

b.      professionale (The Legal Practise Course LPC): All’LPC si accede dopo aver ricevuto un certificato di iscrizione, il Certificate of student Enrolment, sempre dalla Law Society.

Ha durata di un anno (full-time) o di due- tre anni (part-time).

E’ tenuto da 27 istituti controllati dalla Society con disponibilità di 8.000 posti circa.

Il corso abbina insegnamenti teorici a esercitazioni pratiche (redazioni di documenti), nonché colloqui e consulenze.

c.      pratica (Training Contract):ultimo passo al fine di divenire membro della categoria dei solicitor . Ha durata di due anni (full-time) quattro (part-time) da compiersi presso lo studio di un solicitor o di uno studio associato (autorizzati dalla Law Society).

Il tirocinante, che deve essere ricompensato con un minimo salariale che non deve scendere al di sotto della somma stabilita dalla Law Society, è obbligato a frequentare un ulteriore corso, il Professional Skills Course (PSC) che ha ad oggetto i seguenti insegnamenti:

1.      Financial e Business Skills; 2) Advocacy e Communicatio Skills; 3) Ethics e Client Responsabilities.

Formazione permanente: obbligatoria per tutti i solicitors ed è corrispondente a venti ore di corso ogni anno organizzata dal College of Law.

Per avvocati stranieri lo stesso College ogni anno organizza, per soli venti posti e con finanziamento di borse di studio da parte del British Council, una formazione in diritto inglese della durata di sei mesi.

Costo della formazione: gli studenti universitari sono assistiti da borse di studio; tali sovvenzioni sono discrezionali per il corso relativo a studi ulteriori. Molti studi, però si fanno carico della formazione dei propri praticanti.

A.     Barrister

Funzioni: è patrocinante innanzi alle Corti Superiori; non ha contatto diretto con il cliente, se non tramite il solicitor che si occupa della pratica legale; è, inoltre, consulente giuridico e giudiziario.

Formazione: divisa in più fasi:

a) teorica

b) professionale

c) pratica.

a.      teorica: identica a quella del solicitor; il diploma di laurea e del CPE consentono l’ammissione al Council of Legal Education (CLE), unico centro di formazione per Barrister.

Gli allievi- barrister devono iscriversi ad un Inn (i quattro collegi in cui sono organizzate le Chambers, gli studi degli avvocati, al fine di poter proseguire la formazione, seguendo il Vocational Stage.

b.       professionale: si può completare tale seconda fase, che precede la chiamata al Bar in due modi: col Bar Vocational Course (BVC) o col Bar Examination. Il BVC, scelto dallo studente che intende esercitare la pratica professionale come membro del Bar d’Inghilterra e del Galles, consiste in un corso di preparazione all’esercizio della professione legale teso a fornire la conoscenza e le tecniche idonee a affrontare lo stadio successivo del pupillage, attraverso insegnamenti teorici cui sono abbinati esercizi pratici (redazione di documenti, incontri e colloqui coi clienti, etc…).

Il corso è tenuto dalla Inn of Court School of Law a Londra e dal 1997 anche da altri istituti presenti in altre parti del paese.

Abolita, dal 1989, la formula dell’esame conclusivo, gli studenti affrontano prove scritte e orali durante l’arco della durata del corso.

Il Bar Examination, strada prescelta da coloro che vogliono qualificarsi per la chiamata al Bar, ma non intendono esercitare la professione come membri del Bar d’Inghilterra e del Galles, si compone di sei prove scritte di cui quattro obbligatorie e due scelte da una lista di sette prove facoltative. Tale esame può essere sostenuto quattro volte al massimo.

Ammissione al Bar: va preceduta dall’intervento da parte dello studente a un certo numero di dining terms, ossia periodi di tre settimane durante i quali gli studenti partecipano a delle cene insieme ai barrister nelle sale degli Inns.

L’ammissione ha luogo in determinati giorni dell’anno fissati da ciascuna Inns of Court per i propri studenti; si tratta di una cerimonia solenne (Call Day) durante la quale i componenti del corpo deputato al governo dell’Inns proclamano barrister gli studenti che hanno concluso l’iter formativo previsto, attraverso la consegna di un diploma.

c.      pratica: denominata Pupillage, è della durata di dodici mesi. Nei primi sei mesi di tirocinio non pratico, il pupil lavora sotto la supervisione di un dominus, nei successivi sei mesi di tirocinio pratico , lo stesso può patrocinare in autonomia e percepire i relativi compensi. Il pupil ha, in tale periodo, l’obbligo, al fine del rilascio di un documento che attesti l’avvenuto pupillage e abiliti all’esercizio della professione, di seguire altri due Corsi: l’Advocacy training course e l’Advice to Counsel course. Tenancy: ultimo passo dopo il pupillage. Tenant è quel pupil che riesce ad ottenere una occupazione permanente come barrister, il che è, però, molto difficile, vista la grande competizione e il limitato numero delle Chambers. Chi fallisca al primo tentativo può iniziare un terzo semestre di pupillage, nella speranza di riuscire alla sua conclusione.

Irlanda del Nord

Un centro studi presso la Quenn University di Belfast si occupa della preparazione di 70 solicitors e 20 barrister, previo esame di ammissione.

Scozia

Conseguito il batchelor of law degree, l’aspirante deve conseguire il Legal Pratice, stage della durata di un anno presso una delle 5 università del paese, finanziate solo in parte dalla Law Society of Scotland. La frequenza di tale corso è indispensabile per l’ammissione all’Ordine degli Advocates.

Successivamente, occorre un periodo di pratica presso lo studio di un solicitor o sotto la vigilanza di un solicitor presso un ente pubblico.

Irlanda

1.      formazione professionale: dura 3 anni, durante i quali il praticante lavora presso un solicitor, per almeno otto ore al giorno dietro compenso di un minimo salariale inter- professionale.

a.      3 mesi di pratica presso lo studio di un avvocato;

b.      5 mesi di frequenza ai corsi organizzati dai Consigli dell’Ordine;

c.      18 mesi come praticante presso lo studio di un avvocato;

d.      6 settimane di frequenza ad altro corso organizzato dagli stessi Consigli.

1.      terminata la formazione, l’aspirante può chiedere l’iscrizione all’Albo degli Avvocati, senza bisogno di alcun esame.

Titolo: "solicitor".

Grecia

1.      Formazione professionale: Conseguita la laurea e l’iscrizione come avvocato principiante, è prevista la partecipazione a corsi di preparazione.

Contemporanea, la pratica sotto il controllo di uno o più avvocati con esperienza di minimo 5 anni.

2.      Esame: si sostiene al termine della pratica presso la sede di ciascuna Corte d’Appello e consiste in una prova scritta ed una orale.

Titolo: "dikigoros".

Lussemburgo

1.      Formazione professionale: della durata di 3 anni.

Il praticante è tenuto a seguire corsi di preparazione e a lavorare presso il Tribunale e gli Uffici fiscali, sotto la guida e il controllo di un avvocato presso cui svolge il periodo di pratica.

2.      Esame: si sostiene al termine della pratica, consiste in una prova scritta ed una orale e si svolge presso il Tribunale.

3.      Iscrizione all’Ordine degli avvocati: come avvocato esercente, al termine delle fasi su indicate.

Titolo: "avocat".

Norvegia

1.      Diploma di laurea in legge: il cui conseguimento nelle Università del paese, a cui si accede previo superamento di un esame, è obbligatorio.

2.      Formazione: pratica legale come "assistente giudice", "assistente avvocato" o "assistente pubblico ministero". La durata varia da 1 anno e mezzo a 2 o 3 anni.

Tale pratica si articolo nel modo seguente:

a.      partecipazione a seminari organizzati dal Consiglio forense novergese e dall’Associazione dei giuristi che constano di due sessioni della durata di 46 ore, di cui 29 dedicate a lezioni teoriche e 17 ad attività pratiche. Oggetto di studio: le procedure civile e penale, deontologia, risoluzione alternativa delle dispute, organizzazione di uno studio legale.

b.      al termine del seminario, il candidato presenta un elaborato scritto soggetto al controllo degli Organi competenti.

c.      l’iter formativo può comportare un controllo sul numero delle udienze seguite dal praticante.

Olanda

1.      Diploma di laurea in giurisprudenza: durata 4 o 5 anni.

2.      Formazione pratica: durata 3 anni; presso lo studio di un avvocato con esperienza minimo di 7 anni, il quale deve inviare rapporti annuali all’Ordine. Il praticante che non si attenga alle prescrizioni richieste, è cancellato immediatamente dall’Albo dei praticanti.

a.      primo anno: organizzato dall’Ordine degli Avvocati Olandesi e articolato in sei corsi obbligatori (regole di condotta, procedure civile e penale, diritto amministrativo, diritto fiscale, tirocinio su temi pratici e sociali) e due corsi facoltativi ( con scelta tra diritto di famiglia, diritto del lavoro ecc).

Il tutto in 90 mezze giornate, al termine delle quali deve sostenersi un esame professionale.

b.      successivi due anni: partecipazione a corsi più specializzati, organizzati sempre dai Consigli, con frequenza obbligatoria, a pena di mancata consegna del certificato.

1.      Formazione legale permanente: l’avvocato, che ha completato la pratica legale, deve accumulare "16 punti di formazione" (un punto per ogni ora) o frequentando istituti di formazione riconosciuti dall’Ordine degli avvocati olandese, o compiendo conferenze presso gli stessi (due punti per ogni ora) o pubblicando articoli su riviste giuridiche (un punto ogni 500 parole). Ogni anno tutti gli avvocati devono consegnare una dichiarazione che attesti la frequenza dei corsi; sono, del resto, previsti dei controlli all’uopo su un campione pari al 5% degli avvocati.

Titolo: "advocat".

Portogallo

Formazione pratica: dura 18 mesi distinti in due fasi:

a.      Durante la prima fase, che dura tre mesi, gli studenti devono frequentare un corso di formazione, tenuto presso il proprio consiglio distrettuale, nelle seguenti materie: procedure civile, penale e del lavoro, condotta professionale e deontologica, pratica notarile e altre. Al termine è obbligatorio un esame nelle materie su indicate; la media negativa dei voti impedisce l’accesso alla seconda fase, mentre il voto negativo nella sola deontologia comporta il suo mancato superamento.

b.      La seconda fase dura 15mesi durante i quali gli ormai praticanti, in virtù di una normale autorizzazione professionale devono compiere i normali atti professionali, pur se controllati dal dominus il cui studio devono obbligatoriamente frequentare, come anche obbligatoria è la loro partecipazione alle udienze.

1.      Terminata la pratica, per essere ammessi all’Albo degli avvocati, i praticanti devono superare un esame orale.

Titolo: "advogado".

Spagna

1.      Diploma di laurea: solo requisito necessario al fine dell’iscrizione all’Albo, previa domiciliazione presso uno studio legale.

2.      Formazione: corsi di preparazione facoltativi, della durata di due anni, organizzati dai maggiori Ordini professionali; l’accesso è gratuito e non è previsto alcun esame selettivo. Tra le materie insegnate: deontologia e diritto comunitario.

Titolo: "abogado y procurador".

Svezia

Diploma di laurea: ottenuto presso una Università svedese.

1.      Formazione: non v’è un obbligo di formazione specifico; sono comunque organizzati corsi facoltativi dalle Università, dal The National Courts Administration dall’Ordine professionale e da altre organizzazioni.

2.      Iscrizione all’Albo: al cui fine è necessario provare di aver svolto la pratica legale per almeno 5 anni dalla laurea.

giango

  • Aficionado

  • Offline
  • ****
  • 92
Abilitazione all'estero. Malta? Albania?
« Risposta #30 il: 01 Dic 2005, 20:06 »
Per abilitarsi a Malta bisogna sapere il maltese...

... facile come lingua :-)

è arabo all'80%, con un 10% di inglese, 5% di italiano e 5% di francese...

odioivarieta

  • Forumdipendente

  • Offline
  • **
  • 416
Abilitazione all'estero. Malta? Albania?
« Risposta #31 il: 01 Dic 2005, 21:14 »
Li hai visti? qualcuno i sembra abbordabile?
Malta? nessuna notizia?

Vanishing

  • Praticantissimo

  • Offline
  • *****
  • 141
Abilitazione all'estero. Malta? Albania?
« Risposta #32 il: 02 Dic 2005, 08:34 »
Bello veramente questo schema riassuntivo sull'accessibilità della professione negli altri paesi d'Europa.
Lascio anche la mia email (zeligata@infinito.it) e, se qualcuno ha il messenger di microsoft il mio nick è lupin@hotmail.com
Se mi contattate via messenger scrivetemi prima in quanto blocco parecchio.
ciao e grazie a chi mi coinvolge in questa soluzione Maltese..

notorious

  • Nuovo arrivato

  • Offline
  • *
  • 8
Abilitazione all'estero. Malta? Albania?
« Risposta #33 il: 20 Dic 2005, 16:43 »
Chi ha notizie aggiornate su Malta? il mio indirizzo è notorious@libero.it

caioponz

  • Aficionado

  • Offline
  • ****
  • 81
Abilitazione all'estero. Malta? Albania?
« Risposta #34 il: 20 Dic 2005, 19:34 »
Bisogna, purtroppo, imparare il maltese...

papamoonx

  • Nume Tutelare

  • Offline
  • *****
  • 2376
Abilitazione all'estero. Malta? Albania?
« Risposta #35 il: 26 Mar 2006, 13:10 »
Per qualificarsi a Malta (non semplice)



4. Advocates
For an individual to practice the profession of an advocate in Malta, such individual must, be in possession of a warrant issued by the President of the Republic and under the Public Seal of Malta. Upon obtaining such a warrant, he/she must, in a public sitting, before the Court of Appeal take an oath of allegiance and an oath of office.

The same Code stipulates the qualifications necessary for obtaining this warrant, i.e.:

he is of good conduct and good morals;
he is a citizen of Malta or of a Member State or is otherwise permitted to work in Malta under any law;
he has obtained the academica degree of Doctor of Law (LL.D.) in accordance with the provisions of the Statute of the University of Malta (http://www.um.edu.mt), or a comparable degree from such other competent authority in accordance with the principles of mutual recognition of qualifications, after having studied law in Malta or in a Member State;
he has, after satisfying the requirement of paragraph iii or, in the case of persons regularly following the academica course of law in the University of Malta, at any time after the commencement of the last academic year of the said course, for a period of not less than one year regularly attended at the office of a practicing advocate of the Bar of Malta and at the sittings of the superior courts;
he possesses a full knowledge of the Maltese language as being the language of the courts;
he has been duly examined and approved by two judges who shall issue, under their signature and seal, a certificate attesting that they have found him to possess the above qualifications, and that he is competent to exercise the profession of advocate in the courts of Malta.
Amongst the duties of the Constitutionally created Commission for the Administration of Justice, is that at all times, this Commission must have a Committee for Advocates and Legal Procurators which shall have such composition, functions, powers and duties as may be assigned to it by law. The Commission shall in the exercise of any of its functions in relation to the professions of Advocates and Legal Procurators act through this committee including any matter concerning the misconduct of an advocate or legal procurator in the exercise of their profession. Advocates are to abide by a Code of Ethics and Conduct, specifically drawn up for Advocates by this Commission.

Where the Committee finds that there has been misconduct by an advocate or legal procurator in the exercise of his profession or where the Committee finds that the advocate or legal procurator suffers from an infirmity of mind that may seriously affect the exercise of his profession, it may -

request the Commission to recommend to the Prime Minister to advise the President of Malta that the advocate or legal procurator be suspended perpetually or for a specified period from the exercise of his profession;
impose a pecuniary penalty;
admonish the advocate or legal procurator; or
make such recommendations to the advocate or legal procurator as it may deem appropriate in the circumstances.
Subsidiary Legislation 12.17, entitled “Mutual Recognition of qualifications of Legal Profession Regulations”, (brought into force on the 1 st May, 2004) deals with the possibilities for non Maltese citizens to practice the profession of an advocate in Malta. An individual wishing to establish him/herself in Malta and practice the profession of an advocate in Malta needs to first register such interest with the President of Malta. Such interest needs to be supported by a certificate (that cannot be more than 3 months old) attesting his/her registration with the competent authority in the home Member State. The President of Malta may require him/her to indicate the professional body of which he/she is a member in his home Member State or the judicial authority before which he/she is entitled to practice pursuant to the laws of his home Member State. He may at any time apply to have his/her degree recognised in accordance with the provisions of the Mutual Recognition of Professional Education and Training Regulations (Legal Notice 271 of 2002), with a view to gain admission to the legal profession in Malta

papamoonx

  • Nume Tutelare

  • Offline
  • *****
  • 2376
Abilitazione all'estero. Malta? Albania?
« Risposta #36 il: 26 Mar 2006, 14:06 »
Scusate non mi sono accoto che il testo era già stato inserito. Comunque è appurato che la strada è assai ardua.

drfiore

  • Forumdipendente

  • Offline
  • **
  • 404
Abilitazione all'estero. Malta? Albania?
« Risposta #37 il: 24 Giu 2006, 10:39 »
colleghi, per informazioni su abilitazioni in Spagna, Albania e Malta scrivetemi a dottorfiore@tiscali.it
p.s: in questi giorni si parla con insistenza di una facoltà spagnola dove si potrebbe fare in giugno un unico esame stile quiz patente con circa 100 domande. Qualcuno ne sa qualcosa?GRAZIE

lessworkmorelife

  • Habitué

  • Offline
  • ***
  • 40
Abilitazione all'estero. Malta? Albania?
« Risposta #38 il: 26 Giu 2006, 14:18 »
posso chiedere conferma se ciò che ho compreso è corretto?
la famigerata prova di compremsione della lingua spagnola dà solo modo di iscriversi alla facoltà? dopo questa prova si debbono sostenere altri esami o è sufficiente la prova di cui sopra per chiedere l'omologazione del proprio titolo universitario?
scusate ma le infromazioni al riguardo sono poche e lacunose...
grazie!

drfiore

  • Forumdipendente

  • Offline
  • **
  • 404
Abilitazione all'estero. Malta? Albania?
« Risposta #39 il: 27 Giu 2006, 12:37 »
secondo la tua laurea (20 o 26 esami universitari), l'omologazione è subordinata al superamento di 11 o 6/7 esami. dopodichè sei abogado co diritto di iscrizione in un albo speciale in italia. Se vuoi informazioni sull'iter scrivimi pure a dottorfiore@tiscali.it.

tiratardi

  • Habitué

  • Offline
  • ***
  • 22
Abilitazione all'estero. Malta? Albania?
« Risposta #40 il: 05 Lug 2006, 10:21 »
Citazione da: "drfiore"
secondo la tua laurea (20 o 26 esami universitari), l'omologazione è subordinata al superamento di 11 o 6/7 esami. dopodichè sei abogado co diritto di iscrizione in un albo speciale in italia. Se vuoi informazioni sull'iter scrivimi pure a dottorfiore@tiscali.it.
Caro dottor Fiore, posso scriverti in privato anch'io?

In modo da poter verificare se le informazioni di cui sono a conoscenza coincidono con quelle di cui tu sei a conoscenza.

Ciao!

drfiore

  • Forumdipendente

  • Offline
  • **
  • 404
Abilitazione all'estero. Malta? Albania?
« Risposta #41 il: 05 Lug 2006, 20:39 »
disponibilissimo tiratardi!

rodo975

  • Nuovo arrivato

  • Offline
  • *
  • 1
Abilitazione all'estero. Malta? Albania?
« Risposta #42 il: 03 Ago 2006, 12:08 »
Citazione da: "tiratardi"
Citazione da: "drfiore"
secondo la tua laurea (20 o 26 esami universitari), l'omologazione è subordinata al superamento di 11 o 6/7 esami. dopodichè sei abogado co diritto di iscrizione in un albo speciale in italia. Se vuoi informazioni sull'iter scrivimi pure a dottorfiore@tiscali.it.
Caro dottor Fiore, posso scriverti in privato anch'io?

In modo da poter verificare se le informazioni di cui sono a conoscenza coincidono con quelle di cui tu sei a conoscenza.

Ciao!


Ciao,
saresti così gentile da mandare tali informazioni al riguardo al mio indirizzo mail alessandro.rodolfi@tin.it.
Grazie e buona giornata
Alessandro

rova

  • Habitué

  • Offline
  • ***
  • 29
Abilitazione all'estero. Malta? Albania?
« Risposta #43 il: 03 Ago 2006, 12:53 »
Ragazzi: un paio di premesse.
La prima: FITTIZIA si scriverebbe con una zeta sola, non con due come ho visto in un post precedente.
La seconda: MIGLIORE è sufficiente per definire qualcosa, non ha gradazioni. Molto migliore è una fraseologia da non utilizzare.
La conclusione: anzichè ingegnarvi a trovare scappatoie più o meno turistiche per aggirare l'esame, non sarebbe meglio iniziare a scrivere meglio in italiano, visto che, ovunque vi abilitiate, la nostra lingua sarà sempre la base del vostro lavoro?
Buono studio...

ColonelFleming

  • Praticantissimo

  • Offline
  • *****
  • 178
Abilitazione all'estero. Malta? Albania?
« Risposta #44 il: 03 Ago 2006, 21:32 »
rova.....in generale sono d'accordo con te sull'importanza di imparare l'italiano.
mi chiedo dove l'abbia imparato tu e chi ti abbia insegnato che molto migliore sia una fraseologia da non utilizzare.
mi permetto di essere così diretto solo ed esclusivamente perchè hai implicitamente offeso tutti colo che hanno seguito la via spagnola ("scappatoie più o meno turistiche per aggirare l'esame").
io per primo sono colpito dalla cialtronaggine di molti aspiranti abogados, ma rientrano nella categoria da te denigrata anche persone come me che si sono laureate a 24 anni con la media di 29,5 (non a camerino, con tutto il rispetto per camerino) e non intendono sottomettersi ai soprusi e alla stupidità dell'italico sistema.
un saluto affettuoso

fid

  • Forumdipendente

  • Offline
  • **
  • 357
Abilitazione all'estero. Malta? Albania?
« Risposta #45 il: 18 Set 2006, 18:42 »
ragazzi non capisco se si sta scherzando o se stiamo parlando seriamente.

Se qualcuno di noi si abilita in Albania(dove si parla albanese) lo stato italiano riconosce il titolo???? mi sembra una grandissima ca.....ta

papamoonx

  • Nume Tutelare

  • Offline
  • *****
  • 2376
Abilitazione all'estero. Malta? Albania?
« Risposta #46 il: 18 Set 2006, 18:50 »
Complimenti vivissimi a chi ha fatto in modo che gli avvocati albanesi possano ottenere il riconoscimento della loro qualifica in Italia. Un segno evidente della considerazione che ha ormail il titolo di avvocato.

Fosse stato per me gli avvocati albanesi, se volevano esercitare in Italia, avrebbero dovuto ricominciare dalle elementari.

ColonelFleming

  • Praticantissimo

  • Offline
  • *****
  • 178
Abilitazione all'estero. Malta? Albania?
« Risposta #47 il: 19 Set 2006, 19:21 »
bè...in fondo non è che il sistema italiano sia tanto migliore di quello albanese, caro papamoonx... ;)
ricordi il discorso dell' "italian torpedo"?
scherzi a parte, concordo con quello che dici

blade78

  • Nuovo arrivato

  • Offline
  • *
  • 1
Abilitazione all'estero. Malta? Albania?
« Risposta #48 il: 19 Set 2006, 21:59 »
Innanzitutto ciao a tutti, dato che sono nuovo.
Prossimo all'esame, mi imbatto in questo topic, e mi sorge lo stesso dubbio di fid...com'è che uno si abilita in uno Stato estero (es. Albania) e poi si può iscrivere all'albo in Italia? Ho letto in un post precedente di un "albo speciale"...ossia? Che limiti di patrocinio si avrebbero con questo tipo di iscrizione?
Fid, mi sa che noi due ci conosciamo... :D

fid

  • Forumdipendente

  • Offline
  • **
  • 357
Abilitazione all'estero. Malta? Albania?
« Risposta #49 il: 20 Set 2006, 09:43 »
ciao mitico,certo che ci conosciamo  :D  :D

in questi giorni sto approfondendo anch'io la possibilità di potermi abilitare all'estero,Albania e Malta mi sembrano delle grandissime caz...e che più che idee mi sembrano delle battute comiche (come si fa a fare un esame in albanese??????????)

sulla strada iberica ho già sentito l'ambasciata spagnola a Roma ed ho quasi pronta tutta la documentazione per fare il grande salto,eventualmente se ti interessa la cosa fammi sapere e dai un occhiata nell'apposita discussione

 

Sinistro all' estero

Aperto da PacManSezione [ Civile :: Da collega a collega ]

Risposte: 6
Visite: 1898
Ultimo post 08 Ago 2002, 17:01
da PacMan
Notificazione all'estero

Aperto da RachelSezione [ Civile :: Da collega a collega ]

Risposte: 2
Visite: 986
Ultimo post 18 Ott 2002, 16:05
da alphablondie
quanto conta l'abilitazione?

Aperto da AnonymousSezione [ Un aiuto ai non-giuristi ]

Risposte: 6
Visite: 1552
Ultimo post 23 Ott 2002, 14:22
da splugen
esame di abilitazione: sede unica?

Aperto da iurisSezione [ Esame da avvocato: risultati, news, consigli e commenti ]

Risposte: 13
Visite: 3620
Ultimo post 24 Ott 2002, 19:03
da DEVILSLAWYER
Esame di abilitazione: alzare la voce

Aperto da violaSezione [ Esame da avvocato: risultati, news, consigli e commenti ]

Risposte: 24
Visite: 5044
Ultimo post 06 Gen 2003, 01:11
da alexio
obbligo indicazione CdA di abilitazione

Aperto da gameoverSezione [ Info sul tirocinio forense e discussioni tra laureandi, praticanti e patrocinatori]

Risposte: 97
Visite: 11605
Ultimo post 22 Lug 2003, 20:46
da floriana
Esame abilitazione

Aperto da MBSezione [ Info sul tirocinio forense e discussioni tra laureandi, praticanti e patrocinatori]

Risposte: 2
Visite: 1581
Ultimo post 18 Set 2003, 17:30
da MB
incidente all'estero (CEE)

Aperto da pidiesseSezione [ Codice della Strada ]

Risposte: 2
Visite: 1299
Ultimo post 01 Ott 2003, 06:14
da pidiesse
Abilitazione dopo il primo anno di pratica

Aperto da AnonymousSezione [ Info sul tirocinio forense e discussioni tra laureandi, praticanti e patrocinatori]

Risposte: 13
Visite: 3823
Ultimo post 01 Ott 2003, 18:04
da gameover
Procedimento di ricorso per l'esame di abilitazione

Aperto da vasiumSezione [ Esame da avvocato: risultati, news, consigli e commenti ]

Risposte: 3
Visite: 1216
Ultimo post 07 Nov 2003, 12:16
da forseforse