News Esame da Avvocato e Tirocinio Legale

9 consigli per superare l’Esame da Avvocato: le dritte direttamente dal Ministero per aspiranti avvocati e commissioni

consigli esame per avvocato

Quest’anno i consigli per superare l’esame da avvocato li suggerisce direttamente il Ministero della Giustizia

Dopo aver pubblicato (G.U. n.72 del 11 settembre 2018) il bando per l’esame da avvocato 2018 (prove scritte 11, 12, 13 dicembre 2018), il Ministero della Giustizia ha aggiunto una serie di consigli per superare l’esame di Stato.

esame per avvocato cassazionistaEcco i criteri suggeriti dal Ministero per lo svolgimento delle prove scritte  dell’esame per avvocato:

“la Commissione, dopo ampia ed articolata discussione, vista ed applicata la Legge 18 luglio 2003, n. 180, nonché il R.d.l. n. 1578/1933 e il R.d. n. 37/1934 e successive modificazioni ed integrazioni, ha definito i seguenti criteri da adottare per la valutazione degli elaborati scritti:

1 – Correttezza della forma grammaticale, sintattica ed ortografica e padronanza del lessico italiano e giuridico;

2- Chiarezza, logicità, completezza, sinteticità e non ridondanza, nonché rigore metodologico delle esposizioni e delle argomentazioni giuridiche;

3 – Dimostrazione di concreta capacità di risolvere problemi giuridici anche attraverso riferimenti essenziali alla dottrina e agli orientamenti giurisprudenziali; il richiamo a massime giurisprudenziali riportate nei codici annotati è consentito; tuttavia, i relativi sintetici riferimenti testuali vanno adeguatamente virgolettati o comunque devono esserne indicati gli estremi giurisprudenziali;

4 – Dimostrazione della conoscenza dei fondamenti teorici degli istituti giuridici trattati strettamente pertinenti al quesito da risolvere;

5 – Dimostrazione della capacità di cogliere eventuali profili di interdisciplinarietà;

6 – Coerenza dell’elaborato con la traccia assegnata ed esauriente e pertinente indicazione dell’impianto normativo di riferimento;

7 – In ordine alle conclusioni raggiunte, capacità di argomentarle adeguatamente, anche se in maniera difforme dal prevalente indirizzo giurisprudenziale e/o dottrinario;

8 – Dimostrazione della padronanza delle tecniche di persuasione per ciò che concerne, specificamente, l’atto giudiziario.

9 – Per quanto specificatamente attiene alla prova scritta relativa alla redazione di un atto giudiziario in materia civile, penale o amministrativa, sussistenza nell’elaborato di tutti gli elementi essenziali previsti dall’ordinamento per la redazione dell’atto oggetto specifico della prova scritta (ad es. atto di citazione: curia adita, indicazione delle parti, esposizione in fatto e diritto, vocatio in ius, conclusioni, data, firma, relata di notifica, procura alle liti), richiamando, in particolare, il precedente criterio di cui al punto 2.

I sopra indicati criteri dovranno essere fatti propri dalle Sottocommissioni e degli stessi dovrà esserne data lettura ai candidati in sede di esame.”.

Commenti e discussioni nel FORUM ESAME AVVOCATO

Fonte: Giustizia.it

ANNUNCI GRATUITI per AVVOCATI
To Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: