Autore Topic: Mostre d'Arte  (Letto 140366 volte)

an

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 14010
Re:Mostre d'Arte
« Risposta #575 il: 27 Nov 2015, 17:12 »
salta, lei mi è criptica..

saltailmuro

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 5585
Re:Mostre d'Arte
« Risposta #576 il: 27 Nov 2015, 17:31 »
No, non è salta ad essere criptica, è Wikipedia  :D

http://giuseppeluciofragnoli.blogspot.it/2014/08/la-gioconda-coi-baffi-di-duchamp.html

(non ho letto se costui scrive fregnacce  :D)

an

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 14010
Re:Mostre d'Arte
« Risposta #577 il: 27 Nov 2015, 18:57 »
dai, chi non ha messo baffi e barba alla foto in prima pagina della settimana enigmistica?

saltailmuro

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 5585
Re:Mostre d'Arte
« Risposta #578 il: 28 Nov 2015, 17:58 »
 Ecco, giusto, :idea1: Duchamp non è un artista, o se lui è artista allora siamo tutti artisti  :D

an

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 14010
Re:Mostre d'Arte
« Risposta #579 il: 30 Nov 2015, 17:56 »
no, dai, diciamo che è un artista moderno.

Di quelli che forse non piaceranno a tiglio.

saltailmuro

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 5585
Re:Mostre d'Arte
« Risposta #580 il: 02 Dic 2015, 15:33 »
 Era il 1915 quando Duchamp si recò da un suo collezionista di New York, portandogli in regalo una ampolla contenente “Aria di Parigi”. Questa ampolla sì, che dissacrava ironicamente il concetto di arte. Era l’inizio del dadaismo.
 “Il Dada ha raccolto la confusione che ha seminato. Questa confusione però era soltanto un pretesto. Le nostre provocazioni, le dimostrazioni, erano soltanto un mezzo per fare andare in collera il piccolo borghese, risvegliando in lui la coscienza della propria vergogna. Il Dada non fu un movimento artistico in senso tradizionale, fu un temporale che si abbatté sull’arte di quel tempo come la guerra si abbatté sui popoli” (Hans Richter).
Nel 1960 Manzoni creò i cd. “corpi d’aria”, palloncini gonfiati col “fiato d’artista”. A domanda su quale fosse stato il suo apporto alle opere, Manzoni rispose che l’apporto era ovviamente il suo fiato.
Aria, e poi ancora aria. A distanza di mezzo secolo scarso, e a distanza abissale.


Vabbuò… saltando di palla in frasca e facendo di tutta l'erba un fascio, mi è stata segnalata una mostra alla GAM di Milano di un certo Adolfo Wildt, e confesso che non sapevo manco chi fosse. L'ho guardato.

Due cose mi sono balzate all’attenzione. La prima (forse la più importante) è che al mio occhio i lavori di costui piacciono parecchio.
La seconda è la sua storia, ma non tutta perché ho saltato la parte politica. Ho invece visto che artisti/allievi del calibro di Fontana e di Melotti (questo è il mio scultore preferito, unitamente a Messina) vi hanno fatto riferimento. Cosa che fra artisti usava spesso fare, eh, nulla in sé di particolarmente nuovo.Ma quando trattasi di artisti del calibro di Fontana e di Melotti… bé...  :D io dico che se avessero avuto un docente brocco avrebbero sicuramente rivolto lo sguardo altrove  :thumbsup:

Questo a parte, torno al mio primo punto: basta usare l’occhio per accorgersi che al marmo (è marmo, quello levigato e scolpito è) sicuramente accaduto qualcosa di unico. Dopo di che, sta alla sensibilità (oltre che alla lettura della critica) percepire cosa l’artista volesse esprimere. Ed è molto espressivo.

Non ho guardato cosa ne dice il mercato (presumo comunque che sia dimenticato ma al contempo  introvabile), ma tanto qui (e giustamente) fregherebbe ‘na sega a nessuno, e passate il francesismo  :D

Quanto al percorso cui dovrebbe guidare ogni mostra che si rispetti, se la sede è la medesima usata per la precedente mostra di Giacometti, credo scarseggi un poco lo spazio. Che le sculture ne abbisognano.

Ma si dice che ognuno fa un po’ il minestrone con quel che ha a disposizione, e magari la curatrice sarà riuscita a cavare fuori qualcosa di coerente.

Diversamente credo che le sculture restino comunque a far mostra (e bella mostra) anche da sé.

an

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 14010
Re:Mostre d'Arte
« Risposta #581 il: 02 Dic 2015, 17:21 »
 :thumbright: se supero l'odierna distorsione alla caviglia in tempi brevi vado a farci un salto.

saltailmuro

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 5585
Re:Mostre d'Arte
« Risposta #582 il: 02 Dic 2015, 18:39 »
Auguri di pronta guarigione.

an

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 14010
Re:Mostre d'Arte
« Risposta #583 il: 04 Dic 2015, 17:44 »
Grazie, va meglio.


Intanto suggerisco una gita per l'estate prossima. rimanendo in tema di arte integrata nella natura..


http://milano.repubblica.it/cronaca/2015/12/04/foto/christo-128795949/1/#1

saltailmuro

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 5585
Re:Mostre d'Arte
« Risposta #584 il: 04 Dic 2015, 17:53 »
Ottimo artista (ottima pure la moglie, morta mi pare), benché io personalmente non apprezzi in particolare la land art.

Comunque non appena ho tempo leggo bene e mi informo.  :)


saltailmuro

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 5585
Re:Mostre d'Arte
« Risposta #585 il: 14 Dic 2015, 16:44 »
Contraccambio il consiglio per la cd gita fuori porta segnalando Villa Panza a Varese:
http://www.fondoambiente.it/Cosa-facciamo/Index.aspx?q=-villa-e-collezione-panza-bene-fai&gclid=CKetiIbO28kCFQsKwwodZTsCvg
(bellissime le installazioni… va detto che sti coniugi, oltre alla conoscenza dell’arte, avevano dalla loro pure tanto, tantissimo spazio  8)).

Occappa, e ciò detto:

 “ Io credo che il valore di un’azione, di un quadro, si trovi nel dominio del non intenzionale, perché le cose intenzionali hanno necessariamente una superficie che ti tradisce, ti obbliga, e nasconde quasi tutto. Mi sembra che un’opera debba mettere ciascuno in uno stato di dubbio.”

http://www.delaive.com/index.php?page=call_for_works

Ancora:
 “Quel che vogliamo è far qualcosa che riempia totalmente la vista e che non possa usarsi per render la vita soltanto tollerabile. Se, fino ad oggi, la pittura è stata un modo di far tollerare la visione dell’intollerabile, di render sontuoso il visibile, ebbene, allora, strappiamo via… tutto questo. Questa pittura giace sotto la nube che si è levata sul mosaico del mare. Giaci tu ancora, sognando, sotto questa tela immensa. La completezza di visione abbandona l’anima tre volte in sé divisa e le sue malinconie: la nuvola si è distesa sul mosaico del mare. E tu non puoi interpretare il segno della tela, perché questo sogno è lassù, alla fine della ricerca sulla Montagna Celeste, dove nulla rimane se non la fenice impigliata in mezzo al dolcissimo azzurro”.
(Sam Francis)

 :icon_scratch:

Mah…. Mi pare che parli di una ricerca di un infinito/assoluto che lui stesso ritiene al contempo possibile ma dal significato impossibile. Di una tela finita, ma che dovrebbe parlare di infinito. Di un "segno" sulla tela che ti dovrebbe condurre in un mondo, dove però non hai accesso. Lo devi credere solo in parola.

Che dire? Io lo leggo così.
E mi sembra parli del tutto, e del niente. Anzi: troppo di tutto e, come spesso capita quando si parla troppo di tutto....troppo di niente.

Quasi un elogio del niente, o del tutto che a me spaventa.

Sì insomma... una sorta di "chi troppo vuole nulla stringe della pittura contemporanea"  :D

Ma non voglio essere (troppo) irriverente.  :)

Tant'è che a me quell'infinito pare delinearsi, a guardare le sue opere nella loro interezza senza pensare troppo al "segno". Un segno che in effetti c'è, ma non c'è, o non ci potrebbe essere. E' lì per caso.

Forse è il senso dell'action painting, ma più probabilmente è la spiegazione del perché è un genere di pittura che non amo  :)

saltailmuro

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 5585
Re:Mostre d'Arte
« Risposta #586 il: 17 Dic 2015, 16:12 »
“Noi continuiamo a rimanere legati a vecchi concetti, ma intanto la tecnologia ci sta trasformando il mondo e attraverso le comunicazioni penetra dappertutto. Ma è anche vero che, anche se la tecnologia cambia il mondo, la gente continua sempre ad avere gli stessi problemi, gli uomini sono sempre assillati dagli stessi bisogni fondamentali e primari, quelli che ne definiscono la natura umana”. (Keith Haring)


Bisogni. Problemi.

Amore:
http://svirgolettate.blogspot.it/2013/08/lamore-incondizionato-nelle-opere-di.html
http://www.allposters.it/-sp/Pop-Shop-Mother-and-Baby-Posters_i9080217_.htm
Amicizia:
https://www.moduscc.it/le-storie/keith-haring-la-vita-larresto-laids-il-successo-e-il-valore-dei-suoi-quadri/
Sesso:
https://algunaideacastellon.files.wordpress.com/2012/05/keith_haring_three_lithographs.jpg
Famiglia:
https://artandfeel.wordpress.com/2014/02/06/easy-art-keith-harings/
Libertà:
http://www.undo.net/it/mostra/111223
Salute:
http://www.sanfranciscosentinel.com/?p=166470
Solitudine:
http://www.artribune.com/2013/05/la-doppia-anima-di-keith-haring/
http://arteperbimbicuriosi.altervista.org/wp-content/uploads/2014/08/KeithHaringHeartArt.jpg
Svago:
http://nonsolocultura.studenti.it/guida-alle-opere-di-keith-haring-163022.html

 :)

Potrei continuare elenco e immagini. Facendo interagire, ovviamente, la mia sensibilità con le immagini. Che poi, sta cosa, è il perché ultimo dell’arte, o almeno così credo.

Ma Haring secondo me va oltre. Cioè… fa andare oltre.

Perché è immediato, è diretto. Ha un linguaggio che usa tutte le lettere dell’alfabeto. Sicché le immagini possono parlare tra loro e - tu - fare discorsi con loro. Senza parole. Domande e risposte su bisogni universali.

Con linguaggio universale. Se qualcosa potesse andare oltre l'arte, io la immagino molto vicina a tutto ciò  :)

http://www.undo.net/it/mostra/111223
http://www.allposters.it/-sp/Pop-Shop-See-No-Evil-Hear-No-Evil-Speak-No-Evil-Posters_i9080223_.htm
http://www.artribune.com/2013/05/la-doppia-anima-di-keith-haring/
https://it.wikipedia.org/wiki/Keith_Haring#/media/File:Boxer_von_Keith_Haring,_1987,_Berlin.jpg
http://www.puglia.lafragola.kataweb.it/bari/medie/fiore/story547313.html
http://lem.ch.unito.it/didattica/infochimica/2008_Il_Rosso/HTML/cuore.html

 “Se cerco di modellare la mia vita su quella di qualcun altro, finisco per sprecarla riproducendo le cose per puro e vacuo spirito di accettazione.
Ma se vivo la vita a modo mio e faccio in modo che gli altri artisti mi influenzino solo come riferimenti esterni o come punti di partenza, posso costruire una consapevolezza ancora maggiore invece di restarmene qui inattivo.
Se sarò in grado di capire questo e di metterlo in pratica mi sarà d’aiuto, ma ho di nuovo paura… Vorrei soltanto essere più sicuro di me e cercare di scordare tutti i miei stupidi preconcetti e le idee sbagliate e limitarmi a vivere.
Semplicemente vivere.
Finché non morirò”.

http://www.settemuse.it/pittori_scultori_americani/haring/keith_haring_029_aids.jpg

Oh... io ste immagini le ho prese un po’ ad capzum. Pure su siti di poster e di scuole per bambini. Finanche di asili, mi pare.

 :)

saltailmuro

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 5585
Re:Mostre d'Arte
« Risposta #587 il: 22 Dic 2015, 16:17 »
Ogni tanto gli artisti si scoprono per puro caso.

Sto pensando alla rara bellezza dei lavori di costui:

http://www.romanorui.com/lavori.php

A me fa venire la pelle d’oca dal tanto che son belli i suoi lavori.
Me ne sono innamorata recentemente, dopo avere visto una sua scultura da un amico. Proprio per puro caso.
E ho poi visto che è praticamente dimenticato da critici, curatori, musei, gallerie e mercato.

Che dire? Che non sempre c'è un perché al fatto che si cada nell'oblio.
Ovvero ci sono dei perché che non rispondono ai canoni dell'arte, bensì ad altre logiche. Non sempre criticabili, però a volte criticabili.

Un po' quel che può capitare a chiunque, vivente o vissuto, in altri contesti.

Speriamo che qualcuno prima o poi se ne ricordi :)

an

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 14010
Re:Mostre d'Arte
« Risposta #588 il: 22 Dic 2015, 17:46 »
magari post [size=78%]mortem[/size]

saltailmuro

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 5585
Re:Mostre d'Arte
« Risposta #589 il: 22 Dic 2015, 18:45 »
Mah...
"Or vedo, era pur grande".

Il ricordo lo mettevo nella prospettiva dell'arte.

Per l'artista l'oblio, va da sé... opera come su qualsiasi altro vivente.


saltailmuro

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 5585
Re:Mostre d'Arte
« Risposta #590 il: 23 Dic 2015, 15:28 »
Le sono solidale, e non solo per i recenti fatti di cronaca.

la mariaelena è LA bellezza, LA trombabilità, LA figaggine.
sfido a smentire questo assunto oggettivo.

Oramai non ha più neppure tempo di sbadigliare senza essere oggetto dei fotografi. Ammé pare che davanti agli obiettivi abbia assunto l’aria rassegnata di chi dice “ancora io”  :)


 

saltailmuro

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 5585
Re:Mostre d'Arte
« Risposta #591 il: 04 Gen 2016, 16:17 »
Torno alle origini con Josef Albers:

"Un buon insegnamento è più un dare giusti interrogativi che giuste risposte."

Non interrogativi giusti e risposte giuste. Non esatti.
Giusti interrogativi e giuste risposte. Buoni.
E non a caso lui parla di "buon insegnamento".

E allora capisco che la differenza, quella vera, non lo fa il più - o il meno - di domande o di risposte.

http://www.moma.org/collection/works/64555?locale=it
http://www.moma.org/collection/works/76411?locale=it

 :)

an

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 14010
Re:Mostre d'Arte
« Risposta #592 il: 07 Gen 2016, 17:08 »
ahhhhh, ancora con Albers... :laughing7:

saltailmuro

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 5585
Re:Mostre d'Arte
« Risposta #593 il: 15 Gen 2016, 16:21 »
“Distribuire beni materiali significa dividerli; distribuire beni spirituali significa accrescerli e moltiplicarli”.
Era il fondamento della didattica di Albers.

Ed è anche un fondamento etico di cui ricordarsi.

Che spesso siamo tanto preoccupati di evitare di regalare beni materiali (soldi o roba ad essi convertibile) ad estranei, che ci diventa biasimevole pure il compimento di una semplice gentilezza.

Vabbuò, tiriamo via Albers  :)

Vado con Cattelan, che ce lo ricorda gran bene, quanto ogni giorno non manchi il nostro contributo a questo mondo:

http://www.exibart.com/notizia.asp?IDNotizia=9802
http://www.lastampa.it/2014/05/01/cultura/arte/stanzerooms-in-mostra-a-berlino-UyU9QUJeRMKFvE9q3kFgBO/pagina.html
http://davidecorsetti.blogspot.it/2010/10/la-questione-spinosa-del-cavallo-di.html


an

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 14010
Re:Mostre d'Arte
« Risposta #594 il: 15 Gen 2016, 18:47 »
salta, in questi giorni sei caustica : ti hanno pestato la coda ?

saltailmuro

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 5585
Re:Mostre d'Arte
« Risposta #595 il: 15 Gen 2016, 18:57 »
Dove sono stata caustica?

sei caustica

saltailmuro

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 5585
Re:Mostre d'Arte
« Risposta #596 il: 02 Feb 2016, 16:24 »
Riprendendo il discorso su Cattelan.

Non so se, nel non farmi piacere la sua arte, abbia ruolo prevalente il linguaggio o il messaggio.
Credo comunque, nel suo caso, il linguaggio....

Cioè: il messaggio non può piacere. Richiama il disumano.
Va da sé.

Ma se guardo un telegiornale ne ho quanti ne voglio, di messaggi simili. Evidentemente l'artista punta sul linguaggio.
Che su di me non fa presa. Mi fa più presa il trafiletto a sottotitolo del TG. Quello che scorre in basso, non so come tecnicamente si chiami. Ogni sorta di disgrazia che transita - in silenzio, di corsa e nel vuoto - mentre sullo schermo scappano altre immagini e rumori di altre disgrazie.

Mi intristisce, al punto che spesso rinuncio a guardare i TG.
Cattelan - forse per sua personale fortuna - non ha quella "presa".

Luca800

  • Rookie * Novizio

  • Offline
  • **
  • 15
  • Testo personale
    Avvocato
Re:Mostre d'Arte
« Risposta #597 il: 08 Feb 2016, 10:52 »
pollock è straordinario!!

saltailmuro

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 5585
Re:Mostre d'Arte
« Risposta #598 il: 08 Feb 2016, 16:11 »
Io ne riconosco la grandezza, pur non amando in particolar modo quel segno che cade per caso sulla tela.

Che poi non mi sembra un "per caso" così vero. Più un "per caso, ma non proprio per caso". Non so come dire.

Ambiguo? Mah, non proprio... ::)

E' come chi ti dice che c'è, e poi si camuffa. E tu - se anche lo riconosci, lo vedi perché alla fin fine si fa riconoscere e vedere - non sai mai se e perché sia lì.

Non so se ho reso ciò che mi sembra un dipinto del grande Pollock :)

pollock è straordinario!!

nigripennis

  • The Iron Pava Tutelare
  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 32429
  • Testo personale
    se fossi un cioccolatino, sarei un boero
Re:Mostre d'Arte
« Risposta #599 il: 08 Feb 2016, 16:22 »
PER CASO ? ? ?
quel segno che cade per caso sulla tela
Ma cosa dici!!!


















 :laughing7: