Autore Topic: I precari degli studi legali 10 ore di lavoro senza contratt  (Letto 7768 volte)

an

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 13905



tiglio1971

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 4215
I precari degli studi legali 10 ore di lavoro senza contratt
« Risposta #1 il: 15 Maggio 2015, 16:47:33 »
Evvai! La scoperta dell'acqua calda.
Circa i "provvedimenti urgenti e risolutivi, capaci di regolamentare il fenomeno" pare che il legislatore si sia già mosso e a furia di cancellazioni per omessi versamenti alla cassa e/o della c.d. tassa forense si confida che il triste fenomeno possa essere adeguatamente affrontato (poi i cancellati non avranno più nemmeno questo lavoro, ma è un particolare trascurabile)

saltailmuro

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 5385
I precari degli studi legali 10 ore di lavoro senza contratt
« Risposta #2 il: 15 Maggio 2015, 17:35:34 »
Non condivido il "parallelo" con il lavoro dipendente. Non perché non sia di fatto assimilabile, ma perché - fosse per me - leverei molte cd "garanzie" ai dipendenti.

an

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 13905
I precari degli studi legali 10 ore di lavoro senza contratt
« Risposta #3 il: 15 Maggio 2015, 18:52:05 »
già ne hanno poche e te ne leveresti...

vorrei sapere tra l'altro quali sarebbero ste garanzie eccessive ?

saltailmuro

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 5385
I precari degli studi legali 10 ore di lavoro senza contratt
« Risposta #4 il: 15 Maggio 2015, 19:00:06 »
I dipendenti in Italia hanno poche garanzie?  :wink:

tiglio1971

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 4215
I precari degli studi legali 10 ore di lavoro senza contratt
« Risposta #5 il: 15 Maggio 2015, 20:53:50 »
Ci sono dipendenti che tra cassa integrazione e messa in mobilità incassano per anni indennità senza lavorare.  E non parliamo delle baby pensioni, degli incentivi all'assunzione (ossia nessun versamento dei contributi previdenziali) dei prepensionamenti: tutta roba che paga la collettività.  Se un autonomo non ha clienti altro che mobilità,  CIG, CIGS, ASPI.... muore di fame. Eppure anche quello è un lavoro da tutelare ex art. 1 cost. È curioso notare come chi ritiene immorale che un libero professionista non paghi la cassa di previdenza nulla dica quando a non pagare i contributi previdenziali sono i dipendenti, per i quali pure esiste il problema del mantenimento dopo l'età lavorativa. Ma per convenzione i dipendenti vanno protetti col denaro pubblico mentre gli autonomi devono cavarsela da soli. Il perché resta un mistero.

saltailmuro

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 5385
I precari degli studi legali 10 ore di lavoro senza contratt
« Risposta #6 il: 16 Maggio 2015, 10:32:20 »
Una mia conoscente, assunta a tempo indeterminato, ha da poco avuto un figlio. Pienamente consapevole dei suoi diritti (ci mancherebbe altro...) ha decisamente le idee chiare su quel che farà.

Esaurita l'astensione obbligatoria (pagata), farà quella facoltativa. Rientrerà nella sua stessa mansione fra un anno o giù di lì (potete ben immaginare dopo un anno di completa inattività quanto sarà utile i primi tempi...) per poi, a suo dire, ri-astenersi in vista di un altro figlio e ricominciare il gioco. Nel frattempo chi la sostituisce resta precario (e mooolto motivato a produrre.... :roll: ).

Il tutto a pieno vantaggio (:roll:) datoriale, che se poi capita qualche fallimento gli si dà pure contro.

Poi non stupiamoci se - all'atto della assunzione - oramai i datori sono dissuasi dall'assumere donne in età da figli.

Parliamo delle malattie e dei periodi di comporto? Parliamo che se a un dipendente gli arriva una contestazione disciplinare 50 casi su 100 il giorno si piazza in malattia? E che sono gli stessi sindacati a suggerirglielo?

Ragazzi, non voglio essere impopolare. E neppure rosicona. Però mi sembra che l'eccesso di garanzie da una parte - se negli anni 70 aveva un significato coerente - oggi abbia sostanzialmente portato a fughe imprenditoriali all'estero, lavoro in nero, crisi e fallimenti. Oltre che tanto, tanto tanto taaanto precariato e grosse discriminazioni seppur latenti. Oramai ci sono i dipendenti a tempo indeterminato da una parte, e tutti gli altri dall'altra. In mezzo un baratro.

Un tempo almeno si lagnavano di non poter evadere  :D

Oggi l'ADE spacca il centesimo (e altro) coi professionisti, mentre conosco dipendenti a tempo indeterminato che - pur di mantenere il diritto alla assegnazione di un alloggio popolare, si sono separati civilmente. Per la cronaca: sono gli stessi che per un raffreddore ti piazzano 5 giorni di malattia e a Natale si ricordano del loro medico.

Che campano costantemente a spese del Servizio Sanitario Nazionale (e del datore e dell'INPS) per un'unghia incarnita.

Non sono tutti così i dipendenti, ci mancherebbe, eh, non sto dicendo quello.

Dico solo che - per legge - hanno la facoltà di esserlo.  E capita che l'occasione faccia l'uomo ladro :wink:

Né auspicherei di levare tutte le garanzie: dico solo che magari attenuandone qualcuna si favorirebbe chi ha più voglia di lavorare, o se ne instillerebbe un po' di più. Che non è bello per nessuno se poi le imprese chiudono anche (non solo... anche) per questi motivi.

PratiCane

  • Praticantissimo

  • Offline
  • *****
  • 193
I precari degli studi legali 10 ore di lavoro senza contratt
« Risposta #7 il: 16 Maggio 2015, 14:28:30 »
Non fa una piega, Salta. Vero è che nel nostro ambito, quello degli avvocati dipendenti precari in nero, avviene purtroppo l'esatto contrario: per farti un esempio anni fa una mia conoscente, all'epoca già avvocato, è stata costretta a venire in studio per giorni con 39,5 di febbre perchè senza di lei il suo "dominus" non sapeva come tirare avanti.  :shock:

saltailmuro

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 5385
I precari degli studi legali 10 ore di lavoro senza contratt
« Risposta #8 il: 16 Maggio 2015, 17:31:46 »
Ma ne avrei da raccontare pure io a quintalate.

Il problema, dall'altra parte, è essenzialmente che se ti scade un atto, tu non puoi far cadere la penna (la tastiera :D ) alle 18.00. Non so come dire... per me è un mestiere che mal si concilierebbe con una contrattazione da lavoratore dipendente.

Se hai un'udienza la mattina presto in cu.lonia, non puoi deviarla con la scusa che la levataccia è una cosa che non sei tenuto a fare.

Certo, alcuni parametri (quali compenso ed orario complessivo settimanale di massima) potrebbero essere stabiliti, anzi sarebbe bene farlo. Ma da lì a vedere questo lavoro alla stregua di un lavoro dipendente.... per me sarebbe deleterio quasi quanto le indegnità di certi domini.

Tornando in argomento: dall'articolo pare che il 24% degli avvocati collaboratori non percepisca compenso. Fa riflettere.

PratiCane

  • Praticantissimo

  • Offline
  • *****
  • 193
I precari degli studi legali 10 ore di lavoro senza contratt
« Risposta #9 il: 16 Maggio 2015, 20:17:36 »
Questo sicuramente, se c'è un atto in scadenza va finito anche a costo di restare fino a tarda ora, e lo stesso dicasi in caso di trasferta in cu.lonia la mattina presto... Ma si potrebbero trovare delle "soluzioni" alternative a questo tipo di problemi: per esempio, se in uno dei giorni successivi allo "straordinario" in studio non c'è granchè da fare (e in molti studi ce ne sono di giorni così!), l'avvocato dipendente dovrebbe essere libero, o comunque in diritto, di chiedere al "dominus" di andare via magari alle 16:00, tanto per stare al tuo esempio. Lo troverei giusto e sacrosanto, perchè il "non avere orari" nella libera professione non può sempre venire inteso in senso negativo: ci vorrebbe anche il rovescio della medaglia, vale a dire una maggiore libertà e flessibilità nei giorni di calma piatta. Non ho nulla in scadenza e sono impari col lavoro? Se ieri mi sono fermato 2 ore in più, oggi posso uscire 2 ore prima! Ecco cosa intendo per "libera professione", anche da dipendenti  :wink:
Quota (selezione)
Il problema, dall'altra parte, è essenzialmente che se ti scade un atto, tu non puoi far cadere la penna (la tastiera icon_biggrin.gif ) alle 18.00

Ecco, questo sinceramente non me lo spiego. Posso capire, al limite, il lavorare "gratis" (rectius, "in pareggio") in proprio, nella speranza che le cose migliorino ed i clienti aumentino, ed in ogni caso gestendosi da soli. Ma lavorare da avvocati fatti e finiti in una condizione di "eterna pratica", GRATIS e con orari stabiliti da qualcun altro no, questo non lo riesco davvero a concepire. Poi per carità, ognuno è libero di vivere la propria vita come meglio crede, ma io non lo farei.
Quota (selezione)
Tornando in argomento: dall'articolo pare che il 24% degli avvocati collaboratori non percepisca compenso. Fa riflettere.

Jackal

  • Megapraticante

  • Offline
  • ***
  • 687
I precari degli studi legali 10 ore di lavoro senza contratt
« Risposta #10 il: 17 Maggio 2015, 21:18:47 »
Il lavoro dipendente ha sicuramente dei vantaggi, ma pensare che sia un lavoro 9-18 è pura utopia.. forse in un call center o nell'inserimento ordini, non certo  se si vuole fare una carriera media o assumere posizioni di responsabilità. Detto questo è veramente incomprensibile come avvocati possano lavorare gratis..

saltailmuro

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 5385
I precari degli studi legali 10 ore di lavoro senza contratt
« Risposta #11 il: 18 Maggio 2015, 13:06:05 »
Mah... Anzitutto il lavoro dipendente, se sfora le ore da contratto, diventa straordinario. Che poi di fatto capiti che non possa essere rifiutato o che non venga retribuito.... è cosa assai delicata anche per il datore, che talvolta viene (giustamente in questo caso) "castigato".
Mentre se ti riferisci a qualifiche dirigenziali, il discorso cambia pure a livello normativo, sicché non sempre l'orario è il classico 9-18. Ma se è per quello i dirigenti sono - come detto - sottoposti a regole meno ferree di un dipendente.

Quanto al 24% di ufficialmente non pagati.... ipotizzo che una parte usufruisca "alla pari" della struttura, una parte sia in nero (....   :roll: ...), e infine magari una parte lo faccia per un tempo assai limitato giusto per "inserirsi" (magari dopo una pratica farlocca o un periodo di stop).

Ma gli altri? E' triste, fino all'inverosimiglianza. Ma temo sia rispondente al vero.

jello

  • Guru

  • Offline
  • ****
  • 1166
I precari degli studi legali 10 ore di lavoro senza contratt
« Risposta #12 il: 18 Maggio 2015, 15:53:17 »
chiedo conferme a chi vive la situazione in prima persona, ma da qualche conoscente so che in calabria e puglia non è infrequente che si lavori gratis anche dopo il titolo, per quanto assurdo possa sembrare

an

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 13905
I precari degli studi legali 10 ore di lavoro senza contratt
« Risposta #13 il: 18 Maggio 2015, 15:56:29 »
mercato del lavoro selvaggio come negli Usa ?

bene, andiamo avanti così....

poi non lamentiamoci dei giovani avvocati a 500 euro al mese per 10-12 ore di lavoro...

A me fa ridere che tu da un lato formalmente ti schieri contro la "casta"  e nella sostanza la appoggi pienamente perchè solo un cieco non può non vedere che è attraverso una contrattualizzazione del rapporto di collaborazione avvocato -dominus che possono essere mantenuti dei livelli minimi di garanzia lavorativa (TFR, orari, prezzo della prestazione).

saltailmuro

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 5385
I precari degli studi legali 10 ore di lavoro senza contratt
« Risposta #14 il: 18 Maggio 2015, 16:04:29 »
E chi ha detto che non devono essere pagati? E mediamente lo dovrebbero essere più di un dipendente.

Citazione da: "an"

poi non lamentiamoci dei giovani avvocati a 500 euro al mese per 10-12 ore di lavoro...

 è attraverso una contrattualizzazione del rapporto di collaborazione avvocato -dominus che possono essere mantenuti dei livelli minimi di garanzia lavorativa (TFR, orari, prezzo della prestazione).


Contrattualizzare il rapporto di collaborazione non significa assimilare l'avvocato al dipendente.


 

Notificazione decreto ingiuntivo e spese legali

Aperto da giacomoSezione [ Civile :: Da collega a collega ]

Risposte: 2
Visite: 908
Ultimo post 31 Luglio 2002, 15:56:11
da giacomo
pratica e/o lavoro? (2)

Aperto da AnonymousSezione [ Info sul tirocinio forense e discussioni tra laureandi, praticanti e patrocinatori]

Risposte: 1
Visite: 1206
Ultimo post 13 Settembre 2002, 23:49:28
da mac
prestigio della professione e secondo lavoro

Aperto da RobySezione [ Un aiuto ai non-giuristi ]

Risposte: 20
Visite: 2186
Ultimo post 06 Ottobre 2002, 14:57:44
da Bakunin
Pareri legali

Aperto da Jack75Sezione [ Info sul tirocinio forense e discussioni tra laureandi, praticanti e patrocinatori]

Risposte: 3
Visite: 1450
Ultimo post 17 Ottobre 2002, 16:53:47
da Anonymous
diritto del lavoro x i lavoratori cercasi

Aperto da AnonymousSezione [ Info sul tirocinio forense e discussioni tra laureandi, praticanti e patrocinatori]

Risposte: 6
Visite: 1678
Ultimo post 26 Ottobre 2002, 12:43:18
da Anonymous
locazione senza contratto

Aperto da michemicheSezione [ Locazioni & Vendite ]

Risposte: 6
Visite: 1742
Ultimo post 07 Dicembre 2002, 12:43:39
da Anonymous
pratica e/o lavoro? (1)

Aperto da francisPRSezione [ Info sul tirocinio forense e discussioni tra laureandi, praticanti e patrocinatori]

Risposte: 72
Visite: 13060
Ultimo post 17 Dicembre 2002, 10:54:38
da hobbs
reintegra nel posto di lavoro: competenza patrocinatore

Aperto da AnonymousSezione [ Commerciale, Lavoro e Societario :: Da collega a collega ]

Risposte: 11
Visite: 1470
Ultimo post 17 Marzo 2003, 13:37:33
da sk
Ius&Law, corsi specifici per l'esame da avvocato

Ricerca personalizzata



Come ci si abilita per diventare Avvocato in Spagna?
  
Domiciliazioni Legali e Sostituzioni d'Udienza tra Avvocati (e Praticanti)
Ricerca e offerta di Domiciliazioni Legali tra avvocati

 
Annunci Sponsorizzati


Annunci Google