Autore Topic: pratica: entrare in un grosso studio?  (Letto 136654 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Conte_Cavour

  • Rookie * Novizio

  • Offline
  • **
  • 10
pratica: entrare in un grosso studio?
« Risposta #15 il: 08 Settembre 2003, 21:23:29 »
caro Mr Hyde... grazie per l'articolata risposta. anche devo dire che mi hai messo una tensione addosso, o meglio... una sensazione di inadeguatezza...
non è per buttarmi giù da solo, ma ritengo alquanto improbabile che immediatamente dopo la laurea io possa andare a fare un master in Belgio o in America, non foss'altro perche devo affinare il mio inglese maccheronico :-)

visto che sei così "dentro" ti chiedo un consiglio. tutti quegli studi che hai nominato, santo cielo, non sono e non saranno mai alla mia portata. certo, all'università mi è piaciuto molto il diritto commerciale, ho passato diversi pomeriggi in biblioteca (dopo l'esame) a studiare e a leggere sentenze in materia societaria, ecc. ecc.
ma da qui a lavorare in uno dei suddetti studi, ce ne passa.
probabilmente prenderò 104-106, non di piu. un master all'estero è da escludere. in ogni caso anche tu mi confermi che un master per giuristi d'impresa in Italia (Luiss, Sole 24 Ore, Univ di Bologna, Univ di Torino) NON è un biglietto che ti GARANTISCE l'ingresso come praticante in uno di questi studi?

in ogni caso, tanto per intenderci, io avevo individuato a Napoli lo studio del prof Di Sabato, lo studio Imperiali, lo studio Tozzi-Santucci, lo studio del prof Sandulli, lo studio Olivieri-Verde.
santo cielo, per me questi nomi sembrano irraggiungibili, e per Mr Hyde sarebbe come puntare rasoterra :-)

ecco, quindi, abbassando un po il tiro, secondo voi che cosa ci vuole per entrare in uno di questi studi (quelli nominati da me) di medie dimensioni?
un master per giuristi d'impresa in Italia (Luiss, Sole 24 Ore, Univ di Bologna, Univ di Torino) può essere un biglietto che ti GARANTISCE l'ingresso come praticante?

ah, Mr Hyde, che significa che i sacrifici ti sono ripagati solo se diventi partner? piu o meno a che età ti fanno diventare partner? e tutto questo significa che c'è anche la concreta possibilità che in questi studi (quelli nominati da te) non si diventi mai partner, anche dopo anni e anni di duro lavoro?

Mr-Hyde

  • Nume Tutelare

  • Offline
  • *****
  • 1731
pratica: entrare in un grosso studio?
« Risposta #16 il: 09 Settembre 2003, 00:06:02 »
Conte,
scusa ma hai letto il mio email  nel modo sbagliato/non voluto  (soprattutto per quanto riguarda l'inadegutezza etc) ovvero (cosa più probabile) sono io ad essermi espresso male.

Gli unici limiti che hai sono quelli che ti poni da solo....il resto si supera con il lavoro, la volontà ed una buona dose di fondoschiena...
Se tu decidi che gli studi che ho citato "non saranno mai alla tua portata", beh amen  - ma sei tua adeciderlo e non loro!!!
Naturalmente non condivido il "ce ne passa". Prima di piangere almeno sbatti la testa (lo dico in senso bonario e non voglio essere offensivo in alcun modo, ma ho l'impressione che tu ti sia arreso prima ancora di iniziare e questa è una mentalità sbagliata a mio parere). Prima combatti e poi si vede....

Io ho lasciato l'Italia il giorno dopo la laurea, ho vinto la mia borsa di studio per gli LLMs e ho iniziato la mai carriera all'estero per di più da espatriato (italiano che non è certamente un vantaggio....), eppure con le scelte giuste e con una botta di culo, ci sono riuscito e sono stato assunto a Londra....come vedi non è impossibile...

Non devi buttarti giù in quanto l'unica "pecca" ravvisata nel tuo email per uno degli studi che ho citato è il tuo inglese maccheronico (cosa a cui riparare al più presto).
Il resto mi sembra più che dignitoso.

Vorrei evidenziare un punto molto importante: quando si assume un praticante lo si fa per il suo carattere, la testa, la grinta, e lo spirito di sacricificio (nonchè il fatto che sia il tipo giusto per l'ambiente di lavoro - considera che non approverei mai qualcuno che non "fit" l'ambiente di lavoro), perchè il punto di partenza è che lui/lei non sa niente e bisogna insegnargli tutto.

Se sarai assunto sarà perchè hai fatto una buona impressione come persona e futuro professionista......in quanto la professione te la insegneranno loro....

Te voglio ripetere: quando si inizia non si sa nulla, e gli assocate/partners insegnano tutto !!! Il punto essenzenziale nella valutazione di un candidato è capire se è bravo/geniale, fattura almeno uan decina di ore al giorno (preferibilmente sei su sette, giorni intendo), dinamico con il cliente (in altre parole presentabile perchè nei primi meetings si sta zitti e si prendono le meeting notes)   ed imparerà in fretta senza fare ca**ate troppo grosse...

Per quanto riguarda i masters in Italia, non li conosco sfortunatamente. Quello della Luiss l'ho sentito nominare ma non conosco i professori (controlla la qualità/prezzo  cosa in cui la Luiss non eccellente  - nel senso che è cara per quello che offre in realtà). Verifica se offrono uno stage in uno studio legale (e sopratutto in quali). Lo stage è un elemento molto importante da prendere in considerazione.
Lo stage è un ottimo mod per essere assunti in quanto entri con un piede e sta a te entrare con l'altro....

Ricorda comunque che nessun master garantisce l'entrata....(garantisce solo il cognome se hai tale carta e vuoi utilizzarla.. :) )

Prima di fare il master (verifca inoltre che il titolo sia LLM), ti consiglierei di mandare in giro i CV anche agli studi che ho citato (usa carta pinaider e posta celere (stampa laser) - l'apparenza e lo stile non sono essenziali  ma contano), dopo due settimane inizi a telefonare per avere novità, fatti vedere interessato ed intraprendente perchè alla fine sati vendendo il prodotto "te stesso". Gli stili naturalmente sono personalissimi per cui usa il tuo...

Allo stesso tempo, "lavora" sul fronte master, nel caso il paino B si renda necessario... (io personalmente non sono a favore di avere un piano B e finora non ne ho mai avuti perchè imprudentemente convinto della riuscita del piano A ma questo è un comportamento non razionale in quanto massimizza i coefficienti di  rischio (cosa che farebbe rabbrividire ogni buon economista) per cui non mi sento di consigliarti il mio esempio).

Per quanto riguarda gli studi che hai citato conosco solo quello di Sandulli che però mi sembra faccia amministrativo.

Per quanto riguarda la partnership, per ora concentrati sull entrare. Il motivo è semplice: ogni studio ha le sue regole (lockstep vs eat what you kill), durata (6-12 anni da quando si diventa avvocati), local/salaried/equity (national or worldwide), etc....per cui per il momento è veramente prematuro.

In conclusione, non preoccuparti troppo, non buttarti giù....vai e prova.

ciao

TheWall

  • Megapraticante

  • Offline
  • ***
  • 535
pratica: entrare in un grosso studio?
« Risposta #17 il: 09 Settembre 2003, 00:14:04 »
Hyde... Chat?

gameover

  • Benemerito

  • Offline
  • *****
  • 4870
pratica: entrare in un grosso studio?
« Risposta #18 il: 09 Settembre 2003, 10:14:15 »
commentino a Mr Hyde .... me cojoni ... torno al mio GdP ...

Conte_Cavour

  • Rookie * Novizio

  • Offline
  • **
  • 10
pratica: entrare in un grosso studio?
« Risposta #19 il: 09 Settembre 2003, 12:22:55 »
che cosa significa che un master è LLM?

Mescalero

  • Nume Tutelare

  • Offline
  • *****
  • 1293
pratica: entrare in un grosso studio?
« Risposta #20 il: 09 Settembre 2003, 13:20:35 »
Conte,
LLM, nei paesi anglosassoni, sta per "master in legge" (anche se l'abbreviazione mi sembra derivi dal latino "legum magister" o qualcosa del genere).

Mr. Hyde, quando ri-sconfini in Italy fatti vivo. Ti sei già guadagnato un buon numero di cervezas pagate dal Mescal.

!Adiòs!

P.S. Quando passi davanti allo Sports Café, sappi che era il mio punto di riferimento preferito in loco.

Camilla

  • Nume Tutelare

  • Offline
  • *****
  • 2785
pratica: entrare in un grosso studio?
« Risposta #21 il: 09 Settembre 2003, 13:55:11 »
Intervengo in questo lacrimevole convivio di rcordi ed esperienze passate per dire al Conte....a cambiare si fa sempre in tempo...
Dato che questo sembra il confessionale del Grande Fratello....mi sono laureata a 23 anni, no erasmus, voto di laurea direi nella norma. Volevo fare l'avvocato? boh...
Nell'ordine ho fatto:
-2 anni di pratica civile (gratis) intervallati da:
 - corsi di preparazione all'esame
-corso per uditore giudiziario
 -corso di inglese giuridico (lingua che,però,conoscevo già)
 -corso per curatore fallimentare(imposto dal dominus)

- redazione di note a sentenza per nota rivista
-pratica di diritto societario (gratis) 1 anno
-esame di avvocato
- lavoro (soldi pochi, noia tanta)

Gli errori che ho probabilmente commesso sono stati:
-andare via da Milano, dove probabilmente, in molto meno tempo avrei capito che fare l'avvocato non era la mia massima ambizione, almeno non in un certo modo.

E adesso? beh, adesso, nonostante pareri contrastanti sto per fare un Master, scelta che secondo me avrei dovuto fare prima ma...non la pensano così gli organizzatori del Master che richiedevano come requisito l'esperienza lavorativa (oltre alla lingua inglese "testata" con un test che, al di là delle previsioni, non era propriamente una cazzata...)
Beh...adesso sono contenta, anche se questo significherà passare un altro anno a studiare e a non guadagnare un ciccio! (a proposito: se conoscete qualcuno che frequenta ancora l'Università e ha bisogno di lezioni private....)

Conclusione: impara le lingue (più ne sai meglio è), lavora, fatti il culo, tieniti aggiornato perchè tutto quello che hai fatto ti servirà in qualche modo, credimi...
ps dimenticavo...non ti fare scoraggiare MAI!!!!

Conte_Cavour

  • Rookie * Novizio

  • Offline
  • **
  • 10
pratica: entrare in un grosso studio?
« Risposta #22 il: 09 Settembre 2003, 14:01:36 »
ciao camilla, ma che master ti accingi a fare adesso?

lemon

  • Praticantissimo

  • Offline
  • *****
  • 110
pratica: entrare in un grosso studio?
« Risposta #23 il: 09 Settembre 2003, 16:38:00 »
Ad una festa sabato ho conosciuto una ragazza che lavora in un grosso studio di diritto commerciale, anzi pare il numero 1 al mondo (Clifford o qcosa del genere). Le ho chiesto quanto percepisse un giovane avvocato per compararlo con i miei introiti di giovane avvocato (dal 2001) e la sua risposta è stata 7.000 lordi al mese! Il Cuba (credo fosse il terzo della serata) mi è andato di traverso! La tipa mi garantisce che cmq che gli orari di lavoro sono folli (modello libri di Grisham) e ti scordi la vita privata!
Credo quindi caro Conte che prima di sperimentare la via per entrare in uno di questi studi-aziende ti convenga vedere che cosa vuoi davvero di più: una vita vera o un lavoro che ne prenda praticamente il posto! Se la tua risposta è la seconda i consigli degli altri forumisti ti saranno preziosi, ma se avessi qche minima esitazione sulla scelta ti consiglio un percorso più canonico!
Vs lemon, uno che la scelta l'ha fatta al 1° anno di Università

Mr-Hyde

  • Nume Tutelare

  • Offline
  • *****
  • 1731
pratica: entrare in un grosso studio?
« Risposta #24 il: 09 Settembre 2003, 19:31:58 »
Qualche precisizione e ringraziamento sembrano opportuni:

x Game: quando ho letto GdP ho pensato al PIL (gdp=pil in inglese) e mi ci è voluto un pò per arrivare a giudice di pace (sempre che tu intendessi questo).....se non cambio forma mentis alla svelta agli orali mi faccio due risate ovvero i commissari si faranno due risate a segarmi.... :)

x Mescal: ringrazio ed accetto con piacere....by the way sono rientrato in Italia...sei sempre il benvenuto al mio pianobar....:).....la sessione birraiola invece ce la facciamo dal vivo!!
Sport cafè in quale città?

X Camilla: i master che richiedono esperienza pratica sono sicuramente di ottimo livello....è un'influenza che è entrata nel mondo del diritto da un pò di anni dovuta agli MBAs...personalmente concordo con l'impostazione...complimenti ed in bocca al lupo...debbo dire che ti invidio un pò...sarebbe bello tornare a studiare per un anno.....

X Lemon: lo studio si chiama Clifford Chance (aka CC come nel mio post). E' il più grande al mondo per numero di avvocati (circa 3000) soprattutto dopo la fusione con Reger Wells (USA). CC è stato forse lo studio più innovativo e moderno fra le magic circle firms a Londra nefgli ultimi anni  (e.g. CC ha inziato la "guerra dei salari" a Londra nell 2000, è l'unico che ha fatto una fusione con uno studio americano (anche se la fusione non va  bene ed i rainmakers americani sono usciti per questioni di "allergia al lockstep" etc...famoso è il memorandum degli associates dello studio di NY che è circolato lo scorso ottobre)) ma sicuramente non è il migliore...quantità non significa qualità....è molto forte in finance/capital markets.
[OT: Non esiste il migliore studio legale al mondo e diffida sempre di chi dice il contrario. E' corretto dire invece che ci sono circa 10-12 studi che sono i milgiori a livello mondiale , questo si! Per esempio nell'M&A a Londra Slaughters e Linklaters sono le RRs, Allen&Overy è il top nel banking, CC nel captial markets, etc Negli USA, Cravath è il top per l'M&A insieme a Skadden Arps (che è anche il milgiore per hostile bids and IPOs), Cleary va fortissimo nell'antitrust...etc]

In Italia, CC, dopo 10 anni di collaborazione con Grimaldi,  si è fuso, ma l'anno scorso Grimaldi, Novelli etc (cioè i rainmaker italiani) si sono scissi portandosi via moltissimi associates e lasciando CC senza capacità M&A e limitata capacità finance.
Per quanto riguarda gli stipendi, quest'anno CC ha abbassato gli stipendi per gli NQ (newly qualified laqyers - i.e. appena si diventa avvocati che a Londra è automatico) di circa GBP 1500 all'anno.
se vuoi avere una panoramica degli stipendi degli studi inglesi a Londra visita il sito:
www.rollonfriday.co.uk
Le informazioni sono molto dettagliate anche a livello dello studio, struttura, leading positions, etc...
(PS: non ti eccitare troppo quando vedi Skadden perchè lì è un vero inferno....senza paragoni per questo sono costretti a pagare così...se no col cavolo che troverebbero associates (inoltre la partnership è un migaggio, circa 1 su 20-30 ci riesce)

Confermo a tutti che la vita privata ed i cosidetti grandi studi non possono coesistere....o l'uno o l'altro....
se si entra...si lascia la vita privata alla porta...è il prezzo da pagare..per cui occhio...se entrate vi deve piacere sul serio quello che fate e non vi deve frustrare il fatto di deve annullare cene ed events con una certa regolarità...

chiedo scusa in anticipo per i typos
ciao a tutti

gameover

  • Benemerito

  • Offline
  • *****
  • 4870
pratica: entrare in un grosso studio?
« Risposta #25 il: 09 Settembre 2003, 19:46:28 »
eh eh eh .... intendevo proprio il Giudice di Pace ... e constatando il tuo collegamento ripeto ... me cojoni ... scusate, arriva il mio cliente per guida in stato d'ebbrezza e il mio partner è a già andato a casa ... eh eh eh ...

Mork

  • Nume Tutelare

  • Offline
  • *****
  • 373
pratica: entrare in un grosso studio?
« Risposta #26 il: 09 Settembre 2003, 19:47:48 »
Un consiglio spassionato a Mr-Hyde e Conte (e non me ne vogliate vi prego): prima di parlare di studi o altro vi consiglio di dare una controllata all'ortografia, basilare per qualsiasi attività si intenda intraprendere (soprattutto a quando si deve mettere apostrofo ed accento).
In bocca al lupo a Conte

Mr-Hyde

  • Nume Tutelare

  • Offline
  • *****
  • 1731
pratica: entrare in un grosso studio?
« Risposta #27 il: 09 Settembre 2003, 20:01:34 »
Caro Mork,
non c'è problema...per così poco...

So benissimo che faccio typos (e mi scuso in anticipo nei miei post) in quanto non sono molto abituato a scivere a computer documenti  (di solito uso il dictaphone e scrivo a mano i commenti...)

sinceramente non ho voglia di rimettermi a leggere i messaggi per correggerli o migliorare lo stile...chiedo scusa a tutti per la mia prigrizia ma così è...

non preoccuparti per la mia attività in quanto "it's a different game". Ho proof readers e trainees che leggono e rileggono  i documenti "a caccia di typos"...per cui alla fine il documento è perfetto....

Per di più scrivo in italiano cosa per me abbastanza rara ahimè....

PS
Per quanto rigarda accenti ed apostrofi ho la tastiera inglese per cui non ho alcune vocali accentate e devo usare l'apostrofo...

una battuta di ritorno se mi consenti: W il contenuto ed abbasso la forma eh eh eh

ciao

blueyes

  • Senatore

  • Offline
  • *****
  • 2101
pratica: entrare in un grosso studio?
« Risposta #28 il: 09 Settembre 2003, 20:18:03 »
mr hide hai beccato ben due degli studi in cui ho lavorato io.. prima di diventare uno street lawyer ;) io ho scelto di vivere e bene ;)
 si fottano loro e le 14 ore di lavoro al giorno, ivi compresi sabato e domenica!!! il problema è che lavorare lì fa molto figo e molto grisham... ma cazzo la vita è una e nessuna cifra ha saputo comprare la mia. mi mancano i grandi contratti, acquisizioni e antitrust... ma ora VIVO e sono felice...

e poi hai dimenticato di parlare del clima e della concorrenza che c'è tra colleghi e con i superiori... un inferno di ipocrisie e malignità pur di diventare quell'uno su 20-30 di cui parlavi tu.

blueyes

  • Senatore

  • Offline
  • *****
  • 2101
pratica: entrare in un grosso studio?
« Risposta #29 il: 09 Settembre 2003, 20:24:25 »
Citazione da: "bilancina"
Per blueyes

Quello che vorrei sapere è sei quello che hai fatto prima di ricominciare da zero ti è comunque servitu  (ad esempio come metodo do lavoro, come esperienza nell'esame delle pratiche e dei dopcumenti, come approccio per la risoluzione dei problemi) o se è stato in sostanza uno spreco (non in sè naturalemente ma visto che ora fai altro)


niente è uno spreco!

per dirla col mio motto: NON SAREI QUEL CHE SONO SE NON AVESSI FATTO QUELLO CHE HO FATTO.

per dirla usando una metafora: è come guidare fiat (di tua proprietà) su una strada italiana dopo aver guidato per cinque anni una porsche (di proprietà di altri) su una strada inglese. Si tratta sempre di guidare, e quindi l'esperienza che hai nella guida ti è certamente utile, ma si tratta di mezzo diverso e senso di marcia diverso.
spero di aver reso l'idea.


 

compatibilità con la pratica

Aperto da MelanySezione [ Civile :: Da collega a collega ]

Risposte: 2
Visite: 778
Ultimo post 02 Agosto 2002, 20:27:09
da Neldot
pratica e/o lavoro? (2)

Aperto da AnonymousSezione [ Info sul tirocinio forense e discussioni tra laureandi, praticanti e patrocinatori]

Risposte: 1
Visite: 1206
Ultimo post 13 Settembre 2002, 23:49:28
da mac
pratica e dottorato

Aperto da AnonymousSezione [ Info sul tirocinio forense e discussioni tra laureandi, praticanti e patrocinatori]

Risposte: 3
Visite: 1823
Ultimo post 24 Settembre 2002, 12:36:58
da Elisewin
Lo studio del neo praticante

Aperto da floSezione [ Info sul tirocinio forense e discussioni tra laureandi, praticanti e patrocinatori]

Risposte: 30
Visite: 6450
Ultimo post 03 Ottobre 2002, 10:49:33
da Roby
pratica e scuola di specializzazione (1)

Aperto da joeSezione [ Info sul tirocinio forense e discussioni tra laureandi, praticanti e patrocinatori]

Risposte: 4
Visite: 1494
Ultimo post 03 Ottobre 2002, 22:41:36
da Anonymous
pratica e scuola di specializzazione (2)

Aperto da AnonymousSezione [ Info sul tirocinio forense e discussioni tra laureandi, praticanti e patrocinatori]

Risposte: 2
Visite: 1250
Ultimo post 05 Ottobre 2002, 08:36:57
da Anonymous
pratica e seconda laurea

Aperto da AnonymousSezione [ Info sul tirocinio forense e discussioni tra laureandi, praticanti e patrocinatori]

Risposte: 2
Visite: 1261
Ultimo post 05 Ottobre 2002, 09:01:08
da Anonymous
pratica presso avvocatura (2)

Aperto da buendia74Sezione [ Info sul tirocinio forense e discussioni tra laureandi, praticanti e patrocinatori]

Risposte: 2
Visite: 1188
Ultimo post 06 Ottobre 2002, 17:51:49
da Anonymous
Ius&Law, corsi specifici per l'esame da avvocato

Ricerca personalizzata



Come ci si abilita per diventare Avvocato in Spagna?
  
Domiciliazioni Legali e Sostituzioni d'Udienza tra Avvocati (e Praticanti)
Ricerca e offerta di Domiciliazioni Legali tra avvocati

 
Annunci Sponsorizzati


Annunci Google