FORUM AVVOCATI & Praticanti Avvocati

:: QUESTIONI GIURIDICHE :: (tra colleghi) => [ Varie :: Da collega a collega ] => Topic aperto da: Maktub - 02 Feb 2006, 17:05

Titolo: Validità di procura rilasciata da notaio all'estero
Inserito da: Maktub - 02 Feb 2006, 17:05
Ciao a tutti,
dovrei farmi rilasciare una procura da un notaio in Spagna per poter patrocinare in Italia dinnanzi alla commissione del lavoro e vorrei sapere cose si deve fare per farne riconoscere la validità: basta una traduzione giurata da parte di un traduttore iscritto all'albo dei traduttori del tribunale oppure occorrono altri adempimenti?

Grazie per l'attenzione e per l'eventuale aiuto.

Un saluto

Gian
Titolo: Validità di procura rilasciata da notaio all'estero
Inserito da: dottorino - 02 Feb 2006, 17:32
fammi capire: intendi dire che un notaio deve autenticare una procura alle liti di un residente spagnolo a te?
Titolo: Validità di procura rilasciata da notaio all'estero
Inserito da: zonaprati - 02 Feb 2006, 18:04
si è valida
ma devi trovare un "interprete" di quelli riconosciuti dalla farnesina o dal Ministero degli Esteri Spagnolo
non può essere una traduzione qualunque ma deve essere come si suole dire "giurata"
Titolo: Validità di procura rilasciata da notaio all'estero
Inserito da: iason - 02 Feb 2006, 18:13
non sono d'accordo. Mi pare di capire che devi ottenere una procura per atto notarile da cittadino residente in spagna...giutso???In questo caso le strade sono per l'esattezza due:
1) il tuo cliente si rivolge al servizio notarile presso il consolato italiano in Spagna e in tal modo hai un atto valido in Italia
2) il tuo cliente si rivolge ad un notaio spagnolo, ma in questo caso all'atto deve essere apposta l'apostille dall'autorità spagnola proposta come richiesto dalla convenzione Aja del 61.
La mera traduzione, che peraltro può fare chiunque previa asseverazione in Tribunale, non è atto idoneo a dare certezza alla provenienza dell'atto notarile o a conferire certificazione del suo contenuto.
Titolo: Validità di procura rilasciata da notaio all'estero
Inserito da: Maktub - 02 Feb 2006, 18:29
Citazione da: "dottorino"
fammi capire: intendi dire che un notaio deve autenticare una procura alle liti di un residente spagnolo a te?



devo patrocinare in Italia per conto di un lavoratore extracomunitario che ora risiede in Spagna...ed io ora mi trovo in Spagna (a Barcellona) e vorrei cogliere l'occasione per farmi rilasciare una procura che sia valida in Italia dinnanzi alla commissione del lavoro
Titolo: Validità di procura rilasciata da notaio all'estero
Inserito da: iason - 02 Feb 2006, 18:38
rivolgiti al servizio notarile presso il consolato italiano. E' la cosa più semplice.
Oppure fai apporre l'"apostille" all'atto del notaio spagnolo.
Credo che questa sia la procedura corretta...
Titolo: Validità di procura rilasciata da notaio all'estero
Inserito da: zonaprati - 02 Feb 2006, 18:40
scusa jason no
i notai sono ovunque pubblici ufficiali
l'atto promanante da un pubblico ufficiale è valido ovunque se la traduzione è asseverata
Titolo: Validità di procura rilasciata da notaio all'estero
Inserito da: AlexDrastico - 02 Feb 2006, 18:49
Maktub, se sei in Spagna e vedi il cliente di persona la procura la autentichi tu stesso. Fa parte dei tuoi diritti e doveri di patrocinatore (che tu sia avvocato o praticante abilitato) a patto che tu possa effettivamente essere presente quando il tuo cliente, del quale hai accertato l'identità, sta firmando. Se invece la procura ti arriva firmata da fuori, deve essere autenticata nelle forme che altri ti hanno già detto o ti diranno meglio di me.
Titolo: Validità di procura rilasciata da notaio all'estero
Inserito da: zonaprati - 02 Feb 2006, 18:52
ma le leggi nazionali del processo civile non valgono per l'estero scusa
Titolo: Validità di procura rilasciata da notaio all'estero
Inserito da: iason - 02 Feb 2006, 18:54
non voglio tediarti con i principi cardine del diritto internazionale... ma un atto del pubblico ufficiale è valido nel territorio dello stato e sulla base della legge di quello stato in cui l'ufficiale riveste quelle carica.
Le convenzioni internazionali hanno supplito a tale circostanza prevedendo il riconoscimento degli atti notarili, ma solo successivamente ad controllo, ossia l'apposizione di apostille (Aja)... perchè altrimenti il riconoscimento non opererebbe automaticamente. Similmente a quanto accade per le sentenze (New York e Washington).
Se poi esiste una disciplina più snella per i Paesi UE, questo lo ignoro.
Titolo: Validità di procura rilasciata da notaio all'estero
Inserito da: AlexDrastico - 02 Feb 2006, 18:56
Davanti al giudice italiano io devo giustificare i poteri che mi permettono di rappresentare il mio cliente davanti a lui.
Pertanto se io autentico, come mio diritto e dovere, la procura rilasciatami dal mio cliente per il processo da tenersi in Italia... tanto basta.

Sarà che io lavoro a stretto contatto con uno stato estero, ma sta cosa mi capita spesso.
Titolo: Validità di procura rilasciata da notaio all'estero
Inserito da: iason - 02 Feb 2006, 18:59
Citazione da: "AlexDrastico"
Maktub, se sei in Spagna e vedi il cliente di persona la procura la autentichi tu stesso. Fa parte dei tuoi diritti e doveri di patrocinatore


scusami, ma non credo sia correto. Il potere di autenticare concesso al difensore attiene unicamente agli atti giudiziari.
Il tentativo di conciliazione ex 410 cpc è extragiudiziale e pertanto è necessaria la procura notarile
Titolo: Validità di procura rilasciata da notaio all'estero
Inserito da: AlexDrastico - 02 Feb 2006, 19:01
Hai ragione, ho risposto in fretta... errore mio.

Ma tanto se è un 410 al 99% va a puttane... tanto vale raccogliere già la procura per la causa... no?

Il resto lo condividete?
Titolo: Validità di procura rilasciata da notaio all'estero
Inserito da: zonaprati - 02 Feb 2006, 19:03
si
la prima volta che dice che ha torto (e che non è in malattia)
Titolo: Validità di procura rilasciata da notaio all'estero
Inserito da: iason - 02 Feb 2006, 19:05
beh... certamente...il resto lo condivido  :)
Titolo: Validità di procura rilasciata da notaio all'estero
Inserito da: AlexDrastico - 02 Feb 2006, 19:07
A parte il fatto che non è la prima volta... ho letto in fretta e pensavo il nostro amico parlasse di iniziare la causa e non si trovasse ancora alla fase del 410 c.p.c. (ho inteso troppo letteralmente la parola "patrocinare"). errore mio

Ma questo commento è solo dovuto al fatto che qui
Citazione

ma le leggi nazionali del processo civile non valgono per l'estero scusa

hai scritto il tuo primo post di natura anche solo latamente giuridica?
(Anche se errato ove intenda che la procura giudiziale non si possa raccogliere all'estero)

Non era il caso di festeggiare invece di riprendere a scrivere Stupidate?
Titolo: Validità di procura rilasciata da notaio all'estero
Inserito da: Maktub - 02 Feb 2006, 19:08
Citazione da: "AlexDrastico"
Maktub, se sei in Spagna e vedi il cliente di persona la procura la autentichi tu stesso. Fa parte dei tuoi diritti e doveri di patrocinatore (che tu sia avvocato o praticante abilitato) a patto che tu possa effettivamente essere presente quando il tuo cliente, del quale hai accertato l'identità, sta firmando. Se invece la procura ti arriva firmata da fuori, deve essere autenticata nelle forme che altri ti hanno già detto o ti diranno meglio di me.


mi occorre la procura notarile in quanto si tratta di una causa di lavoro (per la convocazione innanzi al DPL)
Titolo: Validità di procura rilasciata da notaio all'estero
Inserito da: chillenu - 02 Feb 2006, 19:39
ho idea che la procura autenticata dal difensore si valida anche davanti alla Commissione Prov. di Conciliazione per il rituale tentativo, in quanto esso atto "latu sensu" processuale (e prodromico all'inizio di una causa).

per contestazioni, si rimanda a domani.
Titolo: Validità di procura rilasciata da notaio all'estero
Inserito da: zonaprati - 02 Feb 2006, 19:44
alex drastico avvocato in malattia
non si può prendere con le formalità italiane (tipo procura sottoscritta dall'avvocato etc) all'estero se anche all'estero non vige pari proceudra
Titolo: Validità di procura rilasciata da notaio all'estero
Inserito da: dottorino - 02 Feb 2006, 20:25
per come la vedo io:
il rilascio della procura è regolato da L. 106/90 che ha eseguito convenzione di Bruxelles del 1987 tra membri UE
basta la legalizzazione di notaio locale secondo legge locale e non è necessaria l'Apostile
attenzione che il notaio attesti che la sottoscrizione è avvenuta in sua presenza (Cass. 12821/2004)
la procura la fai scrivere nella lingua originale e la traduci tu senza asseverazioni e simili; la metti su due colonne, a sinistra lingua originale a destra italiano. l'obbligo di lingua italiana è per gli atti (art. 122 c.p.c.) non per i documenti
Titolo: Validità di procura rilasciata da notaio all'estero
Inserito da: iason - 02 Feb 2006, 23:59
vero dottorino, ma la convenzione di Bruxelles del 1987 si applica - sulla scorta del principio di reciprocità - solo tra gli Stati dell'UE che hanno ratificato l'accordo: Italia, Danimarca, Irlanda, Francia e Belgio.
In assenza di accordi bilaterali o multilaterali, i Paesi che hanno sottoscritto la convenzione dell'Aja richiedono l'apposizione dell'apostille.
Quindi il documento redatto dal notaio spagnolo dovrà essere fornito dell'attestazione del pubblico ufficiale (un timbro alla fine) e assumerà validità in Italia accompagnato da una semplice traduzione, senza bisogno di passare per ambasciata e consolato come avviene nella legalizzaizone tra Paesi che non hanno sottoscritto la convenzione dell'Aja.
non ho altro da aggiungere  :glasses7:
Titolo: Validità di procura rilasciata da notaio all'estero
Inserito da: AlexDrastico - 03 Feb 2006, 09:48
Caro Zonaprati... innanzitutto complimenti perchè hai ragione in diritto...
Noto con piacere che sei capace di scrivere anche post giuridici...
però...
Glielo dobbiamo proprio dire a questo cattivone di giudice parruccone e ostruzionista che la procura è stata raccolta all'estero?
Non vogliamo che sia l'avversario a dover provare che il nostro cliente non è mai venuto da noi a rilasciarla per farsi rappresentare in Italia? Del resto noi autentichiamo la sottoscrizione in calce al conferimento dei poteri, non il luogo e neanche la data della sottoscrizione...(e nel caso... credi che l'avversario riuscirebbe o avrebbe interesse a provare che la procura è stata rilasciata all'estero?).
Questo era il senso dei miei post.


P.S. già da tempo sono in studio... e ti comunico di essere ufficialmente guarito
Il tuo psicanalista può dire lo stesso di te?
Titolo: Validità di procura rilasciata da notaio all'estero
Inserito da: dottorino - 03 Feb 2006, 10:00
hai ragione Iason: ho confuso Francia e Spagna (purchè se magna). Sorry. Si applica perciò convenzione dell'Aja.

Non credo si possa andare in paese estero a certificare procura di persona ivi residente. quanto appena scritto da Alex è vero
Titolo: Validità di procura rilasciata da notaio all'estero
Inserito da: chillenu - 03 Feb 2006, 11:09
post vuoto di significato, e non in tema con la questione.
Citazione

alex drastico avvocato in malattia
non si può prendere con le formalità italiane (tipo procura sottoscritta dall'avvocato etc) all'estero se anche all'estero non vige pari proceudra

se si tratta di una procura alle liti, il difensore ne può autenticare l'autografia.
che essa sia stata raccolta in Italia, Spagna, Marocco o Burundi è assolutamente indifferente, e non vedo perchè non dovrebbe esserlo.

Diverso il caso di autenticazione di delega che non può effettuare il difensore.
In questo caso le procedure da seguire immagino siani quelle indicate ottimamente (vado in fiducia, perchè ne so meno di nulla...) da iason.

la delega autenticata direttamente dal difensore per il tentativo di conciliazione è diversamente accettata a seconda delle diverse DPL.
Titolo: Validità di procura rilasciata da notaio all'estero
Inserito da: AlexDrastico - 03 Feb 2006, 11:19
No chill, la procura alle liti può essere autenticata solo in Italia, dovendo essere rilasciata nelle forme della procura notarile se rilasciata all'estero, perchè il potere di autentica dell'avvocato è limitato al territorio nazionale. C'è una Cass. del 2003, se non ricordo male.
Ma, come già detto... chi lo viene a sapere che il cliente non è mai venuto in Italia a rilasciarmela?
Non è onere dell'avversario provare che ho autenticato una procura raccolta all'estero? E secondo voi... l'avversario avrà interesse e/o possibilità di provarlo? Io dico che è parecchio difficile e non ci si mette neanche
Titolo: Validità di procura rilasciata da notaio all'estero
Inserito da: Maktub - 05 Feb 2006, 21:05
Grazie a tutti per l'aiuto dato!
Credo che nei prossimi giorni mi recherò al consolato e parlerò con il notaio (italiano);credo che in tal caso non dovrei avere problemi per il riconoscimento della procura.


Un saluto

Gian