Autore Topic: partita I.V.A., C.P.A. e Co.  (Letto 7129 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

carleos

  • Forumdipendente

  • Offline
  • **
  • 256
partita I.V.A., C.P.A. e Co.
« il: 17 Dic 2012, 15:58 »
Salve ragazzi, volevo porvi una questione che mi è sorta in questi giorni.
Io sto svolgendo la pratica da qualche mese e percepisco un rimborso spese (300 euro).
Dal prossimo anno (cioè da quando prendere l'abilitazione) posso aprirmi una partita IVA e rilasciare fattura al mio dominus?
Posso richiedere, da praticante, i versamenti della C.P.A.?

Grazie mille

ossicini

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 4285
  • Testo personale
    Rana Tutelare
partita I.V.A., C.P.A. e Co.
« Risposta #1 il: 17 Dic 2012, 16:04 »
Titolo minuscolo, perfavore!

...perché vorresti aprire partita iva da subito?

SisterOfNight

  • Forumdipendente

  • Offline
  • **
  • 347
partita I.V.A., C.P.A. e Co.
« Risposta #2 il: 17 Dic 2012, 16:23 »
se fatturi i 300,00 sai vero che  di netto ti resta ben poco?

carleos

  • Forumdipendente

  • Offline
  • **
  • 256
partita I.V.A., C.P.A. e Co.
« Risposta #3 il: 17 Dic 2012, 16:32 »
In primis mi scuso per il titolo in maiuscolo.

Detto ciò volevo aprire la partita IVA perchè l'altra volta parlando con un mio amico praticante mi ha detto che lui la ha aperta e che rilascia la fattura al suo dominus. Resta il fatto che lui guadagna, buon per lui, ben altre cifre!

Io volevo farlo più che altro per la CPA cioè trovarmi con un davvero minimo di contributi: considerando che corrisponde al 4% su 300 € non mi cambiano.
La mia domanda è: posso "incassare" il versamento della CPA senza dover scontare il 20% di IVA? (altrimenti come giustamente detto non mi rimane niente)

SisterOfNight

  • Forumdipendente

  • Offline
  • **
  • 347
partita I.V.A., C.P.A. e Co.
« Risposta #4 il: 17 Dic 2012, 16:51 »
vorresti, se ho ben capito, emetere fattura addebitando il 4% ma non esponendo iva (che è 21%)?

vedi se rientri nel regime fiscale di vantaggio

http://lavoro.economia.virgilio.it/riforma-lavoro-guida-ai-nuovi-contratti/regime-fiscale-di-vantaggio-ovvero-contribuenti-minimi-dopo-2012.html

carleos

  • Forumdipendente

  • Offline
  • **
  • 256
partita I.V.A., C.P.A. e Co.
« Risposta #5 il: 17 Dic 2012, 17:57 »
Citazione da: "SisterOfNight"
vorresti, se ho ben capito, emetere fattura addebitando il 4% ma non esponendo iva (che è 21%)?

vedi se rientri nel regime fiscale di vantaggio

http://lavoro.economia.virgilio.it/riforma-lavoro-guida-ai-nuovi-contratti/regime-fiscale-di-vantaggio-ovvero-contribuenti-minimi-dopo-2012.html


Hai davvero colto nel segno!
è proprio questo quello che voglio fare: iniziare a farmi versare dei contributi minini alla cassa (il 4%) però evitando di pagarci il 20% di IVA

Se terminati i 12 mesi di pratica il mio dominus mi alza la "paghetta" ad almeno 500/600 euro mi conviene pensarci su?
Sempre se non decido di cambiare studio qualora non riscontrassi la possibilità di una collaborazione futura!

ossicini

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 4285
  • Testo personale
    Rana Tutelare
partita I.V.A., C.P.A. e Co.
« Risposta #6 il: 17 Dic 2012, 18:00 »
carleos, se t'iscrivi alla cassa non versi mica solo il 4%. Credo che, ancorché tu sia giovane, il regime agevolato non scenda sotto i 2500 euro l'anno di minimo per il solo fatto d'essere iscritti. Inoltre alla fin fine noi andremo tutti in pensione come minimo a 70 anni; talché ho maturato la convinzione che meno e più tardi si versa alla cassa, meglio è.
Ti dirò: io mi iscrissi a 28 anni, appena diventata avvocato; ma oggi forse attenderei almeno un anno. Soldi per certi versi buttati, ricongiungibili pressoché con nulla.

Inoltre vi son regimi fiscali vantaggiosi per chi apre partita iva, ma io non li "brucerei" prima di aver preso il titolo o comunque prima di guadagnare un po' di più, perché sono regimi che durano tot anni e poi basta, si passa in ordinario e lì vieni massacrato.

Insomma, io al momento al tuo posto rimarrei dove sono!

carleos

  • Forumdipendente

  • Offline
  • **
  • 256
partita I.V.A., C.P.A. e Co.
« Risposta #7 il: 17 Dic 2012, 18:12 »
Grazie mille ossicini!
Ho fatto anche un giro sul sito della cassa, in parole povere calcolatrice alla mano andrei a pagare circa 1400,00 € annue (considerate la riduzione al 50% del contributo minimo)
e come si dice dalle mie parti "non è cosa", se io con 300 euro mensili arrivo a 3.000 darme la metà in tasse non conviene!

Aspetterò il tanto agognato titolo!
(sperando che prima mi assuma qualche studio che paga i praticanti qualcosa come 1.500 euro vedi Clifford change) ;)

I sogni son desideri!!!
Grazie!

carcarlo

  • Forumdipendente

  • Offline
  • **
  • 259
partita I.V.A., C.P.A. e Co.
« Risposta #8 il: 18 Dic 2012, 12:55 »
...

Citazione da: "ossicini"
carleos, se t'iscrivi alla cassa non versi mica solo il 4%. Credo che, ancorché tu sia giovane, il regime agevolato non scenda sotto i 2500 euro l'anno di minimo per il solo fatto d'essere iscritti. Inoltre alla fin fine noi andremo tutti in pensione come minimo a 70 anni; talché ho maturato la convinzione che meno e più tardi si versa alla cassa, meglio è.
Ti dirò: io mi iscrissi a 28 anni, appena diventata avvocato; ma oggi forse attenderei almeno un anno. Soldi per certi versi buttati, ricongiungibili pressoché con nulla.


Concordo su tutto: in primo luogo, per gli iscritti alla cassa c'è sempre un minimo da versare, a prescindere dal reddito.
In secondo luogo, dubito anch'io che andremo mai in pensione, per cui io verso solo ciò che sono costretto, ci mancherebbe altro che gli dia un euro in più...

Citazione da: "ossicini"
Inoltre vi son regimi fiscali vantaggiosi per chi apre partita iva, ma io non li "brucerei" prima di aver preso il titolo o comunque prima di guadagnare un po' di più, perché sono regimi che durano tot anni e poi basta, si passa in ordinario e lì vieni massacrato.


Il nuovo regime dei minimi (ex forfettone), da quest'anno comporta il pagamento di una imposta fissa del 5% (fino all'anno scorso era il 20%), in luogo di irpef, irap e quant'altro.
Non applichi IVA, mentre applichi invece il CPA del 4%.
Sempre da quest'anno, visto che l'aliquota è scesa al 5%, i pagamento non sono neppure soggetti a ritenuta d'acconto (visto che quest'ultima è del 20%).

In pratica, la fattura è la seguente:

Competenze € 1.000,00
CPA 4% € 40,00
NETTO A PAGARE € 1.040,00

Esente IVA (operazione effettuata ai sensi dell'art. 27, commi 1 e 2 del D.L. n. 98 del 6.7.2011)
Prestazione non soggetta a ritenuta d'acconto, così come precisato al punto 5.2 del provvedimento della Agenzia delle entrate n. 185820 del 22.12.2011


Questo regime è valido fino ai 35 anni di età, o per i primi 5 anni di attività.
Ad esempio, se inizi a 28 anni, ti varrà dino a 35.
Se inizi a 33, fino a 38.

Spero di esserti stato d'aiuto.

carleos

  • Forumdipendente

  • Offline
  • **
  • 256
partita I.V.A., C.P.A. e Co.
« Risposta #9 il: 18 Dic 2012, 16:16 »
Citazione da: "carcarlo"
...

Citazione da: "ossicini"
carleos, se t'iscrivi alla cassa non versi mica solo il 4%. Credo che, ancorché tu sia giovane, il regime agevolato non scenda sotto i 2500 euro l'anno di minimo per il solo fatto d'essere iscritti. Inoltre alla fin fine noi andremo tutti in pensione come minimo a 70 anni; talché ho maturato la convinzione che meno e più tardi si versa alla cassa, meglio è.
Ti dirò: io mi iscrissi a 28 anni, appena diventata avvocato; ma oggi forse attenderei almeno un anno. Soldi per certi versi buttati, ricongiungibili pressoché con nulla.


Concordo su tutto: in primo luogo, per gli iscritti alla cassa c'è sempre un minimo da versare, a prescindere dal reddito.
In secondo luogo, dubito anch'io che andremo mai in pensione, per cui io verso solo ciò che sono costretto, ci mancherebbe altro che gli dia un euro in più...

Citazione da: "ossicini"
Inoltre vi son regimi fiscali vantaggiosi per chi apre partita iva, ma io non li "brucerei" prima di aver preso il titolo o comunque prima di guadagnare un po' di più, perché sono regimi che durano tot anni e poi basta, si passa in ordinario e lì vieni massacrato.


Il nuovo regime dei minimi (ex forfettone), da quest'anno comporta il pagamento di una imposta fissa del 5% (fino all'anno scorso era il 20%), in luogo di irpef, irap e quant'altro.
Non applichi IVA, mentre applichi invece il CPA del 4%.
Sempre da quest'anno, visto che l'aliquota è scesa al 5%, i pagamento non sono neppure soggetti a ritenuta d'acconto (visto che quest'ultima è del 20%).

In pratica, la fattura è la seguente:

Competenze € 1.000,00
CPA 4% € 40,00
NETTO A PAGARE € 1.040,00

Esente IVA (operazione effettuata ai sensi dell'art. 27, commi 1 e 2 del D.L. n. 98 del 6.7.2011)
Prestazione non soggetta a ritenuta d'acconto, così come precisato al punto 5.2 del provvedimento della Agenzia delle entrate n. 185820 del 22.12.2011


Questo regime è valido fino ai 35 anni di età, o per i primi 5 anni di attività.
Ad esempio, se inizi a 28 anni, ti varrà dino a 35.
Se inizi a 33, fino a 38.

Spero di esserti stato d'aiuto.


Molto più che d'aiuto!
utilissimo!

diciamo che avevo preso un abbaglio sentendo il mio amico (che però guadagna altre cifre)
rimarrò nel mio piccolo rimborso in nero per qualche anno sperando in più rosee condizioni!

dr.peppe

  • Visitatore
partita I.V.A., C.P.A. e Co.
« Risposta #10 il: 18 Dic 2012, 17:04 »
Salve carleos, sono delle Tasse&Co, la prego di seguirmi! :D
Citazione da: "carleos"
... rimborso in nero ...

 

costretta ad aprire partita iva !

Aperto da elektra

Risposte: 34
Visite: 11951
Ultimo post 04 Lug 2011, 15:26
da NICOCENA