Autore Topic: Desolatamente discriminata  (Letto 40682 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Careca

  • Rookie * Novizio

  • Offline
  • **
  • 14
Desolatamente discriminata
« Risposta #50 il: 28 Feb 2006, 10:16 »
fuego ha scritto
Chi te le ha spiegate le assurdità che scrivi, papa Ratzinger, che ha la chiesa cattolica piena di omosessuali e se la prende con le coppie omosessuali?
Come fai a dare per scontato che l'opinione di una persona è sbagliata dichiarandola apertamente un'assurdità?
Molte persone per difendere un proprio modo di pensare devono attaccare gli altri.
E' molto bello quello che ha scritto desolata in quanto parla del proprio vissuto senza dare la colpa della sua omosessualità a nessuno.
Dopo aver letto queste tue ultime parole mi chiedo come mai te la sia tanto presa per le dichiarazioni di quell'avv.
Tu hai fatto la tua scelta e allora continua ad essere quello che sei che non spetta alle persone che hai attorno giudicarti soprattutto in ambito professionale dove quel che conta e l'applicazione e la dedizione al lavoro.

macguffin

  • Praticantissimo

  • Offline
  • *****
  • 146
Desolatamente discriminata
« Risposta #51 il: 28 Feb 2006, 11:18 »
Careca: io trovo che a volte sia anche bello, nell'arco di un'esistenza, alzare la testa.
La questione qui non è il giudizio, ma la discriminazione.
E la discriminazione è una brutta bestia, l'accettazione degli altri non serve, ma il riconoscimento dei propri diritti è un'altra cosa.

desolata

  • Habitué

  • Offline
  • ***
  • 31
Desolatamente discriminata
« Risposta #52 il: 28 Feb 2006, 11:32 »
Per Careca...
Sicuramente avete tutti ragione a dirmi di andare avanti in quello che credo e lo penso anch'io, non puo' farmi arrendere un giudizio di un'altra persona, ho dato tanto per questa professione.
Sinceramente al momento mi e' caduto il mondo addosso, se penso a quante mattine mi sono svegliata all'alba per raggiungere i piu' disparati tribunali, a quante serate ho passato in quello studio con il viso chino su quegli atti....
Sono tornata in studio, dopo l'esame con un senso di vittoria, ingenuamente convinta di poter condividere con i colleghi il mio risultato... L'avvocato mi stimava, con lei ho girato mezza italia, ero la piu' disponibile, non mi sono mai tirata indietro a nessuna sua richiesta. Sinceramente non mi ero mai preoccupata della mia identita' nei suoi confronti. Mai, nei confronti di nessuno.
E' come se quelle frasi mi abbiano svegliato da un sogno!
Per la prima volta ho subito un atto di discriminazione da chi non pensavo. Sentire parlare le persone in modo dispregiativo dei gay non mi ha mai disdegnato. Credo che ognuno sia libero di esprimere quello in cui crede, ma quella rabbia, quelle accuse mi hanno davvero segnato.
Avrei preferito sentirmi dire di lasciare lo studio per mille altri motivi.
E non sentirmi apostrofata di meschinita', di cose davvero indicibili...
Non ti nego che quella reazione, quelle parole mi hanno messa in discussione!
Le prime notti, non riuscivo a dormire e pensavo che forse sarebbe stato meglio cambiare lavoro che forse aveva ragione lei a dire che un avvocato gay fa solo ridere e che e' motivo di ulteriore astio tra le controparti, che agli avvocati e' richiesta una vita moralmente dignitosa e che la mia non lo e'.
Poi ho pensato di andare a Milano e di non dire nulla mai a nessuno della mia vita privata, di non legare legami con nessuno che possa capire chi in realta' sono.
Probabilmente ora sono troppo giu' per vedere la mia situazione in modo distaccato potrei commettere errori, mi prendo tutto il mese di marzo per pensarci, mi sento svuotata, confusa..
Grazie

fuego

  • Megapraticante

  • Offline
  • ***
  • 558
Desolatamente discriminata
« Risposta #53 il: 28 Feb 2006, 11:43 »
All'amico Careca che chiede perché definisco assurdità le "teorie" sulla omosessualità come malattia, rispondo che è una assurdità perché è una cosa scientificamente sbagliata.

No lo dice solo la OMS, ma tutta la letteratura scientifica. Ovviamente c'è ancora qualcuno, come le gerarchie cattoliche, che credono di vestire di scientifico i propri pregiudizi.

Sono gli stessi ecclesiastici che, qualche secolo fa, si rifiutarono di guardare nel cannocchiale che Galilei gli mostrava, per non essere costretti a vedere che la realtà era diversa dai loro pregiudizi antiscientifici.

chillenu

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 5312
Desolatamente discriminata
« Risposta #54 il: 28 Feb 2006, 11:43 »
:shock:
Quota (selezione)

senza dare la colpa della sua omosessualità a nessuno.

la colpa??????????
no comment!

dottorino

  • Nume Tutelare

  • Offline
  • *****
  • 11362
Desolatamente discriminata
« Risposta #55 il: 28 Feb 2006, 11:49 »
io il post di careca lo leggo e lo rileggo ma continuo a non capirci un çazzo. non si capisce dove cita gli altri e dove è pensiero suo. boh

afgibi

  • Nume Tutelare

  • Offline
  • *****
  • 5802
Desolatamente discriminata
« Risposta #56 il: 28 Feb 2006, 11:50 »
Sono allucinato.
La colpa dell'omosessualità. Gay si nasce o si diventa. Perversione.
Ma ragazzi, santo colui al quale non credo (e ai rappresentanti in terra del quale io attribuisco questo schifo) ma vi rendete conto?

Adesso continuiamo dicendo che andrebbero ghettizzati. Poi già che ci siamo li tatuiamo, che non si sa mai.
Infine, perchè no, c'è da fare la TAV, e notoriamente il lavoro rende liberi. perchè d.i.0. è con noi...

Poi quello violento nel pensiero sono io, eh.

M, un buon consiglio. Cambia il nome del sito in "Asilo mariuccia on line". La frequentazione è questa!

an

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 13998
Desolatamente discriminata
« Risposta #57 il: 28 Feb 2006, 11:55 »
iason

Citazione da: "iason"
:D  :D  :D

Quota (selezione)

Rimango dell'idea che l'omosessualità sia una patologia. Vi sono studi anche in tal senso, banditi da una psichiatria politically correct.


ci sono anche studi che negano l'olocausto (banditi da storici comunisti e socialisti) e altri studi che sostengono l'esistenza di vita aliena sulla terra (ovviamente banditi da una scienza collusa con gli alieni che vogliono occupare il pianeta Terra)  :alien:  :alien:  :alien:

non credo che ogni str***ta che venga scritta da un gruppo di studiosi non meglio qualificato sia di per sè vera...  
credo invece che sia più patologica l'omofobia dell'omosessualità


non fare della facile retorica...siamo abbastanza sgamati per non farci commuovere dai tuoi arditi(e assurdi)accostamenti...

Umbra

  • Forumdipendente

  • Offline
  • **
  • 257
Desolatamente discriminata
« Risposta #58 il: 28 Feb 2006, 11:59 »
da donna tutta la mia solidarietà

iason

  • Guru

  • Offline
  • ****
  • 1144
Desolatamente discriminata
« Risposta #59 il: 28 Feb 2006, 12:01 »
:shock:

Quota (selezione)

Nondimeno, così anche fosse (non ho le capacità per dire se sia vero o meno), non si vede perchè un omosessuale debba poi essere per questo discriminato (si discriminano forse i malati???)


era da anni che non sentivo tante str....te tutte assieme!!! ma state scherzando spero!!!

Papa... il motivo per cui tante lotte sono state fatte per escludere l'omosessualità dal novero delle malattie mentali consiste nel fatto che in tempi bui, nemmeno troppo lontani, i gay venivano internati nei manicomi e sottoposti a cure farmacologiche ed elettroshock. Ciò sulla scorta della considerazione che una malattia può essere curata, ergo il malato omosessuale può guarire!!!
Ora, lascio a te pensare a quali conclusioni estreme porta il tuo ragionamento se lo stesso principio sovraesposto fosse applicato a qualsiasi comportamento umano considerato atipico o non in linea con il criterio di "normalità"

dottorino

  • Nume Tutelare

  • Offline
  • *****
  • 11362
Desolatamente discriminata
« Risposta #60 il: 28 Feb 2006, 12:06 »
.
Citazione da: "papamoonx"
Il mio profesore di medicina legale vedeva con favore le teorie circa la riconducibiltà dell'omosessualità nelle forme patologiche.

doveva essere nella stessa squola dove ti hanno imparato l'itagliano  :laughing6:

Papamù, ma addo' çazz li trovi sti professori? ma tutti tu?

afgibi

  • Nume Tutelare

  • Offline
  • *****
  • 5802
Desolatamente discriminata
« Risposta #61 il: 28 Feb 2006, 12:08 »
Eh no, D8.
Credo di conoscere il professore di cui parla.
L'ho avuto anche io...

iason

  • Guru

  • Offline
  • ****
  • 1144
Desolatamente discriminata
« Risposta #62 il: 28 Feb 2006, 12:09 »
an  :)

Quota (selezione)

non fare della facile retorica...siamo abbastanza sgamati per non farci commuovere dai tuoi arditi(e assurdi)accostamenti...


facile retorica è quella di chi si riempie la bocca citando improbabili studi, senza riportarne le fonti, tanto per dare autorevolezza ad un pensiero che ciò nondimeno risulta debole e per nulla ancorato a dati scientifici.

dottorino

  • Nume Tutelare

  • Offline
  • *****
  • 11362
Desolatamente discriminata
« Risposta #63 il: 28 Feb 2006, 12:12 »
gibi, l'hai "avuto" in senso sessuale? perchè in tal caso la cosa si farebbe interessante, il prof che sbraita contro i gay e poi non disdegna ogni tanto di farsi un giro di patologia visto che c'è

fuego

  • Megapraticante

  • Offline
  • ***
  • 558
Desolatamente discriminata
« Risposta #64 il: 28 Feb 2006, 12:17 »
Questa campagna contro gli omosessuali è stata scatenata dalla chiesa cattolica.

Le gerarchie ecclesiastiche accusano gli omosessuali di essersi "infiltrati" nel clero (un terzo dei sacerdoti è omosessuale) e di essere la causa dei crimini dei preti pedofili.

Fanno un accostamento assurdo tra omosessualità e pedofilia, ignorando che la maggior parte dei pedofili è eterosessuale, perché ha anche relazioni con persone adulte dell'altro sesso.

Spiace che questi assurdi pregiudizi omofobi provengano non solo da una organizzazione omosessuale come la chiesa cattolica (i peggior omofobi sono gli omosessuali che non accettano la propria omosessualità), ma anche in un ambiente, quello dell'avvocatura, che dovrebbe rifuggire il pregiudizio per definizione.

Non conosco personalmente omosessuali ma credo che nel nostro ambiente siano presenti né più e né meno che in ogni altra categoria sociale. Quindi ancora più stupido è l'atteggiamento della domina di desolata.

an

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 13998
Desolatamente discriminata
« Risposta #65 il: 28 Feb 2006, 12:31 »
iason
Citazione da: "iason"
an  :)

Quota (selezione)

non fare della facile retorica...siamo abbastanza sgamati per non farci commuovere dai tuoi arditi(e assurdi)accostamenti...


facile retorica è quella di chi si riempie la bocca citando improbabili studi, senza riportarne le fonti, tanto per dare autorevolezza ad un pensiero che ciò nondimeno risulta debole e per nulla ancorato a dati scientifici.


l'omosessualità(che è diversa dall'istinto sessuale) è innaturale..su questo mi auguro conveniamo....è evidente che in una società pluralista , tollerante e democratica i gay non debbano essere nè ghettizzati nè discriminati. Se è per questo non lo sono, giustamente, nemmeno i disabili.
Estendere invece i diritti dei gay relativamente alla loro sfera sessuale ed affettiva a me sembra una forzatura, oltre che incostituzionale.
E aggiungo: l'omosessualità secondo me costituisce un limite per un armonioso e sereno sviluppo della personalità e della società.

Poi sarà anche verò che da un lato i confini tra etero ed omosessualità si stanno sempre più riducendo. Basti pensare a quanti si dichiarano bisex.

E , cmq, tutti questi paladini dell'omosessualità, anche in questa sede, mi risulta strano che tendano a precisare con forza la propria eterosessualità.
Vorrei vedervi lavorare gomito a gomito con un gay e vorrei vedere se ciò non vi turba...
Chissà chi sono gli omofobici ? :D

Per quanto riguarda la questione degli studi medici filo-patologici vai su google e fatti una ricerchina. Qualcosa trovi....

desolata

  • Habitué

  • Offline
  • ***
  • 31
Desolatamente discriminata
« Risposta #66 il: 28 Feb 2006, 12:33 »
Non era mia intenzione creare un acceso dibattito sulla omosessualita' ne' tantomeno, come dice qualcuno, un forum da asilo mariuccia...
Credo di aver subito un soppruso da un dominus, e volevo confrontarmi con voi, che sarete futuri avvocati, circa la compatibilita' di un'identita' con la professione.
Mi fa piacere leggere tutti i vostri pensireri siano essi di chiusura siano essi di solidarieta'. Li accetto tutti perche' in questo momento e' quello che cerco di conoscere...

kico

  • Praticantissimo

  • Offline
  • *****
  • 216
Desolatamente discriminata
« Risposta #67 il: 28 Feb 2006, 12:38 »
Penso che l'oggetto del post sia quello di tentare di consigliare  desolata sul da farsi nei prossimi ed immediati tempi ed ove possibile manifestarLe la nostra solidarietà circa quanto occorsoLe. Non so niente come, mi permetto anche Voi, sulle teorie circa l'omosessualità e, francamente, non mi interessa. Io giudico le persone solo sulla base del loro comportamento e, ove si tratti di collaboratori, sulla base della loro professionalità. Circa le loro attitudini o gusti sessuali, non me ne frega un ca**o. Desolata, spero che presto il tuo nick non ti rispecchi più, fra poco ti riprenderai dalla batosta ed andrai avanti, perchè la vita è questa. Ti prendi le batoste  e ti risollevi. Molta gente, poi, dal punto di vista personale può non condividere le tue scelte e, magari, non mancherà dal fartelo notare ma penso che, al momento, tu debba focalizzare che al cliente, al tuo dominus non interessa se il collaboratore o l'avvocato sia etero, gay, lesbica o altro (sempre comunque che la propria sessualità sia esplicata con decoro - come sicuramente nel tuo caso - )ma interessa che sia una PERSONA affidabile, precisa, brava professionalmente e magari con un buon carattere. Ergo, hai trovato una dominus che non ti ha apprezzato, bene. Chiudi la puntata e trovati un altro studio dove, se vali, ti farai valere. Ciao

renatoo

  • Forumdipendente

  • Offline
  • **
  • 485
Desolatamente discriminata
« Risposta #68 il: 28 Feb 2006, 12:39 »
mi dai la tua mail desolata??? Giuarda che io sono simpaticissimo.  Ho movimentato questo forum come mai niuno aveva fatto. Posso smuovere le montagne, io!!!!

dottorino

  • Nume Tutelare

  • Offline
  • *****
  • 11362
Desolatamente discriminata
« Risposta #69 il: 28 Feb 2006, 12:41 »
ma cara desolata - ammesso che non ce stai a piglià tutti per çù, il pericolo c'è sempre :-) - non ti devi preoccupare di niente, puoi fare l'avv, il magistrato, quello che vuoi, la tua sessualità non c'entra nulla di nulla.
sapessi i pazzi che girano tra queste categorie, e sono eteresessuali (dichiarati)!

odioivarieta

  • Forumdipendente

  • Offline
  • **
  • 416
Desolatamente discriminata
« Risposta #70 il: 28 Feb 2006, 12:43 »
cmq, i malati sono spesso discriminati. Lasciate stare.
Tutto sta alla sensibilità di noi. Ma l'omosessualità era cosa normale prima del'avvento della cristianità: forse che Cesare non era bisex? o forse che Socrate non aveva amanti uomini?
Quanto al resto, cara desolata mi ripeto:fottitene, e vai avantiper la tua strada.
baci, di uomo, ma baci:-) e solidarietà.
Del resto, e permettimi questa leggera divagazione, se vedo una ragazza lesbica ( ne ho conosciute tante ) ho una sorta di rifiuto psicologico a non provarci. Chissà perchè. La tentazione mi rimane anche se so che non ci sono speranze. Preferisco le bisex però.

chillenu

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 5312
Desolatamente discriminata
« Risposta #71 il: 28 Feb 2006, 12:44 »
OT
Quota (selezione)

manifestarLe la nostra solidarietà circa quanto occorsoLe

però le maiuscole non si mettono quando parli di una terza persona...
;-)

bt

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 4706
Desolatamente discriminata
« Risposta #72 il: 28 Feb 2006, 12:45 »
oggi:  
Quota (selezione)

mi risulta strano che tendano a precisare con forza la propria eterosessualità.

ieri
Quota (selezione)

Io, cmq, tanto per chiarire, non ho amici nè frequentazioni gay e lesbo.

Andiamo avanti.
 
Il problema di Desolata non è comunque "se è malata o meno" oppure se avere tendenza sessuali non conformate è sintomo di affezione patologica, ma è "può una inclinazione sessuale essere valido spunto per l'allontamento dallo studio legale"? E' discriminazione?

fuego

  • Megapraticante

  • Offline
  • ***
  • 558
Desolatamente discriminata
« Risposta #73 il: 28 Feb 2006, 12:48 »
Citazione da: "an"

l'omosessualità(che è diversa dall'istinto sessuale) è innaturale..su questo mi auguro conveniamo....


Ma quando mai l'omosessualità è innaturale???? Esistono centinaia di specie animali che praticano l'omosessaulità in NATURA.

Cosa significa essere innaturale? Gli esseri umani non fanno parte della natura? E le altre specie animali che praticano l'omosessualità non fanno parte della natura?

Ma dove sono queste persone che dovrebbero convenire con te sull'innaturalità dell'omosessualità? Forse in qualche palazzo vaticano qualcuno lo trovi ancora, ma, credimi, dici una cosa fuori dal mondo.

odioivarieta

  • Forumdipendente

  • Offline
  • **
  • 416
Desolatamente discriminata
« Risposta #74 il: 28 Feb 2006, 12:49 »
Per me è discriminazione.