Autore Topic: NEWS sulla RIFORMA dell'accesso alla professione!  (Letto 197810 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Admin_M

  • Amministratore

  • Offline
  • *****
  • Demiurgo & Sensei [先生]
  • 5384
TOPIC DEDICATO ALLE NEWS e ai dettagli della malefica riforma, non a mere opinioni personali! Grazie :)

Citazione da: "gangano"
ultima ora dal sito del "il buon diritto"

Prorogato al 15 settembre il termine per gli emendamenti al testo elaborato dal Comitato Ristretto.

Secondo il Presidente della Commissione Giustizia del Senato ciò dovrebbe consentire di raggiungere un testo largamente condiviso, con passaggio a quel punto veloce dall'Aula del Senato e, possibilmente, approvazione definitiva senza mutamenti da parte della Camera.

Se così fosse significherebbe  avere la nuova legge entro l'anno.

Ma quando in Italia i tempi parlamentari iniziano a slittare (l'originaria promessa era quella di licenziare il testo prima dell'estate) il condizionale è d'obbligo.

C'è comunque da auspicare che almeno certe problematiche pratiche (possibili con il testo attuale ed alcune ho cercato di spegarle nei miei precedenti post) vengano risolte in questo lasso di tempo che consentirà a tutti di rileggere nel dettaglio quella che, alla fine, dovrebbe diventare la nostra nuova legge professionale per i prossimi decenni....

Dovrebbe!


Ecco l'inquietante bozza di riforma di tirocinio e accesso alla professione preparata dal comitato ristretto del Senato:

TITOLO II - IL TIROCINIO PROFESSIONALE

Art. 40(Contenuti e modalità di svolgimento)
1. ---
2. Presso il consiglio dell'ordine è tenuto il registro dei praticanti avvocati, l'iscrizione al quale è condizione per lo svolgimento del tirocinio professionale. Ai fini dell'iscrizione nel registro dei praticanti è necessario il superamento di un test di ingresso, da svolgersi periodicamente con modalità informatiche presso la sede dei consigli degli ordini distrettuali, tendente ad accertare la preparazione di base del candidato sui princìpi generali degli ordinamenti e degli istituti giuridici fondamentali.

3. II test di ingresso è disciplinato da regolamento emanato dal CNF, con il quale sono determinati le caratteristiche dei quesiti, i metodi per l'assegnazione degli stessi ai candidati, l'attribuzione dei punteggi, le caratteristiche dei sistemi informativi e tutto quanto attiene alla esecuzione e alla correzione della prova stessa. L'aspirante praticante avvocato è ammesso sostenere il test di ingresso nella sede di Corte di appello nel cui distretto ha la residenza. Ai fini dell'espletamento della prova informatica e della correzione della stessa viene istituita, per la durata massima di due anni, presso l'ordine distrettuale apposita commissione, formata da avvocati, magistrati e docenti universitari .
>>>

4. Per l'iscrizione nel registro dei praticanti avvocati e la cancellazione dallo stesso si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni previste dall'articolo 15.

5. Lo svolgimento del tirocinio è incompatibile con qualunque rapporto di impiego pubblico o privato, con il compimento di altri tirocini professionali e con l'esercizio di attività di impresa; al praticante avvocato si applica, inoltre il regime delle incompatibilità e delle relative eccezioni previsto per l'avvocato dagli articoli 16 e 17.

6. Il tirocinio è svolto in forma continuativa per ventiquattro mesi; la sua interruzione per oltre sei mesi, senza giustificato motivo, comporta la cancellazione dal registro dei praticanti, salva la facoltà di chiedere nuovamente l'iscrizione nel registro, che può essere deliberata previa nuova verifica da parte del consiglio dell'ordine della sussistenza dei requisiti stabiliti dalla presente legge.

7. Il tirocinio può essere svolto:

a) presso un avvocato, con anzianità di iscrizione all'albo non inferiore a cinque anni;

b) presso l'Avvocatura dello Stato o ufficio legale di ente pubblico;

c) per non più di sei mesi, in altro paese dell'Unione europea presso professionisti legali, con titolo equivalente a quello di avvocato, abilitati all'esercizio della professione.

8. L'avvocato è tenuto ad assicurare che il tirocinio si svolga in modo proficuo e dignitoso per la finalità di cui al comma 1; pertanto, non può assumere la funzione per più di due praticanti contemporaneamente, salva l'autorizzazione rilasciata dal competente consiglio dell'ordine previa valutazione dell'attività professionale del richiedente e dell'organizzazione del suo studio.

9. Il tirocinio professionale non determina l'instaurazione di rapporto di lavoro subordinato anche occasionale.

10. Nel periodo di svolgimento del tirocinio il praticante avvocato, decorso un anno dall'iscrizione nel registro dei praticanti, può esercitare attività professionale solo in sostituzione dell'avvocato presso il quale svolge la pratica e comunque sotto il controllo e la responsabilità dello stesso, in ambito civile di fronte al Tribunale e ai giudici di pace, e in ambito penale, nei procedimenti che in base alle norme vigenti anteriormente alla legge 16 luglio 1997, n. 254, rientravano nella competenza del Pretore.

11. Il CNF disciplina con regolamento:

a) le modalità di svolgimento del tirocinio e le relative procedure di controllo da parte del competente consiglio dell'ordine;

b) le ipotesi che giustificano l'interruzione del tirocinio, tenuto conto di situazioni riferibili all'età, alla salute, alla maternità e paternità del praticante avvocato, e le relative procedure di accertamento;

c) le condizioni e le modalità di svolgimento del tirocinio in altro paese dell'Unione europea.

12. Il praticante può, per giustificato motivo, trasferire la propria iscrizione presso l'ordine del luogo ove intenda proseguire il tirocinio. Il consiglio dell'ordine autorizza il trasferimento, valutati i motivi che lo giustificano, e gli rilascia un certificato attestante il periodo di tirocinio che risulti regolarmente compiuto.



Art. 41(Corsi di formazione per l'accesso alla professione di avvocato)


1. Il tirocinio, oltre che nella pratica svolta presso uno studio professionale, consiste altresì nella frequenza obbligatoria e con profitto, per un periodo non inferiore a ventiquattro mesi di corsi di formazione di indirizzo professionale tenuti da ordini e associazioni forensi, nonché dagli altri soggetti previsti dalla legge.

2. Il CNF disciplina con regolamento di cui all'articolo 27, comma 1, lettera c):

a) le modalità e le condizioni per l'istituzione dei corsi di formazione d i cui al comma 1 da parte degli ordini e delle associazioni forensi giudicate idonee, in maniera da garantire la libertà ed il pluralismo dell'offerta formativa e della relativa scelta individuale;

b) i contenuti formativi dei corsi di formazione in modo da ricomprendervi, in quanto essenziali, l'insegnamento del linguaggio giuridico, la redazione degli atti giudiziari, la tecnica impugnatoria dei provvedimenti giurisdizionali e degli atti amministrativi, la tecnica di redazione del parere stragiudiziale e la tecnica di ricerca;

c) la durata minima dei corsi di formazione, prevedendo un carico didattico non inferiore a centosessanta ore per l'intero biennio;

d) le modalità e le condizioni per la frequenza dei corsi di formazione da parte del praticante avvocato nonché quelle per le verifiche intermedie e finale del profitto, che sono affidate ad una commissione composta da avvocati, magistrati e docenti universitari, in modo da garantire omogeneità di giudizio su tutto il territorio nazionale.



Art. 42(Certificato di compiuto tirocinio)

1. Il consiglio dell'ordine presso il quale è compiuto il biennio di tirocinio rilascia il relativo certificato che consente di partecipare alla prova di preselezione informatica per l'ammissione all'esame di Stato per le tre sessioni immediatamente successive, salvo il diritto di ripetere il biennio di tirocinio al fine del conseguimento di un nuovo certificato di compiuta pratica. Si considera come sostenuta la sessione nella quale il candidato abbia consegnato l'elaborato della prova scritta.

2. In caso di domanda di trasferimento del praticante avvocato presso il registro tenuto da altro consiglio dell'ordine, quello di provenienza certifica la durata del tirocinio svolto fino alla data di presentazione della domanda e, ove il prescritto periodo di tirocinio risulti completato, rilascia il certificato di compiuto tirocinio.

3. Il praticante avvocato è ammesso a sostenere l'esame di Stato nella sede di Corte di appello nel cui distretto ha svolto il maggior periodo di tirocinio; nell'ipotesi in cui il tirocinio sia stato svolto per uguali periodi sotto la vigilanza di più consigli dell'ordine aventi sede in distretti diversi, la sede di esame è determinata in base al luogo di svolgimento del primo periodo di tirocinio.

gangano

  • Utente storico

  • Offline
  • ***
  • 770
NEWS sulla RIFORMA dell'accesso alla professione!
« Risposta #1 il: 21 Lug 2009, 17:37 »
per admin    ci puoi mettere anche l'art. 47  e 48 che riguarda l'importante periodo transitorio di 5 anni per i praticanti?

gangano

  • Utente storico

  • Offline
  • ***
  • 770
NEWS sulla RIFORMA dell'accesso alla professione!
« Risposta #2 il: 21 Lug 2009, 17:40 »
Art. 47

(Disciplina transitoria per la pratica  professionale)

1. Fino al quinto anno successivo alla data di entrata in vigore della presente legge, l'accesso all'esame di abilitazione all'esercizio della professione di avvocato è condizionato allo svolgimento di un periodo di tirocinio pratico di due anni, condotto secondo le modalità sopra indicate, senza avere frequentato i corsi di formazione di cui all'articolo 41, dopo il superamento del test di ingresso secondo quanto previsto dall'articolo 40.

2. Il termine di cui al precedente comma può essere prorogato con decreto del Ministro della giustizia, previo parere del CNF.

3. All'articolo 1 del regolamento di cui al decreto del Ministro della giustizia 11 dicembre 2001, n. 475, le parole: «di avvocato e» sono soppresse.

 

Art. 48

(Disciplina transitoria per l'esame)

1. Per i primi due anni dall'entrata in vigore della presente legge l'esame di abilitazione all'esercizio della professione di avvocato si effettua, sia per quanto riguarda le prove scritte sia per quanto riguarda le prove orali, secondo le norme previgenti.

2. Per i successivi tre anni le modalità delle prove, sia scritte sia orali, sono disciplinate dalle norme previgenti. L'ammissione alle prove orali è subordinata al raggiungimento del punteggio non inferiore a trenta punti per ciascuna prova scritta. Per le prove orali l'idoneità è subordinata al raggiungimento del punteggio non inferiore a trenta punti per ciascuna materia.

esaurita81

  • Forumdipendente

  • Offline
  • **
  • 478
NEWS sulla RIFORMA dell'accesso alla professione!
« Risposta #3 il: 21 Lug 2009, 18:16 »
Scusate ma non capisco l'art. 47... qualcuno può darmi delucidazioni in merito.

Hartman

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 4234
NEWS sulla RIFORMA dell'accesso alla professione!
« Risposta #4 il: 21 Lug 2009, 18:20 »
Ottimo ottimo grazie Admin :)

Gli articoli sopra citati fanno parte dell'ultimo testo in discussione nel comitato ristretto della commissione "Giustizia" del Senato (è un nuovo testo che ha come base il ddl emanato dal CNF 27.2.2009 rinvenibile al seguente link http://media.camerepenali.it/200902/4314.pdf?ver=1)

Per visionare integralmente l'ultimo testo (aggiornato al 14 luglio 2009) basta cliccare su quest'altro link

http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=SommComm&leg=16&id=427395


allorquando ci saranno aggiornamenti vi terremo aggiornati ma ricordatevi che il testo visionabile non è Legge dello stato ma semplicemente un disegno di legge non avente alcun valore fin quando non verrà approvato dalle camere e successivamente pubblicato sulla G.U. A parte ciò vi ricordo che,salvo modifiche successive, esiste una normativa transitoria che dovrebbe escludere le eventuali novità legislative per molti degli attuali praticanti.

Ci riaggiorniamo il 15 settembre (data nella quale verrà ridiscussa la riforma al comitato ristretto della commissione "giustizia" del Senato)in ogni caso per visionare l'iter della riforma consultate questi due utilissimi links istituzionali inerenti le attività delle due commissioni "Giustizia"

http://www.senato.it/commissioni/4564/1472/152813/163201/sommario.htm

http://www.camera.it/organiparlamentarism/10085/242/4408/6108/commissionepermanentetesto.asp?sezioneComPer=commissione3

Admin_M

  • Amministratore

  • Offline
  • *****
  • Demiurgo & Sensei [先生]
  • 5384
NEWS sulla RIFORMA dell'accesso alla professione!
« Risposta #5 il: 21 Lug 2009, 18:28 »
Grazie a tutti, specialmente Hartman e Gangano :)

gangano

  • Utente storico

  • Offline
  • ***
  • 770
NEWS sulla RIFORMA dell'accesso alla professione!
« Risposta #6 il: 22 Lug 2009, 09:58 »
per esaurita81  spiegazione articolo 47:  come hai notato tale articolo, che disciplina in modo transitorio la pratica, afferma che "l'accesso all'esame di abilitazione è condizionato...." ; dal testo dell'articolo è volutamente esclusa la menzione del test di preselezione a cui sono collegati i tre tentativi e che invece ritrovi in altra parte della bozza di riforma, inteso come necessario ed obbligatorio per poter sostenere l'esame; ciò significa  che per cinque anni l'accesso seguirà l'art. 47  mentre per quanto riguarda l'esame vero e proprio per 5 anni si terrà con le vecchie regole del passato! dal sesto anno con la nuova normativa entrerà in vigore anche l'obbligo di sostenere il test di preselezione e saranno con teggiati dal quel momento solo tre tentativi possibili; nella vecchia formulazione della riforma (testo del CNF e del Sen MUgnai) vi era esplicito riferimento nella norma transitoria alla obbligatorietà di sostenere comunque il test di preselezione che oggi è stato stralcciato e , ci auguriamo, rimanga tale. In poche parole la norma transitoria per cinque anni sostituisce la normativa generale della riforma

gangano

  • Utente storico

  • Offline
  • ***
  • 770
NEWS sulla RIFORMA dell'accesso alla professione!
« Risposta #7 il: 22 Lug 2009, 10:02 »
comunicato dalle camere penali

22/07/2009
La riforma non deve subire battute d'arresto
Il governo rallenta la riforma di ordinamento forense. La giunta: il percorso riformatore non puo' tollerare ulteriori battute d'arresto: subito la nuova disciplina dell'accesso e l'avvio della specializzazione forense



GIUSTIZIA: PENALISTI, STUPITI PER INTERRUZIONE ESAME RIFORMA FORENSE Roma, 21 lug. - (Adnkronos) - L'Unione Camere Penali Italiane "ha appreso con stupore la notizia dell'interruzione dell'esame della riforma dell'ordinamento forense su input del Ministero della Giustizia". E' quanto scrivono in una nota i penalisti, che sottolineano come "dopo l'impegno ministeriale a recepire il testo dell'avvocatura e l'impegno del Comitato ristretto della Commissione Giustizia appare davvero incomprensibile il differimento proprio sul traguardo del Senato". L'avvocatura penale, che attende da anni una riforma che renda l'accesso alla professione piu' serio e introduca finalmente l'indispensabile specializzazione forense, "si augura che venga chiarito definitivamente dalla maggioranza questo ulteriore elemento di ritardo su uno dei temi della riforma della giustizia". (Mr

gangano

  • Utente storico

  • Offline
  • ***
  • 770
NEWS sulla RIFORMA dell'accesso alla professione!
« Risposta #8 il: 22 Lug 2009, 10:11 »
Articolo AVV. Romano di due giorni addietro

Un tentativo illiberale di riforma della professione forense, un provvedimento a tutto vantaggio delle gerarchie ordinistiche e contro gli avvocati”. E’ molto netto Gaetano Romano, presidente dell’Unione Giovani Avvocati Italiani, promotore di una protesta a suon di fax contro il progetto di riforma della professione forense in discussione al Senato.

Per Romano “non c’è da criticare solo la maggioranza, ma tutti i partiti”, se – come pare – il progetto di riforma raccoglie ampi consensi trasversali. “Anche il Pd sta contribuendo ad un provvedimento che cancellerà le misure pro-concorrenza della legge Bersani. Tra i nostri iscritti all’associazione ci sono sicuramente elettori del Partito Democratico: consiglieremo loro di sostenere Bersani e non Franceschini, un avvocato cassazionista che si sta disinteressando a quanto sta avvenendo al Senato”.

Se Sparta piange, Atene non ride: il Pd sarà connivente della “controriforma”, ma è il Pdl che la sta accettando miopisticamente. “Non so in quale paese democratico – commenta ancora Romano – il Parlamento si farebbe dettare la riforma da un’organizzazione come il Consiglio Nazionale Forense. Eppure è proprio quanto sta avvenendo”.

All’avvocato Romano chiediamo qualche considerazione specifica sul testo in discussione. “Nella prima versione, c’era il parametro del reddito minimo per restare avvocato. Ora c’è la previsione di un decreto ministeriale con il quale il CNF sarà autorizzato ad individuare i criteri per valutare se un iscritto all’Ordine sta svolgendo l’attività professionale o meno”. Una versione molto pasticciata di studi di settore, insomma. “Già. Dove è finita la libertà di scegliere se e quanto esercitare la professione?”. Romano sottolinea una chicca non da poco: “Prevedono la formazione professionale continua, noi la definiamo “coattiva”, corsi obbligatori per tutti gli avvocati eccezion fatta per i cassazionisti, i docenti universitari e gli avvocati politici, siano ministri, parlamentari o persino sindaci!”. Insomma, Ghedini e Franceschini non hanno di che preoccuparsi. “Ma la formazione non dovrebbe essere una libera scelta del professionista per restare competitivo sul mercato?”.

Sull’accesso alla professione – continua Romano – si sta realizzando un disastro: un test per poter iniziare il praticantato, scuole professionali obbligatorie a pagamento, un altro test per potere accedere all’esame di Stato! In quale paese d’Europa si costringe un laureato in giurisprudenza a tutto questo?”. Le parole di Gaetano Romano richiamano alla mente le storie (sempre più frequenti) di giovani italiani che scelgono la Spagna per diventare avvocati, per poi esercitare la professione nel nostro paese. Tutto legittimo e, a questo punto, quasi consigliabile.

Parlando di Spagna chiediamo a Romano di dire la sua sulla questione dei “troppi avvocati”, spesso sollevata per richiamare la necessità di una maggiore severità nei criteri di accesso alla professione: “Non c’è uno straccio di cifra ufficiale. Il CNF parla di 213mila, ma in assenza di un Albo Ufficiale la cifra è azzardata. Se partiamo dal dato Censis del 2006, 153mila avvocati, e sommiamo i circa 15mila abilitati per sessione, avremmo circa 180mila professionisti. Ma dovremmo togliere decessi e pensionamenti”. Si dice sempre che a Roma ci sono gli stessi avvocati della Francia. Ma da tempo Romano ribadisce che il caso francese è un’eccezione europea: in Spagna sono 160mila (con una popolazione che è pari ai due terzi di quella italiana), in Germania 150mila.

Sull’esistenza di una eventuale correlazione tra il numero di avvocati e l’aumento del contenzioso processuale, Romano rimanda alle considerazioni di Daniela Marchesi su lavoce.info, secondo cui “il fatto che si rilevi una correlazione tra numero dei processi e numero degli avvocati non dà indicazioni chiare sulle relazioni di causalità tra i due fenomeni”.

Insomma, parlare con Romano sembra come incontrare un orso bianco in mezzo al deserto: un avvocato che chiede a gran voce, nel settore in cui lavora, più concorrenza, più mercato, più riferimento al merito professionale e meno corporativismo. Aria fresca.

L’UGAI parteciperà all’incontro di presentazione del disegno di legge “Per aprire le professioni”, promosso da Libertiamo, con l’obiettivo dichiarato di contrastare con forza la controriforma in atto. “Qui non c’è da proporre emendamenti correttivi, c’è da presentare una versione completamente diversa delle cose”. Una diversa visione del mondo, ci verrebbe da dire.
---------------------------------------------------
21 lug 17:17 - POL - Giovani avvocati: incredibile Pd si lamenti rinvio riforma forense http://www.ilvelino.it/articolo.php?Id= ... _id_907856
il VELINO Agenzia Stampa Quotidiana Nazionale | Leggi l'articolo
Origine: www.ilvelino.it
Roma, 21 lug (Velino) - “I giovani avvocati italiani rimangono basiti dal fatto che il capogruppo in commissione Giustizia del Senato, Felice Casson si lamenti del fatto che la controriforma forense sia stata rimandata in.....
---------------------------------------------------


COMUNICATO STAMPA
“RIFORMA FORENSE; E’ INCREDIBILE CHE IL SENATORE CASSON DEL PD SI LAMENTI PER IL RINVIO DI UNA CONTRORIFORMA A DANNO DELLA BASE DEGLI AVVOCATI , DELLE IMPRESE E DEI CONSUMATORI”

“I giovani avvocati italiani rimangono basiti dal fatto che il Capogruppo in Commissione Giustizia del Senato, Felice Casson si lamenti del fatto che la controriforma forense sia stata rimandata in autunno” dichiara il Presidente dell’ Unione Giovani Avvocati Italiani, Gaetano Romano.
E’ per noi incredibile che ,in Commissione Giustizia del Senato, il PD solleciti l’approvazione di una riforma , da alcuni definita quasi fascista, voluta solo dalle gerarchie ordinistiche forensi e contraria agli interessi ,non solo della base degli avvocati, ma anche di imprese e consumatori.
La controriforma forense vorrebbe reintrodurre i minimi tariffari a danno di imprese, giovani avvocati e consumatori, e vorrebbe punire la base degli avvocati ,non solo con nuove spese ed incombenze insostenibili, ma anche con misure illiberali e classiste indegne della Repubblica Italiana ,come ad esempio la cancellazione dall’albo degli avvocati per asserita mancata continuità professionale.
Questa è la conferma che il Pd deve cambiare radicalmente marcia in autunno con una nuova guida nazionale finalmente degna di un centrosinistra vicina agli interessi dei consumatori , delle imprese e della base degli avvocati e quindi contraria alle richieste delle lobbies ordinistiche. “ conclude il Presidente dell’ U.G.A.I., Gaetano Romano.

gangano

  • Utente storico

  • Offline
  • ***
  • 770
NEWS sulla RIFORMA dell'accesso alla professione!
« Risposta #9 il: 22 Lug 2009, 10:22 »
Giustizia/ Anf: Bene rinvio a settembre della riforma forense
Possibili modifiche per rendere testo più idoneo
postato 14 ore fa da APCOM
ARTICOLI A TEMA
berlusconi: no aula senato a…
scuola/ domani editori sentiti in…
draghi: stop calo congiuntura,…
Altri
Roma, 21 lug. (Apcom) - L'Associazione nazionale forense esprime soddisfazione per la decisione della commissione Giustizia del Senato di rinviare a settembre il termine per la presentazione degli emendamenti al disegno di legge di riforma della professione forense.

"Siamo stati gli unici - ha dichiarato il segretario generale dell'Anf Ester Perifano - a dire sin dall'inizio che la riforma, così com'era stata proposta, non poteva essere approvata. Ora, finalmente, se ne accorge anche la commissione Giustizia del Senato che, correttamente, prende tempo temendo che l'altro ramo del Parlamento l'affossi definitivamente".

"Per l'Associazione nazionale forense - ha continuato Perifano - è positivo che Palazzo Madama abbia deciso di prendere più tempo e predisporre tutte quelle modifiche che saranno necessarie a renderla più moderna e, soprattutto, più gradita alla base, e non solo ai vertici, dell'Avvocatura".

gangano

  • Utente storico

  • Offline
  • ***
  • 770
NEWS sulla RIFORMA dell'accesso alla professione!
« Risposta #10 il: 22 Lug 2009, 10:23 »
ho inserito tre articoli credo importanti per capire gli attuali umori dopo il rinvio della riforma a settembre-ottobre

Hartman

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 4234
NEWS sulla RIFORMA dell'accesso alla professione!
« Risposta #11 il: 22 Lug 2009, 10:25 »
..
Citazione da: "gangano"
"Siamo stati gli unici - ha dichiarato il segretario generale dell'Anf Ester Perifano - a dire sin dall'inizio che la riforma, così com'era stata proposta, non poteva essere approvata. Ora, finalmente, se ne accorge anche la commissione Giustizia del Senato che, correttamente, prende tempo temendo che l'altro ramo del Parlamento l'affossi definitivamente".

"Per l'Associazione nazionale forense - ha continuato Perifano - è positivo che Palazzo Madama abbia deciso di prendere più tempo e predisporre tutte quelle modifiche che saranno necessarie a renderla più moderna e, soprattutto, più gradita alla base, e non solo ai vertici, dell'Avvocatura".


ma è realmente così? hanno rinviato per approntare nuove modifiche?se si  quali? Gangano se puoi indaga...

gangano

  • Utente storico

  • Offline
  • ***
  • 770
NEWS sulla RIFORMA dell'accesso alla professione!
« Risposta #12 il: 22 Lug 2009, 10:36 »
per hartman cercherò di informarmi! comunque credo che la paura di alcuni derivi dal fatto che le truppe del CNF sono stanziate al senato mentre alla camera ci sono più pensatori liberi; ciò potrebbe significare che se la riforma non viene concordata anche con i membri della camera in maniera preventiva, la riforma stessa potrebbe essere affossata e dopo cadrebbe in maniera definitiva; in questo modo si cerca invece di evitare il cas..o tra camere; si consideri anche che per esempio alla camera c'è un certo Manlio COntento che da sempre ha dichiarato che le nuove norme non dovevano essere applicate in alcun modo per gli anni futuri agli attuali praticanti; c'è una deputata molto potente membro della commissione giustizia che è in fase di superamento dell'esame e non credo che voglia autoimpallinarsi con la riforma!

esaurita81

  • Forumdipendente

  • Offline
  • **
  • 478
NEWS sulla RIFORMA dell'accesso alla professione!
« Risposta #13 il: 22 Lug 2009, 11:51 »
Grazie per i chiarimenti gangano.

Superpraticante

  • Megapraticante

  • Offline
  • ***
  • 687
NEWS sulla RIFORMA dell'accesso alla professione!
« Risposta #14 il: 22 Lug 2009, 15:00 »
Citazione da: "gangano"
Articolo AVV. Romano di due giorni addietro

 Tra i nostri iscritti all’associazione ci sono sicuramente elettori del Partito Democratico: consiglieremo loro di sostenere Bersani e non Franceschini, un avvocato cassazionista che si sta disinteressando a quanto sta avvenendo al Senato”.




un bel chi se ne frega su come voteranno non ce lo mettiamo?
 :evil:
qui si fa politica non difesa dei nostri interessi mentre ci sta cadendo addosso una riforma bieca

gangano

  • Utente storico

  • Offline
  • ***
  • 770
NEWS sulla RIFORMA dell'accesso alla professione!
« Risposta #15 il: 22 Lug 2009, 15:47 »
per superpraticante  invece è molto importante perchè mentre Franceschini è un avvocato Cassazionista, Bersani non è avvocato e il Cnf gli è stato sempre sul c..zo! questo significa che da nuovo segretario del pd potrebbe stoppare i suoi parlamentari sulla riforma  forense o costringere il pd a sposare una riforma altamente modificata rispetto ad ora!

Hartman

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 4234
NEWS sulla RIFORMA dell'accesso alla professione!
« Risposta #16 il: 22 Lug 2009, 15:48 »
non mi è piaciuta questa presa di posizione dell'U.g.a.i. sugli affari interni del PD. Bersani liberalizzatore appoggiato da D'Alema e dall'area di sinistra?? Franceschini appoggiato dall'area liberal del partito invece è statalista?? dai non scherziamo

gangano

  • Utente storico

  • Offline
  • ***
  • 770
NEWS sulla RIFORMA dell'accesso alla professione!
« Risposta #17 il: 22 Lug 2009, 15:50 »
per hartman  sinceramente io ho più fiducia in Bersani; poi magari sbaglio

Superpraticante

  • Megapraticante

  • Offline
  • ***
  • 687
NEWS sulla RIFORMA dell'accesso alla professione!
« Risposta #18 il: 22 Lug 2009, 15:52 »
Citazione da: "Hartman"
non mi è piaciuta questa presa di posizione dell'U.g.a.i. sugli affari interni del PD.


su questo quoto
come al solito con la scusa delle associaizoni si fa politica
a noi cosa importa?
non diamo spazio a questi soggetti che si vogliono fare pubblicità!

Hartman

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 4234
NEWS sulla RIFORMA dell'accesso alla professione!
« Risposta #19 il: 22 Lug 2009, 15:56 »
Citazione da: "gangano"
per superpraticante  invece è molto importante perchè mentre Franceschini è un avvocato Cassazionista, Bersani non è avvocato e il Cnf gli è stato sempre sul c..zo! questo significa che da nuovo segretario del pd potrebbe stoppare i suoi parlamentari sulla riforma  forense o costringere il pd a sposare una riforma altamente modificata rispetto ad ora!


Franceschini è supportato dall'area liberal del partito, per intenderci quell'area che guarda con interesse a Rossi,Giavazzi,Alesina,Morando e che politicamente sta più al centro. Bersani viceversa è supportato dalla vecchia nomenklatura del PCI/PDS/DS con una visione maggiormente a sinistra che annovera, fra gli altri alcuni dei firmatari delle leggi contro gli avvocati (in primis la senatrice Anna Finocchiaro).

Personalemnte sulla questione, mi sento maggiormente garantito da giovani come Franceschini,Serracchiani,Veltroni che da Bersani stesso che è supportato da vip del partito non propriamente liberali

Hartman

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 4234
NEWS sulla RIFORMA dell'accesso alla professione!
« Risposta #20 il: 22 Lug 2009, 16:01 »
Citazione da: "Superpraticante"
Citazione da: "Hartman"
non mi è piaciuta questa presa di posizione dell'U.g.a.i. sugli affari interni del PD.


su questo quoto
come al solito con la scusa delle associaizoni si fa politica
a noi cosa importa?
non diamo spazio a questi soggetti che si vogliono fare pubblicità!


sono d'accordo, quelle sono vicende interne al PD,vicende peraltro particolarmente complesse che poco hanno a che vedere con le norme taglia-avvocati. Lasciamo che il PD elegga il suo segretario. Schierarsi per l'uno o per l'altro non è una questione che deve riguardare i praticanti. Peraltro non condivido la scelta che un associazione di avvocati si schieri per l'uno o per l'altro. Un associazione di avvocati/praticanti deve garantire tutti a prescindere dai colori politici ed è per questo che non può/deve prendere posizione con un partito o addirittura con parte di un partito.

gangano

  • Utente storico

  • Offline
  • ***
  • 770
NEWS sulla RIFORMA dell'accesso alla professione!
« Risposta #21 il: 22 Lug 2009, 16:22 »
poichè gli emendamenti alla bozza di riforma forense da depositare entro il 15 settembre presso la commissione giustizia al senato potrebbero essere concordati da subito con i membri della commissione giustizia alla camera per evitare il cosiddetto fenomeno "navetta" di passaggio da una camera all'altra con continue modifiche del progetto di legge, domani invierò a tutti e 45 i membri della commissione giustizia alla camera lettera personale riservata dove insisterò, come avvenuto per i membri della commissione giustizia al senato, su alcuni punti da modificare nella riforma per venire ancora più incontro ai praticanti legali.

Hartman

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 4234
NEWS sulla RIFORMA dell'accesso alla professione!
« Risposta #22 il: 22 Lug 2009, 16:33 »
Ottimo lavoro Gangano.Secondo me gli aspetti maggiormente critici sono:

1) assenza di retribuzione del tirocinio
2) assenza di sanzioni per la non retribuzione del tirocinio
3) norma sul limite massimo di tentativi (3 sono pochi,si dovrebbe togliere o al limite si potrebbe inserire 5 tentativi)
4) introduzione del test d'ingresso per diventare praticanti
5) eliminazione del patrocinio autonomo dei praticanti
6) norme sulla continuità professionale (dovrebbero migliorare questo aspetto favorendo tutti quei legali in difficoltà economiche)
7) totale assenza di sovvenzioni e agevolazioni per i neo-avvocati (io inserirei una norma per destinare tutti i futuri tentativi di conciliazione ai soli avvocati iscritti all'albo da 7 anni)

Superpraticante

  • Megapraticante

  • Offline
  • ***
  • 687
NEWS sulla RIFORMA dell'accesso alla professione!
« Risposta #23 il: 22 Lug 2009, 16:59 »
Citazione da: "Hartman"
Ottimo lavoro Gangano.Secondo me gli aspetti maggiormente critici sono:

1) assenza di retribuzione del tirocinio
2) assenza di sanzioni per la non retribuzione del tirocinio
3) norma sul limite massimo di tentativi (3 sono pochi,si dovrebbe togliere o al limite si potrebbe inserire 5 tentativi)
4) introduzione del test d'ingresso per diventare praticanti
5) eliminazione del patrocinio autonomo dei praticanti
6) norme sulla continuità professionale (dovrebbero migliorare questo aspetto favorendo tutti quei legali in difficoltà economiche)
7) totale assenza di sovvenzioni e agevolazioni per i neo-avvocati (io inserirei una norma per destinare tutti i futuri tentativi di conciliazione ai soli avvocati iscritti all'albo da 7 anni)



1) sì
2) cancellazione dall'labo per chi non paga
3) eliminazione esame di stato (altro che tentativi!)
4) ma sei avvocato in pectore ormai vero ? vergogna!!!!
5) sì
6) da eliminare totalmente tutta la norma!
7) non so che dirti

gangano con il tuo messaggio CANCELLATO

gangano

  • Utente storico

  • Offline
  • ***
  • 770
NEWS sulla RIFORMA dell'accesso alla professione!
« Risposta #24 il: 22 Lug 2009, 17:03 »
per superpraticante  almeno 10 li conosco personalmente e con tre ho rapporti settimanali

 

[SSPL] Libri x la preparazione dell'esame di ammissione?

Aperto da meneceoSezione [ Master, Corsi per Esame Avvocato e SSPL ]

Risposte: 4
Visite: 2179
Ultimo post 03 Lug 2005, 13:39
da flo
[Dubbi sulla pratica ...] ... ma siete sicuri ...

Aperto da placcaitSezione [ Info sul tirocinio forense e discussioni tra laureandi, praticanti e patrocinatori]

Risposte: 78
Visite: 11774
Ultimo post 17 Gen 2012, 23:18
da nigripennis
Vuoi la motivazione? Passa alla cassa!

Aperto da tiglio1971Sezione [ Collaborazioni, domiciliazioni e sostituzioni in udienza ]

Risposte: 27
Visite: 4164
Ultimo post 20 Giu 2014, 12:28
da tiglio1971
VPO: accesso

Aperto da emyleleSezione [ Info sul tirocinio forense e discussioni tra laureandi, praticanti e patrocinatori]

Risposte: 2
Visite: 696
Ultimo post 27 Ott 2006, 10:29
da emylele
voto numerico alla Corte Costituzionale

Aperto da BakuninSezione [ Esame da avvocato: risultati, news, consigli e commenti ]

Risposte: 2
Visite: 864
Ultimo post 11 Ott 2004, 09:42
da Irnerio73
Voglio notizie sulla via polacca e/o rumena

Aperto da BarbaraBSezione [ Come diventare avvocato all'estero ]

Risposte: 30
Visite: 9479
Ultimo post 16 Gen 2007, 22:31
da iaena
Vizi sulla caldaia in casa acquistata: garanzia si/no?

Aperto da giaavvocatoSezione [ Civile :: Da collega a collega ]

Risposte: 3
Visite: 2405
Ultimo post 14 Ott 2011, 13:58
da nabbo81
visione prove scritte prima dell'orale

Aperto da guggioloSezione [ Esame di avvocato CdA Milano ]

Risposte: 1
Visite: 1427
Ultimo post 26 Ago 2008, 01:54
da interalv
visionare documenti allegati alla citazione

Aperto da YgoroSezione [ Un aiuto ai non-giuristi ]

Risposte: 15
Visite: 2953
Ultimo post 11 Ott 2010, 16:03
da nigripennis
Violazione delle norme dell'N.T.A.?

Aperto da krous785Sezione [ Amministrativo :: Da collega a Collega ]

Risposte: 6
Visite: 987
Ultimo post 20 Giu 2011, 18:03
da krous785