Autore Topic: Regimi fiscali per avvocati: il regime c.d. dei minimi  (Letto 21246 volte)

Hartman

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 4234
Regimi fiscali per avvocati: il regime c.d. dei minimi
« il: 06 Ottobre 2010, 16:29:04 »
IL REGIME FISCALE AGEVOLATO
PER I CONTRIBUENTI MINIMI


A partire dal 1º gennaio 2008, è stato introdotto un nuovo regime fi scale agevolato per i contribuenti c.d. “minimi”, e pertanto, dal 2008, i piccoli imprenditori e i professionisti che, di fatto già rientravano nella defi nizione di contribuenti minimi, sono passati automaticamente al nuovo regime fi scale, il quale garantisce una semplifi cazione e una riduzione degli adempimenti, diminuendo i costi. Il regime dei contribuenti minimi rappresenta quindi il regime naturale per chi possiede determinati requisiti e per coloro che nel 2007 hanno applicato il regime della franchigia (art. 32 bis, D.P.R. n. 633/72). Ciò signifi ca che tali contribuenti
hanno potuto avvalersi dal 1° gennaio 2008 del nuovo regime fiscale
agevolato e iniziare automaticamente ad operare come contribuenti minimi,applicando le disposizioni proprie del regime senza dover fare alcuna comunicazione preventiva o successiva.
Invece, coloro che iniziano un’attività d’impresa, arte o professione e presumono di rispettare i requisiti previsti, devono comunicarlo nella dichiarazione di inizio attività ai fini Iva barrando la relativa casella denominata “Regime per i contribuenti minimi”.
Rientrano in tale categoria le persone fi siche esercenti attività di impresa, arti o professioni che, al contempo:
1. nell’anno solare precedente:
• hanno conseguito ricavi ovvero hanno percepito compensi, ragguagliati
ad anno, non superiori a 30.000 euro;
• non hanno eff ettuato cessioni all’esportazione;
• non hanno sostenuto spese per lavoratori dipendenti o collaboratori
anche a progetto;
• non hanno erogato utili di partecipazione ad associati che apportano
solo lavoro;

2. nel triennio solare precedente non hanno effettuato acquisti di beni strumentali, anche mediante contratti di appalto e di locazione, pure fi nanziaria, per un ammontare complessivo superiore a 15.000 euro (i beni strumentali solo in parte utilizzati nell’ambito dell’attività di impresa o di lavoro autonomo esprimono un valore pari al 50 per cento dei relativi corrispettivi);

3. iniziano l’attività e presumono di possedere i requisiti di cui ai punti 1) e 2).

Possono scegliere il nuovo regime anche i contribuenti “minimi in franchigia” che avevano optato per il regime ordinario.
Non sono considerati contribuenti minimi, e pertanto non rientrano nell’agevolazione:
1. le persone fisiche che si avvalgono di regimi speciali ai fini Iva (ad
esempio, agricoltori, agenzie di viaggio e turismo, ecc.);
2. i soggetti non residenti;
3. i soggetti che in via esclusiva o prevalente effettuano cessioni di fabbricati o porzioni di fabbricato, di terreni edifi cabili e di mezzi di trasporto nuovi;
4. gli esercenti attività d’impresa o arti e professioni in forma individuale che contestualmente partecipano a società di persone o associazioni, ovvero a società a responsabilità limitata in regime di trasparenza fiscale.
In sintesi, le agevolazioni per chi sceglie il regime dei “minimi” riguardano sia l’IVA che le imposte sul reddito, oltre che gli adempimenti contabili.

AGEVOLAZIONI IVA
Riguardo all’Iva, i contribuenti minimi da un lato non addebitano l’imposta a titolo di rivalsa e, dall’altro, non hanno diritto alla detrazione dell’imposta assolta, dovuta o addebitata sugli acquisti (anche intracomunitari e sulle importazioni). Inoltre, per gli acquisti intracomunitari e per le altre operazioni per le quali risultano debitori dell’imposta, devono integrare la fattura con l’indicazione
dell’aliquota e della relativa imposta, che versano entro il giorno 16 del mese successivo a quello di effettuazione delle operazioni. L’applicazione del regime può comportare la rettifi ca dell’Iva già detratta negli anni
in cui si è applicato il regime ordinario. In particolare, l’Iva relativa a beni e ai servizi non ancora ceduti o non ancora utilizzati deve essere rettifi cata in un’unica soluzione, senza attendere il materiale impiego degli stessi, mentre l’Iva relativa ai beni ammortizzabili, compresi i beni immateriali, va rettifi cata soltanto se non siano ancora trascorsi quattro anni da quello della loro entrata in funzione, ovvero dieci anni dalla data di acquisto o di ultimazione se trattasi di fabbricati o loro porzioni
(ai sensi della Circolare n. 73/2007 che richiama nello specifi co l’art. 19-bis2, 3° comma del D.P.R.633/72). In altre parole, si tratta dei beni acquistati dal 2006 in poi e degli immobili acquistati o ultimati dal 2001 in poi12. La stessa rettifi ca si applica se il contribuente transita, anche per opzione, al regime ordinario Iva. Il versamento è effettuato in un’unica soluzione, entro il termine per il versamento a saldo Iva relativa all’anno precedente a quello di applicazione del regime dei contribuenti minimi, ovvero in cinque rate annuali di pari importo senza applicazione
degli interessi; le successive rate sono versate entro il termine per il versamento a saldo dell’Irpef. È possibile usufruire dell’istituto della compensazione. Le fatture devono essere emesse senza l´addebito dell´Iva e non si detrae l´Iva sugli acquisti: conseguentemente, l´Iva si trasforma in un costo deducibile dal reddito.

AGEVOLAZIONI IN MATERIA DI IMPOSTE SUL REDDITO
Non sono più dovute Irpef, e addizionali regionali e comunali e Irap. Il nuovo regime comporta l’applicazione di un’imposta sostitutiva del 20 per cento sul reddito, calcolato come differenza tra ricavi o compensi e spese sostenute, comprese le plusvalenze e le minusvalenze dei beni relativi all’impresa o alla professione.Il reddito si determina applicando il principio di cassa, il che comporta un’immediata e integrale rilevanza dei costi, anche quelli inerenti i beni strumentali per la quota deducibile (circostanza molto incentivante soprattutto in fase di avvio dell’attività produttiva). Dal reddito si possono dedurre per intero i contributi previdenziali, compresi quelli corrisposti per conto dei collaboratori dell´impresa familiare fiscalmente a carico e quelli versati per i collaboratori non a carico ma per i quali il titolare non ha esercitato il diritto di rivalsa. Le perdite fiscali possono essere portate in diminuzione dagli altri redditi di qualsiasi natura nell’esercizio di formazione; l’eventuale eccedenza non può essere utilizzata negli anni successivi (si veda la circolare n. 73/E del 21 dicembre 2007).
Al fine di elencare tutte le possibili agevolazioni legate a questo particolare regime fiscale, si precisa quanto segue:
• il reddito di lavoro autonomo (o di impresa) su cui applicare tale imposta
è costituito dalla diff erenza tra l’ammontare dei ricavi o compensi percepiti nel periodo di imposta e quello delle spese sostenute nel periodo
stesso nell’esercizio dell’attività di impresa o dell’arte o della professione;
• concorrono alla formazione del reddito le plusvalenze e le minusvalenze
dei beni relativi all’impresa o all’esercizio di arti o professioni;
• i contributi previdenziali versati in ottemperanza a disposizioni di
legge si deducono dal reddito;
• per le modalità di versamento valgono le disposizioni in materia di
versamento dell’imposta sui redditi delle persone fisiche;
• i componenti positivi e negativi di reddito riferiti a esercizi precedenti
a quello di applicazione del regime, la cui tassazione o deduzione
è stata rinviata, partecipano, per le quote residue alla formazione
del reddito dell’esercizio precedente a quello di efficacia del predetto regime, solo per l’importo della somma algebrica delle predette
quote eccedente l’ammontare di 5.000 euro (in caso di importo non
eccedente il predetto ammontare di 5.000 euro, le quote non assumono
rilevanza nella determinazione del reddito; in caso di importo
negativo della somma algebrica lo stesso concorre integralmente
alla formazione del predetto reddito);
• le perdite fi scali generatesi nei periodi d’imposta anteriori a quello
da cui decorre il regime e quelle generatesi nel corso del predetto
regime possono essere computate in diminuzione del reddito secondo
le ordinarie regole precedentemente indicate;
• non si applicano gli studi di settore.


il reddito soggetto all’imposta sostitutiva:

ACCONTI

Ai fini del calcolo Irpef dovuto per l’anno in cui avviene il passaggio dal regime ordinario di tassazione a quello previsto per i contribuenti minimi, non si tiene conto delle disposizioni che regolano il regime agevolato.


AGEVOLAZIONI CONTABILI
Fermo restando l’obbligo di conservare i documenti ricevuti ed emessi, i contribuenti minimi:
• sono esonerati dagli obblighi di registrazione e di tenuta delle scritture contabili;
• sono esonerati dal versamento dell’Iva e da tutti gli altri obblighi previsti dal decreto Iva, ad eccezione degli obblighi di numerazione e di conservazione delle fatture di acquisto e delle bollette doganali e di certifi cazione dei corrispettivi.
• esonero dagli obblighi di liquidazione e versamento dell’Iva
e da tutti gli altri obblighi previsti dal D.P.R. n. 633/1972 (registrazione
delle fatture emesse e di acquisto, dichiarazione e
comunicazione annuale, eccetera);
• esonero dagli obblighi di registrazione e tenuta delle scritture
contabili ai fi ni delle imposte sul reddito;
• esonero dagli studi di settore, compresa la presentazione
della comunicazione dei dati rilevanti per gli studi di settore.
• numerazione e conservazione delle fatture di acquisto e delle
bollette doganali;
• emissione delle fatture con l’indicazione che trattasi di “operazione
eff ettuata ai sensi dell’articolo 1, comma 100, della legge
fi nanziaria per il 2008”;
• integrazione della fattura per gli acquisti intracomunitari e per
le altre operazioni8 per le quali risultano debitori dell’imposta;
• versamento dell’imposta di cui al punto precedente entro il giorno
16 del mese successivo a quello di eff ettuazione delle operazioni;
• presentazione degli elenchi Intrastat agli uffi ci doganali.

OPZIONE PER IL REGIME ORDINARIO

I soggetti che rientrano nel regime dei contribuenti minimi
possono comunque optare per l’applicazione dell’Iva e delle
imposte sul reddito nei modi ordinari. L’opzione, valida per almeno un triennio, va comunicata con la prima dichiarazione annuale Iva da presentare successivamente alla scelta operata.
Trascorso il periodo minimo di permanenza nel regime ordinario, l’opzione
resta valida per ciascun anno successivo, fi no a quando permane la concreta applicazione della scelta operata.
L’opzione esercitata per il periodo d’imposta 2008 può essere revocata con effetto dal successivo periodo d’imposta; la revoca va comunicata con la prima dichiarazione annuale da presentare successivamente alla scelta operata.

CESSAZIONE
Il regime dei contribuenti minimi cessa di avere applicazione dall’anno successivo a quello in cui viene meno una delle condizioni di applicazione dello stesso. Tuttavia, se in un anno i ricavi o i compensi percepiti superano di oltre il 50% il limite di 30.000 euro, il regime cessa di avere applicazione dall’anno stesso e per i successivi tre anni l’interessato sarà obbligato ad adottare il regime ordinario.
Per l’anno in cui cessa il regime sarà dovuta l’Iva sui corrispettivi delle operazioni imponibili effettuate nell’intero anno solare che, per la frazione d’anno antecedente al superamento del limite, sarà determinata mediante scorporo dai corrispettivi, salvo il diritto alla detrazione dell’imposta sugli acquisti relativi al medesimo periodo.

Nel caso di passaggio da un periodo di imposta soggetto al regime agevolato a un periodo di imposta soggetto a regime ordinario, al fi ne di evitare salti o duplicazioni di imposizione, i ricavi, i compensi e le spese sostenute che, in base alle regole del regime agevolato, hanno già concorso a formare il reddito non assumono rilevanza nella determinazione del reddito dei periodi di imposta successivi anche se di competenza di tali periodi. Viceversa, quelli che, seppure di competenza del periodo soggetto al regime agevolato, non hanno concorso a formare il reddito imponibile del periodo, assumono rilevanza nei periodi di
imposta successivi nel corso dei quali si verifi cano i presupposti previsti dal regime agevolato. Corrispondenti criteri si applicano per l’ipotesi inversa di passaggio dal regime ordinario di tassazione a quello agevolato.

ACCERTAMENTO E SANZIONI

Per l’accertamento, la riscossione, le sanzioni e il contenzioso si applicano, in quanto compatibili, le ordinarie disposizioni in materia di imposte dirette, Iva e Irap.
In caso di infedele indicazione, da parte dei contribuenti minimi, dei dati attestanti i requisiti e le condizioni per accedere al regime agevolato che determinano la cessazione del regime stesso, le misure delle sanzioni minime e massime applicabili sono aumentate del 10% se il maggior reddito accertato supera del 10% quello dichiarato.

REGIMI AGEVOLATI ABROGATI
Con l’introduzione del nuovo regime agevolato sono abrogati alcuni dei vecchi regimi agevolati, e precisamente:
• il regime dei contribuenti minimi in franchigia;
• il regime delle attività marginali (c.d. “forfettone”);
• il regime super semplificato.



ildementecolombo

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 5452
Regimi fiscali per avvocati: il regime c.d. dei minimi
« Risposta #1 il: 06 Ottobre 2010, 23:49:25 »
E quindi?

Alamut

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 5284
Regimi fiscali per avvocati: il regime c.d. dei minimi
« Risposta #2 il: 06 Ottobre 2010, 23:51:27 »
E' uno spot promozionale del Ministero dell'Economia :D

ildementecolombo

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 5452
Regimi fiscali per avvocati: il regime c.d. dei minimi
« Risposta #3 il: 06 Ottobre 2010, 23:53:07 »
Con anni di ritardo.... :roll:

Hartman

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 4234
Regimi fiscali per avvocati: il regime c.d. dei minimi
« Risposta #4 il: 06 Ottobre 2010, 23:59:58 »
Citazione da: "ildementecolombo"
E quindi?


nulla.Allorquando qualche collega avrà qualche dubbio sul regime dei minimi si troverà questa discussione nella quale potrà reperire molte utili informazioni dal contributo che ho riportato :lol:

TheRealPinkLady

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 3351
Regimi fiscali per avvocati: il regime c.d. dei minimi
« Risposta #5 il: 07 Ottobre 2010, 00:04:30 »
allora per la par condicio devi postare anche gli altri regimi :D

Hartman

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 4234
Regimi fiscali per avvocati: il regime c.d. dei minimi
« Risposta #6 il: 07 Ottobre 2010, 00:09:09 »
Citazione da: "TheRealPinkLady"
allora per la par condicio devi postare anche gli altri regimi :D


lo stavo per fare,ma siccome bisogna sistemare rigo per rigo un infinità di pagine alla fine ho desistito.Ho postato solo il regime più semplice,che peraltro è il mio,per cui se ho bisogno di una ripassatina so dove ritrovare le informazioni :D

Hartman

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 4234
Regimi fiscali per avvocati: il regime c.d. dei minimi
« Risposta #7 il: 13 Ottobre 2010, 13:56:13 »
primo dubbio:

nelle parcelle indicate "Iva esente ex comma 100 art. 1 legge finanziaria 2008" ?

ziopino75

  • Senatore

  • Offline
  • *****
  • 1628
Regimi fiscali per avvocati: il regime c.d. dei minimi
« Risposta #8 il: 13 Ottobre 2010, 14:28:23 »
A me risultava "Operazione senza addebito IVA ai sensi del C. 100, art. 1, L. 244/2007". E' cambiato qualcosa con la nuova finanziaria?

Hartman

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 4234
Regimi fiscali per avvocati: il regime c.d. dei minimi
« Risposta #9 il: 13 Ottobre 2010, 14:40:55 »
Non ho verificato ciò che mi è stato riferito,ma sembrerebbe che il regime dei c.d. "minimi" nasca come regime transitorio che necessita di essere prorogato finanziaria per finanziaria.In ogni caso la legge 244/07 dovrebbe essere la "finanziaria 2008"

http://www.studioriccimaurizio.it/i_nuovi_minimi.html

ziopino75

  • Senatore

  • Offline
  • *****
  • 1628
Regimi fiscali per avvocati: il regime c.d. dei minimi
« Risposta #10 il: 13 Ottobre 2010, 15:02:43 »
Hai ragione. Nella fretta non so per quale motivo avevo letto art. 1 comma 96 e quindi i conti non mi tornavano.
Ricorda che la fattura sconta € 1,81 di bollo per importi superiori a € 77,47.

Domanda stupida da pausa postprandiale: questi € 1,81 si possono esporre in fattura tra le esenti?

Nemoiudex

  • Forumdipendente

  • Offline
  • **
  • 445
Regimi fiscali per avvocati: il regime c.d. dei minimi
« Risposta #11 il: 13 Ottobre 2010, 18:15:35 »
Io metto sempre in fattura tra le esenti... Trannne clienti affezionati dove appiccico ma non cito...

Hartman

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 4234
Regimi fiscali per avvocati: il regime c.d. dei minimi
« Risposta #12 il: 29 Ottobre 2010, 19:25:21 »
non so dalle vostre parti,ma dalle mie la marca da 1,81 è vista come un optional...

frigorotto

  • Senatore

  • Offline
  • *****
  • 1953
Regimi fiscali per avvocati: il regime c.d. dei minimi
« Risposta #13 il: 29 Ottobre 2010, 20:04:24 »
Ma sto benedetto € 1,81 di bollo va messo su tutte le fatture o solo sulle fatture di quei professionisti aderenti a specifici regimi fiscali?
Io nn ho mai messo alcunchè sulle fatture. mi potreste indicare gli estremi della norma che impone il bollo


Citazione da: "ziopino75"

Ricorda che la fattura sconta € 1,81 di bollo per importi superiori a € 77,47.
Domanda stupida da pausa postprandiale: questi € 1,81 si possono esporre in fattura tra le esenti?

lupuscanis

  • Divinita' Immortale

  • Offline
  • *****
  • 8576
  • Testo personale
    Il Solito Pirla
Regimi fiscali per avvocati: il regime c.d. dei minimi
« Risposta #14 il: 29 Ottobre 2010, 20:13:02 »
Solo nel caso in cui il tuo regime fiscale ti esenti dall'assoggettarti all'iva.

Cioè nel caso dei c.d. minimi

Citazione da: "frigorotto"
Ma sto benedetto € 1,81 di bollo va messo su tutte le fatture o solo sulle fatture di quei professionisti aderenti a specifici regimi fiscali?
Io nn ho mai messo alcunchè sulle fatture. mi potreste indicare gli estremi della norma che impone il bollo


Citazione da: "ziopino75"

Ricorda che la fattura sconta € 1,81 di bollo per importi superiori a € 77,47.
Domanda stupida da pausa postprandiale: questi € 1,81 si possono esporre in fattura tra le esenti?


 

diventare avvocati: ne vale la pena?

Aperto da AnonymousSezione [ Info sul tirocinio forense e discussioni tra laureandi, praticanti e patrocinatori]

Risposte: 15
Visite: 3855
Ultimo post 21 Novembre 2002, 10:31:38
da Anonymous
nuovi avvocati, nuove strade

Aperto da boboneSezione [ Giovani avvocati e i problemi della professione ]

Risposte: 5
Visite: 1760
Ultimo post 29 Dicembre 2003, 10:08:40
da Mr-Hyde
Software per avvocati... e praticanti

Aperto da leviatanoSezione [Discussioni Giuridiche: diritto, avvocatura e casi del giorno ]

Risposte: 4
Visite: 1888
Ultimo post 16 Gennaio 2004, 22:05:23
da marcomarto
partita Iva e regime agevolato

Aperto da motroSezione [Discussioni Giuridiche: diritto, avvocatura e casi del giorno ]

Risposte: 62
Visite: 11850
Ultimo post 21 Gennaio 2004, 16:33:31
da lele76
Avvocati part-time

Aperto da lele76Sezione [Discussioni Giuridiche: diritto, avvocatura e casi del giorno ]

Risposte: 44
Visite: 8296
Ultimo post 22 Marzo 2004, 11:16:34
da gregorio
Regime agevolato Iva e iscrizione Cassa Forense

Aperto da cechetSezione [ Varie :: Da collega a collega ]

Risposte: 8
Visite: 1960
Ultimo post 22 Aprile 2004, 16:45:06
da panchita
Nuove tariffe per gli avvocati

Aperto da francescachiccaSezione [ Varie :: Da collega a collega ]

Risposte: 36
Visite: 7204
Ultimo post 14 Giugno 2004, 12:22:21
da nicodemo
avere più avvocati

Aperto da alessio81Sezione [ Info sul tirocinio forense e discussioni tra laureandi, praticanti e patrocinatori]

Risposte: 6
Visite: 1008
Ultimo post 16 Giugno 2004, 09:29:36
da Paccolo
Ius&Law, corsi specifici per l'esame da avvocato

Ricerca personalizzata



Come ci si abilita per diventare Avvocato in Spagna?
  
Domiciliazioni Legali e Sostituzioni d'Udienza tra Avvocati (e Praticanti)
Ricerca e offerta di Domiciliazioni Legali tra avvocati

 
Annunci Sponsorizzati


Annunci Google